Database Italia

George Floyd Endgame: legge marziale e stato di polizia

È inquietante sentire le persone, anche le più preparate, descrivere le rivolte di George Floyd come anarchismo. Le rivolte non sono anarchiche, sono nichiliste. Le persone impegnate nel saccheggio, incendio doloso e assalto diffuso hanno una comprensione zero della filosofia politica. 

Ci sono, ovviamente, molte persone che dimostrano di non essere coinvolte nel crimine e nella violenza. Tuttavia, questi sono gli imbecilli, gli idealisti regolarmente sfruttati dallo stato e dai suoi media di propaganda. 

Gli “anarchici” furiosi – tra i quali molti agenti provocatori senza dubbio – non sono interessati alla giustizia, all’equità, alla non violenza e al dialogo pacifico. Stanno fornendo un pretesto per inaugurare uno stato di polizia fascista. 

I disordini di George Floyd sono esemplificati nell’assioma problema-reazione-soluzione. Dopo che Ronald Reagan iniziò la sua guerra alla droga “tolleranza zero”, il Pentagono iniziò il processo di conversione dei dipartimenti di polizia locali in bande paramilitari pagate da contribuenti che non ne hanno capito nulla. 

I poliziotti americani militarizzati vestiti di nero – tra cui molti veterani delle guerre illegali in Afghanistan, Iraq e Siria – vedono i cittadini come nemici. Questo viene inculcato in loro nell’accademia e ogni giorno sul lavoro. È una mentalità di gruppo. 

La propaganda dei media si concentra esclusivamente sull’omicidio dei neri. Tuttavia, se consideriamo le statistiche, molte più vittime della reazione eccessiva della polizia e del sadismo sono bianche. Questo fatto, tuttavia, non è funzionale all’ordine del giorno, che è la distruzione della società civile attraverso la polarizzazione politica irrazionale, il razzismo, il tribalismo e la violenza crescente. 

Questo stato di cose verrà sfruttato per chiedere una repressione del dissenso politico. La “traccia dei contatti” di COVID viene ora utilizzata per rintracciare gli attivisti e quelli associati ad essi . Il riconoscimento facciale viene utilizzato per trovare individui mirati tra la folla. Fin dall’inizio, ho detto che questo presunto espediente di pubblica sicurezza sarebbe stato usato per isolare e distruggere l’attivismo pacifico. 

Ora che la polizia si unisce ai manifestanti , lo stato alzerà il fuoco. Credo che possiamo aspettarci che un evento false flag che giustifichi la legge marziale, imposta principalmente a pugno di ferro nelle più grandi aree urbane d’America. Al fine di essere in sintonia con la retorica spinta dall’élite dei media, la false flag sarà centrata sui “nazionalisti bianchi” e su altri “estremisti” ora considerati dall’FBI peggio dell’ISIS o di al-Qaeda. 

Il COVID è stato il primo atto. Ha dimostrato che milioni di americani seguiranno gli ordini autoritari dei loro “rappresentanti” e funzionari eletti.  Il COVID è stato in parte un test per vedere fino a che punto i cittadini possono essere pressati prima di reagire. 

Le rivolte di George Floyd rappresentano il secondo atto dei blocchi generati dal COVID. La copertura mediatica della propaganda 24 ore su 24, 7 giorni su 7, delle città in fiamme e il saccheggio dei grandi magazzini in tutta la nazione hanno spaventato gli americani messo l’interesse sul virus a margine. 

Se il caos continua, ci saranno richieste di legge e ordine da parte dei cittadini.

Lo stato ha pianificato questa eventualità per decenni. Dopo le rivolte razziali della fine degli anni ’60, il governo stabilì l’elenco ADEX di “sovversivi”, vale a dire attivisti contrari allo stato.

L’elenco ADEX è il piccolo antenato del Main Core di oggi, un database contenente dati personali e finanziari su oltre un milione di persone. REX-84, Garden Plot, Lantern Spike e altre operazioni militari furono messi in atto per radunare attivisti e nemici dello stato, come ha sottolineato l’ ex deputato Jack Brooks

Non è chiaro cosa farà lo stato dopo come parte finale della sua ultima e più grande operazione psicologica contro il popolo americano. Tuttavia, come ha dimostrato “Plandemic”, la paura e la divisione sono necessari per mantenere in linea le plebe.

Divide et impera – dividi e conquista – è stato usato per secoli da vari stati autoritari, molto prima che Niccolò Machiavelli scrivesse la sua The Art of War.

Di Davide Donateo

Fonte:  Anno zero in America. Abbattere le statue è solo l’inizio.

  • http://www.breitbart.com/politics/2020/05/30/minnesota-using-contact-tracing-to-determine-if-agitators-organized-cell-of-terror/
  • http://www.ibtimes.com/some-police-join-us-protests-against-brutality-want-justice-george-floyd-video-2985852
  • http://www.youtube.com/watch?v=fWaNFLEZODc


Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments