Quantcast
Database Italia

GERMANIA, RAPPORTO DEL MINISTERO DELL’INTERNO DENUNCIA “UN FALSO ALLARME GLOBALE”. TRABALLA IL CASTELLO DI CARTE



Il governo federale tedesco e i media mainstream sono impegnati nel controllo dei danni dopo un  rapporto  trapelato dal ministero degli interni che sfida la narrativa Corona consolidata.

Alcuni dei passaggi chiave del rapporto sono:

  • La pericolosità del Covid-19 è stata sopravvalutata: probabilmente in nessun momento il pericolo rappresentato dal nuovo virus è andato oltre il livello normale.
  • Le persone che muoiono di Corona sono essenzialmente quelle che morirebbero statisticamente quest’anno, perché sono arrivate alla fine della loro vita e il loro corpo indebolito non può più far fronte allo stress quotidiano casuale (compresi i circa 150 virus attualmente in circolazione).
  • In tutto il mondo, entro un quarto di anno, non ci sono stati più di 250.000 decessi per Covid-19, rispetto a 1,5 milioni di decessi [ 25.100 in Germania ] durante l’ondata influenzale 2017/18.
  • Il pericolo ovviamente non è maggiore di quello di molti altri virus. Non ci sono prove che questo fosse più di un falso allarme.
  • Un rimprovero potrebbe andare in questa direzione: durante la crisi Corona lo Stato si è dimostrato uno dei maggiori produttori di Fake News.

Si può pensare che peggio di così non potesse andare, invece c’è di più.

Il rapporto si concentra sulle “molteplici e pesanti conseguenze delle misure Corona” e avverte che queste sono “gravi”.

Più persone muoiono a causa delle misure Corona imposte dallo stato di quante ne vengano uccise dal virus.

Il motivo è uno scandalo in divenire:

Un sistema sanitario tedesco incentrato sul Corona sta posticipando la chirurgia salvavita e ritardando o riducendo il trattamento per i pazienti non Corona.

Berlino in modalità negazione. Gli scienziati reagiscono.

Inizialmente, il governo ha cercato di liquidare il rapporto come “il lavoro di un dipendente” e il suo contenuto come “la sua opinione” – mentre i giornalisti serravano i ranghi, senza fare domande, con i politici.

Ma il rapporto di 93 pagine intitolato “Analisi della gestione della crisi” è stato redatto da un comitato scientifico nominato dal ministero dell’Interno e composto da esperti medici esterni di diverse università tedesche.

La relazione è stata su iniziativa di un dipartimento del ministero dell’Interno denominato Unità KM4 e incaricato della “Protezione delle infrastrutture critiche”.

Gli autori del rapporto hanno emesso un comunicato stampa congiunto   già l’11 maggio, rimproverando il governo per aver ignorato il parere degli esperti e chiedendo al ministro degli interni di commentare ufficialmente la dichiarazione congiunta degli esperti:

“Le misure terapeutiche e preventive non dovrebbero mai portare più danni della malattia stessa. Il loro scopo dovrebbe essere quello di proteggere i gruppi a rischio, senza compromettere la disponibilità di cure mediche e la salute dell’intera popolazione, come purtroppo sta accadendo “

“Noi nella pratica scientifica e medica stiamo sperimentando i danni secondari delle misure Corona sui nostri pazienti su base giornaliera”.

“Chiediamo quindi al Ministero Federale dell’Interno, di commentare il nostro comunicato stampa, e speriamo in una discussione pertinente sulle misure [Corona], che porti alla migliore soluzione possibile per tutta la popolazione”

Al momento in cui scriviamo, il governo tedesco non ha ancora reagito.

Ma i fatti stanno – purtroppo – giustificando le preoccupazioni degli esperti medici.

Il 23 maggio il quotidiano tedesco  Das Bild ha  intitolato: “Conseguenze drammatiche delle misure Corona: 52.000 operazioni contro il cancro ritardate”.

Al suo interno, un dirigente medico avverte che “sentiremo per anni gli effetti collaterali della crisi Corona”.

Sparare al whistleblower. Ignorare il messaggio.

Come   riportato da Der Spiegel il 15 maggio: “Stephen Kohn [l’informatore] da allora è stato sospeso dal servizio. Gli è stato consigliato di prendere un avvocato e il suo laptop di lavoro è stato confiscato. “

Kohn aveva originariamente fatto trapelare il rapporto il 9 maggio alla rivista liberal-conservatrice  Tichys Einblick,  uno dei media alternativi più popolari della Germania.

La notizia del rapporto è diventata mainstream in Germania durante la seconda settimana di maggio, ma già nella terza settimana i media e i politici hanno smesso di discutere la questione rifiutandosi di commentarla.

Emblematico è stato l’approccio adottato da Günter Krings, il rappresentante del ministro dell’Interno Horst Seehofer, il capo del whistleblower:
Alla domanda se, compatibilmente con il suo ruolo, avrebbe trattato seriamente il documento, Krings ha risposto:

“Se inizi ad analizzare documenti del genere, molto presto inviti i ragazzi con il cappello di carta stagnola alle audizioni parlamentari”.

Uomini con cappelli di carta stagnola – Aluhut in tedesco – è un termine usato per descrivere le persone che credono nelle teorie del complotto.

Infatti un articolo di Der Spiegel che si rivolgeva al movimento di protesta Corona e alle conseguenze del rapporto trapelato conteneva la parola “cospirazione” non meno di 17 volte!

E nessuna discussione sulle questioni sollevate dal rapporto stesso.

Fuori dalla Germania la notizia è praticamente passata inosservata.

Il movimento di protesta – o “Corona-Rebellen”.

I tedeschi hanno iniziato a manifestare contro i Lockdowns già ad aprile.

E migliaia di cittadini continuano a presentarsi alle manifestazioni ogni fine settimana, anche se il governo sta allentando le restrizioni.

Le dimostrazioni non sono solo contro le restrizioni, che in realtà sono state relativamente lievi rispetto a molti altri paesi occidentali.

Le dimostrazioni mettono in discussione l’intera Corona Narrative, e ancor di più i suoi presidi, in particolare il ruolo che Bill Gates sta giocando, come secondo donatore dell’OMS (il primo da quando Trump ha sospeso il contributo degli Stati Uniti).

In effetti le più grandi dimostrazioni di questo tipo si sono svolte a  Stoccarda  il 9 maggio, dove decine di migliaia di persone si sono riunite per dire no – al NWO.

I tedeschi stanno dicendo no a qualsiasi soluzione orwelliana che il governo potrebbe un giorno imporre per un discutibile “stato di emergenza”, dalle app di sorveglianza di massa alle vaccinazioni obbligatorie.

Il rapporto trapelato ha dimostrato che i loro timori sono fondati.

Almeno per quanto riguarda la natura fasulla della “pandemia Corona”.

Il resto potrebbe presto seguire.

Daniele Pozzati – Strategic Culture 29 maggio 2020
fonte

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai! Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, i blocchi delle pubblicità ad intermittenza e in ultimo l’immotivata chiusura del conto Pay Pal uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.

SOSTIENICI

German Leaked Docs and Coronavirus from SCF on Vimeo.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

5 2 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments