Database Italia

GERMANIA, SENTENZA ESPLOSIVA: “LOCKDOWN INCOSTITUZIONALE E CATASTROFICAMENTE SBAGLIATO…UN ATTACCO ALLE FONDAMENTA DELLA SOCIETÀ”



Un tribunale distrettuale tedesco ha dichiarato incostituzionale il rigoroso blocco imposto dal governo dello stato centrale della Turingia la scorsa primavera, assolvendo una persona accusata di violazione del lockdown.

Un caso banale su un uomo che viola le rigide regole di blocco tedesche festeggiando un compleanno con i suoi amici è finito con una decisione che i media tedeschi hanno descritto come “politicamente esplosiva”.
Un tribunale distrettuale della città di Weimar non ha solo assolto l’imputato, ma ha anche affermato che le stesse autorità hanno violato la legge fondamentale tedesca.

La chiusura primaverile della Turingia è stata una decisione politica catastroficamente sbagliata con conseguenze drammatiche per quasi tutte le aree della vita delle persone“, ha detto la corte, giustificando la sua decisione. Ha condannato in particolare una restrizione che limita le riunioni private tra membri della stessa famiglia.

Era questo il regolamento che un uomo del posto ha violato ospitando una festa alla quale hanno partecipato i suoi sette amici. Tuttavia, il giudice ha affermato che lo stesso governo regionale ha violato la “dignità umana inviolabilmente garantita” assicurata dall’articolo 1 della legge fondamentale tedesca in primo luogo imponendo tali restrizioni.

Secondo la corte, il governo non aveva motivi legali sufficienti per imporre le restrizioni poiché non c’era una sussistente e reale “situazione epidemica di importanza nazionale” in quel momento e il sistema sanitario non correva il rischio di crollare. Il giudice ha inoltre stabilito che il governo regionale non aveva il diritto di introdurre misure di tale portata poiché spettava ai legislatori farlo.

Il blocco imposto in Turingia ha rappresentato “la più completa restrizione dei diritti fondamentali nella storia della Repubblica federale di così vasta portata”, la corte ha definito le misure un attacco alle fondamenta della nostra società , che è stato “sproporzionato”.

La decisione, tuttavia, ha effetto solo su questo caso specifico, che ha visto l’imputato assolto e liberato dalla necessità di pagare una multa di € 200 ($ 243). Quando si tratta di considerazioni più ampie, la sentenza non è giuridicamente vincolante, sebbene ogni tribunale tedesco possa emettere un giudizio sulla costituzionalità degli ordini emessi da qualsiasi autorità diversa dal Bundestag o dal Landtag (un parlamento regionale).

Tuttavia, la decisione ha suscitato molto scalpore tra alcuni funzionari e organi di stampa locali poiché la Germania ha attualmente un blocco rigoroso abbastanza simile in vigore che è stato imposto dal governo federale a novembre e ripetutamente esteso e rafforzato da allora.

Questa settimana, il gabinetto del cancelliere Angela Merkel ha esteso la restrizione fino a metà febbraio.

L’ufficio del pubblico ministero regionale della Turingia ha già presentato un reclamo contro la sentenza del tribunale emessa mercoledì chiedendo che fosse riesaminata e possibilmente ribaltata con la consegna del caso a un altro giudice. La decisione deve essere “rivista per sviluppare ulteriormente la legge e garantire una giurisdizione unificata” quando si tratta di blocco e la sua violazione, ha detto ai media locali un portavoce della procura, Hannes Gruenseisen.

Il blocco è stato un argomento controverso in Germania, poiché la nazione ha ripetutamente assistito a proteste contro la misura in varie città durante l’autunno e l’inverno 2020.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments