Database Italia

Giappone, Inizia l’era dei robot. Da Agosto i primi commessi con intelligenza artificiale

TOKYO – A partire dal mese di agosto, un robot che ricorda vagamente un canguro inizierà a impilare sandwich, bevande e piatti pronti sugli scaffali di un minimarket giapponese in un test che il suo produttore, Telexistence, spera possa aiutare a scatenare un’ondata di automazione al dettaglio.

A seguito di tale processo, il titolare dei negozii FamilyMart afferma di voler utilizzare lavoratori robotizzati in 20 negozi intorno a Tokyo entro il 2022. All’inizio, saranno gestiti da remoto – fino a quando l’intelligenza artificiale (AI) delle macchine non avrà imparato a imitare l’uomo. La catena di negozi rivali Lawson invece inserirà il suo primo robot a settembre, secondo Telexistence.

“Aumenta la portata e la portata dell’esistenza umana”, ha dichiarato il capo del produttore di robot, Jin Tomioka, spiegando come la sua tecnologia consente alle persone di percepire e sperimentare luoghi diversi da quello in cui si trovano.

L’idea, soprannominata telexistence, è stata proposta per la prima volta dal cofondatore della start-up, la professoressa Susumu Tachi dell’Università di Tokyo, quattro decenni fa.

La loro società ha ricevuto finanziamenti da Softbank Group e dall’operatore di servizi di telefonia cellulare KDDI in Giappone, con investitori esteri tra cui il produttore europeo di aeromobili Airbus SE.

Il suo design eccentrico ha lo scopo di aiutare gli acquirenti a sentirsi a proprio agio perché le persone possono sentirsi a disagio con robot che sembrano troppo umani.

FUGA DALLE FABBRICHE

I robot sono ancora uno spettacolo raro in pubblico. Sebbene possano superare gli umani negli impianti di produzione costruiti intorno a loro, hanno ancora qualche difficoltà con compiti semplici in contesti urbani più imprevedibili.

Risolvere questo problema di prestazioni potrebbe aiutare le aziende dei paesi industrializzati, in particolare quelli in rapido invecchiamento come il Giappone, per far fronte a un minor numero di lavoratori.

Dall’inizio dell’epidemia, gli hotel, i ristoranti e persino le compagnie del gas e del petrolio hanno contattato Telexistence, ha detto Tomioka.

“Ora è difficile dire quale impatto potrebbero avere i robot nei ristoranti: potrebbe significare un minor numero di persone, ma potrebbe anche creare nuovi posti di lavoro”, ha affermato Niki Harada, funzionario della Japan Workers Union.

Sebbene FamilyMart abbia ancora bisogno di esseri umani per controllare i propri robot, gli operatori possono trovarsi ovunque e includere persone che normalmente non lavorerebbero nei negozi, ha affermato Tomohiro Kano, direttore generale responsabile dello sviluppo del franchising.

“Ci sono circa 1,6 milioni di persone in Giappone, che per varie ragioni non sono attive nella forza lavoro”, ha detto.

I futuri robot di telexistence potrebbero anche essere utilizzati negli ospedali in modo che i medici potessero eseguire operazioni da postazioni remote, ha predetto il professor Takeo Kanade, uno scienziato di intelligenza artificiale e robotica presso la Carnegie Mellon University negli Stati Uniti, che è entrato a far parte di Telexistence a febbraio come consulente.

Tuttavia, potrebbero essere necessari altri 20 anni prima che i robot possano lavorare nelle case delle persone.

“Affinché i robot siano realmente utilizzabili a casa, dobbiamo davvero essere in grado di comunicare. La cosa fondamentale che manca è sapere come si comporteranno gli umani. “

Fonte: Reuters



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.