Quantcast
Database Italia

Gli americani sono liberi di non rinnovare il mandato a Trump, ma resterebbero incastrati con Soros per sempre, che gli piaccia o no.

George Soros ha pronunciato parole dure per Donald Trump, definendolo “pericoloso” e disposto a fare “qualsiasi cosa per restare al potere”. Ma che dire dello stesso finanziere, che opera in tutto il mondo al di fuori del giusto processo democratico?

La vita del finanziere miliardario sembra essere una lunga battaglia contro i presunti nemici della “Open Society” – un concetto controverso reso popolare da Karl Popper, un filosofo nato a Vienna che ha scritto “The Open Society and Its Enemies”. Il principale tra i suoi nemici giurati è Trump, la cui campagna “Make America Great Again” prevede, tra le altre cose, un muro costruito al confine tra Stati Uniti e Messico e una minore dipendenza dai lavoratori delle fabbriche straniere.   

In occasione del suo 90 ° compleanno questa settimana, Soros si è seduto per un’intervista al quotidiano La Repubblica, in cui ha espresso alcune opinioni stridenti sul presidente degli Stati Uniti.

” Sono fiducioso che Trump si rivelerà un fenomeno transitorio, che si spera si concluderà a novembre ” , ha osservato Soros. “ Ma rimane molto pericoloso. Sta combattendo per la sua vita e farà di tutto per rimanere al potere, perché ha violato la Costituzione in molti modi diversi e se perde la presidenza, sarà ritenuto responsabile. 

Per chiunque abbia seguito la traiettoria della lunga carriera di Soros, quelle osservazioni saranno probabilmente egoistiche e ipocrite. Dopo tutto, l’uomo che notoriamente ha mandato in rovina la Banca d’Inghilterra in gioventù non si sente vincolato da alcun tipo di procedura democratica, né è controllato da un sistema basato su equilibri tra poteri, come sono i funzionari eletti. Invece, Soros, solo in virtù della sua magnifica ricchezza, a quanto pare, è in grado di creare il mondo dei suoi sogni – e non una sola persona ha mai votato per la realizzazione o meno degli stessi.

Prendiamo ad esempio le ultime proteste che hanno colpito gli Stati Uniti dopo la morte di George Floyd per mano di un poliziotto bianco. In un momento estremamente delicato nella storia americana, quando le tensioni razziali erano al punto di rottura, Soros ha deciso che questo era il momento perfetto per donare quasi un quarto di miliardo di dollari a diversi gruppi per la giustizia razziale, tra cui Black Lives Matter (BLM), che è responsabile per le violente proteste nelle città di tutta la nazione.

Soros ha detto di essere stato spinto ad agire perché questa era la prima volta negli Stati Uniti ” che una grande maggioranza della popolazione, oltre ai neri, riconosce che esiste una discriminazione sistemica contro i neri che può essere ricondotta alla schiavitù “.

Soros ha torto, tuttavia, o almeno deve essere sfidato sulle sue percezioni. Molti americani, compresi i neri, rifiutano l’idea che il paese sia colpito dalla “discriminazione sistemica” e dal razzismo. Anche se certamente non mancano i bigotti negli Stati Uniti, come ce ne sono ovunque, neri e bianchi hanno lavorato insieme per molti decenni per raggiungere l’uguaglianza razziale. E diciamocelo: nessun americano vivo oggi è stato un proprietario di schiavi, proprio come nessun nero oggi è mai stato uno schiavo. Allora, perché Soros sta trascinando l’istituzione della schiavitù, che finì quasi 200 anni fa, in seguito alla guerra più mortale nella storia d’America?

Ma donare denaro a gruppi di attivisti controversi è un gioco da ragazzi rispetto al rimodellare il sistema giudiziario americano. Sì, anche Soros si è dilettato tranquillamente in quel progetto. Nel 2016, è stato riferito che aveva donato oltre 3 milioni di dollari a candidati progressisti neri e ispanici per le campagne dei procuratori distrettuali. Uno dei beneficiari di questa generosità è Kim Gardner, che ora è l’avvocato di circoscrizione di St. Louis, Missouri.

Per capire quale tipo di Soros “progressista” preferisce, Gardner ha sporto denuncia contro Mark e Patricia McCloskey, una coppia sposata che ha risposto ai manifestanti del BLM che sconfinavano nella loro proprietà e facevano gesti minacciosi brandendo armi da fuoco. La coppia ha detto di aver esercitato il diritto del Secondo Emendamento di ” portare armi ” quando si teme per la propria vita. Tuttavia, secondo Gardner sostenuto da Soros, erano fuori dai limiti. Tutto questo sembra essere parte di una strana tendenza che si sta verificando nelle città e negli stati controllati dai Democratici, molti dei quali hanno ricevuto il denaro di Soros: nello stesso momento in cui ai manifestanti violenti è permesso saccheggiare i centri urbani, si lanciano appelli a ” defund the police ”, mentre i cittadini medi stanno perdendo il diritto di proteggersi dai pericoli.

E l’influenza di Soros non è limitata agli Stati Uniti. Nel 2018 è stato abbastanza audace e, cosa più importante, abbastanza ricco da promuovere i suoi piani per ” salvare ” l’Unione europea da una ” crisi esistenziale ” “Questo si è concentrato su tre idee controverse : fornire assistenza monetaria ai paesi in Africa e in altri paesi in via di sviluppo, anche attraverso la migrazione verso l’UE; affrontare la questione dell’austerità, che è ironico, considerando che agli europei viene chiesto di fare di più per gli stranieri mentre si aspettano di ricevere meno assistenza dai loro governi; e infine, la Brexit, che secondo Soros è una cattiva idea per il Regno Unito.

Ora, che uno sia o meno d’accordo o in disaccordo con Soros su questi temi, e su molti altri, non è il punto (per una visione più comprensiva del signor Soros, leggi questo ). Il punto è che un uomo immensamente ricco, che non ricopre cariche pubbliche e non deve rendere conto agli elettori, è riuscito a esercitare un’influenza insondabile sul panorama politico di molte nazioni. Per chiunque dubiti di tale affermazione, si consideri l’ opuscolo di 177 pagine pubblicato da Open Society, intitolato “Reliable Allies in the European Parliament (2014-2019).” In esso sono elencati ed etichettati 226 eurodeputati dell’UE in base al loro orientamento politico e alle loro opinioni.

Secondo la pubblicazione, “ La presenza di un MEP in questa mappatura indica che è probabile che sosterrà il lavoro di Open Society. Considerando che ci sono 751 membri del Parlamento europeo, gli “alleati affidabili” di George Soros detengono almeno un terzo dei seggi. “Quella rivelazione diventa ancora più problematica quando si ricorda che Soros ha donato 18 miliardi di dollari a Open Society Foundations nel 2017, rendendola una delle più grandi organizzazioni filantropiche del mondo.

Mentre alcuni potrebbero sostenere che Soros ha fatto molte grandi cose con i suoi soldi, ci sono molte persone che non sono d’accordo. Eppure non hanno voce in capitolo, semplicemente perché non possiedono munizioni da guerra (economiche) con cui promuovere le proprie opinioni. Nel caso di Donald Trump, ad esempio, il popolo americano potrà votare a novembre, se vorrà vederlo alla Casa Bianca per altri quattro anni. Tuttavia, sebbene il contributo di Soros al mondo della politica sia probabilmente non inferiore a quello di Trump, e forse anche di più, a nessuno è permesso votare sui suoi controversi programmi. Se Soros fosse sinceramente preoccupato per le persone, come proclama, permetterebbe a più democrazia di brillare nel suo mondo laccato d’oro. Il fatto che non dica tutto quello che dobbiamo.

Altri Articoli su George Soros:



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.