Database Italia

“Gli daremo protezione”: il presidente messicano promette asilo a Julian Assange. Roger Waters dei Pink Floyd: “Salvatelo Ora! La sentenza è una tattica di rinvio”

Il presidente del Messico ha offerto asilo al fondatore di WikiLeaks Julian Assange, poche ore dopo che un giudice britannico si è rifiutato di estradarlo negli Stati Uniti per affrontare le accuse di spionaggio.

“Assange è un giornalista e merita una possibilità, sono favorevole a perdonarlo”, ha detto lunedì ai giornalisti il ​​presidente Andres Manuel Lopez Obrador, dicendo “gli daremo protezione”.

“La nostra tradizione è la protezione”, ha aggiunto Obrador.

Lunedì scorso, il giudice Vanessa Baraitser ha rifiutato di estradare Assange negli Stati Uniti, dove pendono sulla sua testa 18 accuse di cospirazione per aver hackerato i computer del governo degli Stati Uniti e aver pubblicato documenti militari riservati. Baraitser non ha contestato le accuse contro Assange, ma ha ritenuto che l’estradizione sarebbe opprimente, data la salute mentale di Assange, ed esporrebbe l’editore a rischio di suicidio.

I suoi sostenitori hanno fatto pressioni sul presidente degli Stati Uniti Donald Trump per concedergli la grazia, ma Trump non ha ancora dato indicazioni.

Intanto Il frontman dei Pink Floyd Roger Waters ha chiesto l’immediato rilascio di Julian Assange sostenendo che la battaglia del fondatore di WikiLeaks sia tutt’altro che finita vista la possibilità per Washington di richiedere un appello.

“Lasciate che l’uomo inizi a vivere”, ha detto Waters in un’intervista con RT lunedì, insistendo sul fatto che Assange deve essere liberato dalla custodia nella prigione di Belmarsh di massima sicurezza di Londra senza indugio.

Noi, sostenitori [di Assange], dobbiamo dire ‘Cauzione. Devi liberarlo adesso. Ha sofferto ben oltre qualsiasi sofferenza che avrebbe dovuto essere inflitta a lui per la sua piccola violazione della cauzione, che è il suo unico crimine ai sensi della legge britannica. Quindi liberatelo adesso.

Mentre Waters si è detto rincuorato dalle “scene di giubilo” fuori dal tribunale di Old Bailey in seguito alla decisione, ha notato che è stato “altrettanto deludente” vedere che gli Stati Uniti avevano già presentato un appello “a pochi minuti dalla sentenza”.

“Questa è chiaramente una tattica ritardante”, ha detto della sentenza, aggiungendo che gli avvocati che rappresentano Washington “ovviamente” sapevano del piano del giudice per negare l’estradizione.

Mettendo in guardia contro l’ottimismo, la rockstar ha detto che un appello degli Stati Uniti potrebbe trascinare il caso di Assange per “almeno un altro paio di anni” , prevedendo che Baraitser non gli avrebbe concesso la libertà su cauzione.

“Afferma che è un rischio di fuga… Fornirà tutte le solite ragioni. La vera ragione, ovviamente, è che vogliono tenerlo confinato finché non muore. Questo è quello che sperano “, ha detto Waters, aggiungendo che mentre Baraitser ha rifiutato l’estradizione, tuttavia ” ha ritenuto che l’intero caso degli Stati Uniti contro Assange fosse corretto, legalmente, che gli Stati Uniti hanno vinto la causa “.

Waters ha detto che le implicazioni del caso di Assange si estendono ben oltre la libertà di un giornalista, dicendo che simboleggia una “battaglia per la sopravvivenza della razza umana” e il futuro del Quarto Potere in tutto il mondo.

“Se permettiamo al governo degli Stati Uniti di crocifiggere un giornalista sulla base del fatto che ha rivelato i suoi crimini di guerra, allora rinunciamo al nostro accesso al mondo reale. Diciamo ‘OK, crederemo a quello che ci dici’ “, ha detto, aggiungendo che i media continuano a condurre ” una campagna di propaganda molto, molto potente “ per ” diffamare Julian Assange “.

Dopo aver trascorso circa sette anni sotto asilo politico presso l’ambasciata dell’Ecuador a Londra – dove è rimasto tra i timori che Washington lo accusasse e lo estradasse per la pubblicazione di materiale classificato da parte di WikiLeaks – lo status protetto di Assange è stato revocato nel 2019 a seguito dell’ascesa al potere di un nuovo presidente in quel paese .

È stato arrestato dalle autorità britanniche quasi immediatamente dopo con un’accusa di omissione di cauzione vecchia di anni, spingendo il Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti a rimuovere il sigillo di un atto di accusa di 18 capi di imputazione secondo cui Assange ha cospirato per “hackerare” computer militari al fine di ottenere documenti riservati, tra cui il video “Collateral Murder” del 2007, che mostra un elicottero Apache statunitense che abbatte una folla di civili a Baghdad, tra cui due giornalisti Reuters. Da allora ha atteso l’estradizione nella prigione di Belmarsh. Mercoledì dovrebbe essere presentata una domanda di cauzione.

Se Assange accettasse l’offerta di Lopez Obrador, probabilmente dovrebbe soppesare la promessa di protezione del presidente contro il fatto che Obrador potrebbe essere fuori carica nel 2024, quando il suo mandato di sei anni si concluderà.

Da quando è entrato in carica, Lopez Obrador ha perseguito una politica estera idiosincratica. Da un lato, il presidente di sinistra ha protetto il presidente boliviano Evo Morales dopo un colpo di stato di destra nel 2019 e si è rifiutato di seguire l’esempio degli Stati Uniti e dei loro alleati in America Latina e ha riconosciuto il leader dell’opposizione Juan Guaido come presidente ad interim del Venezuela l’anno scorso.

D’altra parte, Lopez Obrador ha ampiamente sostenuto l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Il leader messicano ha rafforzato la sicurezza al suo confine meridionale quando Trump ha inveito contro le “carovane” di migranti centroamericane che entravano negli Stati Uniti attraverso il Messico, ed è stato rimborsato da Trump durante i negoziati con l’OPEC lo scorso anno, quando il presidente degli Stati Uniti è intervenuto per aiutare il Messico a evitare tagli alla produzione di petrolio

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.