Database Italia

Gli Stati Uniti propongono modifiche all’immunità delle piattaforme Internet

WASHINGTON (Reuters) – Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha presentato mercoledì una proposta legislativa che cerca di riformare un’immunità legale per le società di Internet e segue la proposta del presidente Donald Trump all’inizio di quest’anno di reprimere i giganti della tecnologia.

La proposta mira a frenare la sezione 230 del Communications Decency Act, che offre grandi piattaforme tecnologiche come Google GOOGL.O di Alphabet e le protezioni FB.O di Facebook dalla responsabilità sui contenuti pubblicati dagli utenti.

Il disegno di legge avrebbe bisogno dell’approvazione del Congresso e non è probabile che vedrà azione fino al prossimo anno. Ci sono diversi atti legislativi in ​​corso al Congresso che cercano di frenare la stessa immunità. Non è stato immediatamente chiaro se il Dipartimento di Giustizia sosterrà un singolo atto legislativo già in circolazione.

La proposta del Dipartimento di Giustizia afferma principalmente che quando le società Internet “distribuiscono intenzionalmente materiale illegale o contenuto moderato in malafede, la Sezione 230 non dovrebbe proteggerle dalle conseguenze delle loro azioni”.

Propone una serie di riforme per garantire che le società di Internet siano trasparenti sulle loro decisioni quando rimuovono i contenuti e quando dovrebbero essere ritenute responsabili del discorso che modificano. Inoltre, rivede le definizioni esistenti della sezione 230 con un linguaggio più concreto che offre maggiori indicazioni agli utenti e ai tribunali.

Incentiva inoltre le piattaforme online ad affrontare i contenuti illeciti e spinge per una maggiore chiarezza sulle azioni di esecuzione civile federale.

Il procuratore generale William Barr ha dichiarato che l’amministrazione sta esortando “il Congresso a fare queste riforme necessarie alla Sezione 230 e iniziare a ritenere le piattaforme online responsabili sia quando censurano illegalmente i discorsi sia quando facilitano consapevolmente attività criminali online”.

A giugno, il Dipartimento di Giustizia ha proposto che il Congresso adotti una legislazione per limitare questa immunità. Questo è avvenuto dopo che Trump a maggio ha firmato un ordine esecutivo che cerca una nuova supervisione normativa delle decisioni di moderazione dei contenuti delle aziende tecnologiche e ha sostenuto la legislazione per abolire o indebolire la Sezione 230.

Trump si incontrerà mercoledì con un gruppo di procuratori generali dello stato. Twitter ha ripetutamente posto etichette di avvertimento sui tweet di Trump, affermando di aver incluso informazioni potenzialmente fuorvianti sul voto per corrispondenza.

Trump incontrerà i procuratori generali dello stato di Texas, Arizona, Utah, Louisiana, Arkansas, Mississippi, Carolina del Sud e Missouri – come Trump, tutti repubblicani – secondo una persona informata sulla questione.

Trump a maggio ha ordinato al Dipartimento del Commercio di presentare una petizione chiedendo alla Commissione federale per le comunicazioni di limitare le protezioni ai sensi della Sezione 230 dopo che Twitter aveva avvertito i lettori di maggio di verificare i suoi post su affermazioni infondate di frode nel voto per corrispondenza. La petizione è ancora pendente.

Un gruppo che rappresenta le principali società di Internet tra cui Facebook, Amazon.com Inc AMZN.O e Google ha esortato la FCC a respingere la petizione, affermando che é “fuorviante, priva di fondamento giuridico e pone serie preoccupazioni di politica pubblica”.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.