Home Deep State ATTACCO ALL’EUROPA. Gli Stati Uniti sospettati di sabotaggio dell’oleodotto Nord Stream

ATTACCO ALL’EUROPA. Gli Stati Uniti sospettati di sabotaggio dell’oleodotto Nord Stream

23
0

Le infrastrutture sottomarine che portavano il gas russo direttamente in Germania sono state danneggiate in quello che molti ritengono essere un attacco clandestino

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha chiesto chi l’Ue intenda punire con la “risposta più forte possibile” per i danni ai gasdotti Nord Stream.

Il diplomatico ha affermato che l’ex ministro degli Esteri polacco ha già identificato gli Stati Uniti come la parte dietro l’apparente sabotaggio. Radoslaw Sikorski è ben collegato alle élite di Washington grazie al suo impiego in vari Think Tank.

I due gasdotti Nord Stream sono stati gravemente danneggiati questa settimana in quello che si sospetta sia stato un attacco deliberato.

Martedì la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha definito l’incidente “azione di sabotaggio” e ha avvertito che “qualsiasi interruzione deliberata delle infrastrutture energetiche europee attive è inaccettabile e porterà alla risposta più forte possibile”.

Mercoledì, Zakharova ha chiesto a chi si sarebbe applicato esattamente l’avvertimento.

“Non capisco. L’eurodeputato Sikorski ha ringraziato gli Stati Uniti per quello che è successo, quindi chi sta “minacciando” Ursula lì?” ha scritto sui social.

Zakharova si riferiva alla reazione all’incidente di Sikorski, ora legislatore dell’UE, che ha pubblicato su Twitter una foto del sito in cui sono avvenute le esplosioni con le parole: “Grazie, USA”. Ha descritto l’incidente come una “operazione di manutenzione speciale”.

Sikorski ha aggiunto che “non c’è carenza di capacità del gasdotto per portare il gas dalla Russia all’Europa occidentale, compresa la Germania”, riferendosi al gasdotto terrestre Yamal-Europa che attraversa la Bielorussia e la Polonia. Dopo il danno al Nord Stream, il presidente russo Vladimir Putin “dovrà parlare con i paesi che controllano” la rotta alternativa per riprendere i rifornimenti, ha previsto.

Zakharova in precedenza ha chiesto se i tweet di Sikorski equivalessero a una “dichiarazione ufficiale secondo cui si trattava di un attacco terroristico”. Nel frattempo, Dmitry Polyanskiy, il vice ambasciatore russo presso le Nazioni Unite, ha ringraziato Sikorski per “aver chiarito chiaramente chi c’è dietro questo attacco in stile terroristico alle infrastrutture civili!”

Approfondimenti:

Non sono mancate le minacce da parte di alcune nazioni occidentali contro gli oleodotti sottomarini russi, in particolare il Nord Stream 2 sia prima che dopo la fine di febbraio, quando Mosca ha inviato truppe in Ucraina. Era pronto per pompare gas da settembre dello scorso anno, ma non è stato messo in funzione a causa del rifiuto della Germania di certificarlo. Il mese scorso il presidente polacco Andrzej Duda ha chiesto che l’oleodotto fosse “totalmente demolito”.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha avvertito all’inizio di febbraio, prima che la Russia iniziasse le sue operazioni militari in Ucraina, che se Mosca avesse agito contro Kiev, “non ci sarà più un Nord Stream 2. Porremo fine a tutto questo”. Un giornalista gli ha chiesto di chiarire cosa intendesse esattamente, a cui Biden ha risposto: “Te lo prometto, lo faremo”.

Martedì il segretario di Stato americano Antony Blinken ha commentato l’incidente, affermando che attaccare gli oleodotti russi “non è nell’interesse di nessuno”.

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari peri contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleUn video trapelato da Israele espone l’insabbiamento degli effetti collaterali del vaccino Covid
Next article“Semi magici” di Bill Gates non risolveranno la fame nel mondo, ma “creeranno un disastro ecologico”
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.