CoronavirusDeep StateEight O’Clock in the MorningEventi Avversi V.C.PoliticaSocietà

GLI ULTIMI GIORNI DEL CULTO COVID

Non sarà carino, gente. Raramente accade la caduta di un culto della morte. Si udiranno lamenti e stridore di denti, chiacchiere fanatiche incoerenti e tentativi di cancellazione di massa di tweet imbarazzanti.

Ci sarà un vero e proprio tsunami di disperate razionalizzazioni, faticose negazioni, spudorati tentativi di modificare le responsabilità e altre forme di paraculaggine, mentre improvvisamente gli ex membri della setta Covidiana proveranno una fuga dell’ultimo minuto nella giungla.

Sì, è vero, come sono sicuro che avrai notato, la narrativa ufficiale del Covid sta finalmente andando in pezzi, o viene frettolosamente smontata, o storicamente rivista, proprio davanti ai nostri occhi.

Gli “esperti” e le “autorità” stanno finalmente riconoscendo che  le statistiche “decessi Covid” e “ricoveri in ospedale” sono gonfiate artificialmente e totalmente inaffidabili , e stanno ammettendo che  i loro “vaccini” miracolosi non funzionano  (a meno che non si cambi la definizione della parola “vaccino”) , e che  hanno ucciso poche persone ,  o forse più di poche persone , e che i blocchi sono stati probabilmente  “un grave errore”.

Non mi preoccuperò di ulteriori citazioni. Puoi navigare in Internet e rendertene conto da solo.

Il punto è che la PSYOP “Pandemia apocalittica” ha raggiunto la sua data di scadenza. Dopo quasi due anni di isteria di massa per  un virus che causa sintomi di raffreddore o influenza da lieve a moderata (o assolutamente nessun sintomo di sorta) in circa il 95% degli infetti  e  il cui tasso di mortalità generale per infezione è di circa tra lo 0,1 % e lo 0,5% , i nervi delle persone sono colpiti.

Siamo tutti esausti. Anche i cultisti covidiani sono esausti. E stanno iniziando ad abbandonare il culto in massa.

Era sempre per lo più solo una questione di tempo. Come ha detto Klaus Schwab:

la pandemia ha rappresentato una finestra di opportunità rara ma ristretta per riflettere, reimmaginare e ripristinare il nostro mondo”.

Non è finita, ma quella finestra si sta chiudendo e il nostro mondo non è stato “reimmaginato” e “reimpostato”, non irrevocabilmente, non ancora. Chiaramente, il Capitalismo globale ha sottovalutato la potenziale resistenza al Great Reset e il tempo necessario per schiacciare quella resistenza.

E ora il tempo stringe, e la resistenza non è schiacciata… anzi, sta crescendo. E non c’è niente che GloboCap possa fare per fermarlo, a parte mostrarsi apertamente totalitario, cosa che non può, poiché sarebbe un suicidio. Come ho notato in un recente articolo:

Articoli correlati

Il totalitarismo New Normal –  e qualsiasi forma di totalitarismo capitalista globale  – non può mostrarsi come totalitarismo, o addirittura autoritarismo. Non può riconoscere la sua natura politica. Per esistere, non deve esistere. Soprattutto, deve cancellare la sua violenza ( la violenza a cui alla fine si riduce tutta la politica ) e ci appare come una risposta essenzialmente benefica a una legittima ‘crisi sanitaria globale’…”

La “crisi sanitaria globale” simulata è, a tutti gli effetti, finita.

Il fatto è che, se hai intenzione di mantenere le masse in balia di una frenesia insensata di paranoia per una “pandemia globale apocalittica”, a un certo punto, devi produrre una vera pandemia globale apocalittica.

Statistiche e propaganda false ti trasporteranno emotivamente per un po’, ma alla fine le persone avranno bisogno di sperimentare qualcosa che almeno assomigli a una vera piaga mondiale devastante.

Inoltre, GloboCap ha seriamente esagerato con i “vaccini” miracolosi. I cultisti Covid credevano davvero che i “vaccini” li avrebbero protetti dalle infezioni. Esperti di epidemiologia come Rachel Maddow hanno assicurato loro che:

Ora sappiamo che i vaccini funzionano abbastanza bene che il virus si ferma grazie a ogni persona vaccinata”,  ha detto Maddow nel suo programma la sera del 29 marzo 2021 . “Una persona vaccinata viene esposta al virus, il virus non la infetta, il virus non può quindi usare quella persona per andare altrove”, ha aggiunto con un’alzata di spalle. “Non può usare una persona vaccinata come ospite per andare a prendere altre persone”.

E ora sono tutti malati di… beh, un raffreddore, in pratica, o sono  “infetti in modo asintomatico”  o altro. E guardano a un futuro in cui dovranno sottoporsi a “vaccinazioni” e “richiami” ogni tre o quattro mesi per mantenere aggiornati i loro “certificati di conformità”, per poter svolgere un lavoro, frequentare una scuola, o mangiare in un ristorante, che, va bene, ai cultisti più accaniti sta bene, ma ci sono milioni di persone che si sono conformate, non perché sono fanatici deliranti che avvolgerebbero la testa dei loro figli nel cellophan se Anthony Fauci glielo ordinasse, ma puramente per “solidarietà”, o convenienza, o istinto di gregge, o… sai, codardia.

Molte di queste persone (cioè i non fanatici) stanno iniziando a sospettare che forse quello che noi “estremisti con il cappello di carta stagnola, negazionisti del Covid, anti-vax, teorici della cospirazione” abbiamo detto loro negli ultimi 22 i mesi potrebbero non essere così folli come pensavano inizialmente.

Stanno facendo marcia indietro, razionalizzando, rivedendo la storia e inventando ogni tipo di stronzata egoistica, come siamo ora in ” un mondo post-vaccino ” o come ” la scienza è cambiata ” o come ” Omicron è diverso ”, per evitare di essere costretti ad ammettere di essere vittime di una PSYOP e dell’isteria di massa mondiale che ha generato.

Il che… è un bene, lascia che dicano tutto ciò di cui hanno bisogno per il bene della loro vanità, o della loro reputazione di giornalisti investigativi, celebrità di sinistra o rivoluzionari di Twitter.

Se pensi che questi membri della setta Covidiana in “ripresa” riconosceranno mai pubblicamente tutti i danni che hanno fatto alla società, alle persone e alle loro famiglie, da marzo 2020, tanto meno scusarsi per tutti gli abusi che hanno riversato su quelli di noi che hanno riportato i fatti… beh, ti sbagli. Non lo faranno.

Ci gireranno intorno, equivocheranno, razionalizzeranno e mentiranno a denti stretti, qualunque cosa serva per convincere se stessi e il loro pubblico sarà fatta.

Dai a queste persone l’inferno se ne hai bisogno. Mi sento arrabbiato e tradito come te. Ma non perdiamo di vista la posta in gioco finale qui. Sì, la narrativa ufficiale si sta finalmente sgretolando e il Culto Covid sta iniziando a implodere, ma ciò non significa che questa lotta sia finita.

GloboCap e i suoi burattini al governo non annulleranno l’intero programma “New Normal”, faranno finta che gli ultimi due anni non siano mai accaduti e si ritireranno con grazia nei loro sontuosi bunker in Nuova Zelanda e nei loro mega yacht.

I movimenti totalitari e i culti della morte in genere non scendono con grazia. Di solito cadono in un’orgia gratuita di violenza sfrenata e nichilista mentre il culto o il movimento tenta disperatamente di mantenere la presa sui suoi membri vacillanti e di difendersi dall’invasione della realtà. Ed è qui che siamo in questo momento… o dove saremo molto presto.

Città, stati e paesi di tutto il mondo stanno portando avanti l’attuazione della società di biosicurezza New Normal, nonostante non ci sia più alcuna giustificazione plausibile per essa. L’Austria sta procedendo con la “vaccinazione” forzata.  La Germania si prepara a fare lo stesso . La Francia sta implementando un sistema nazionale di segregazione   per punire “i non vaccinati”.  La Grecia sta multando  i pensionati “non vaccinati” . L’Australia sta operando  con i “campi di quarantena”.

Scozia. Italia. Spagna. Paesi Bassi. New York. San Francisco. Toronto. L’elenco potrebbe continuare, e ancora, e ancora.

Non so cosa accadrà. Non sono un oracolo. Ma ci stiamo avvicinando pericolosamente al punto in cui GloboCap dovrà mostrarsi per il fascista in piena regola che è, se vuole finire ciò che ha iniziato.
Se ciò accade, le cose diventeranno molto brutte.

Lo so, le cose sono già brutte, ma sto parlando di un tipo completamente diverso di brutto. Pensa a Jonestown, o agli ultimi giorni di Hitler nel bunker, o agli ultimi mesi della famiglia Manson.

Questo è ciò che accade ai movimenti totalitari e ai culti della morte una volta che l’incantesimo è rotto e le loro narrazioni ufficiali vanno in pezzi. Quando scendono, cercano di portare con sé il mondo intero.

Non so voi, ma spero che possiamo evitarlo. Da quello che ho sentito e letto, non ci sarà da divertirsi.

FONTE:

CJ Hopkins è un pluripremiato drammaturgo, romanziere e scrittore satirico politico americano ma residente a Berlino. Può essere contattato all’indirizzo cjhopkins.com o consentfactory.org .

5 1 vote
Article Rating
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Gian Franco Zavoli

Sembra proprio che l’esaurimento delle miniere dei metalli, non interessi nessuno. Se il MIT di Boston ci dice che le miniere dei metalli hanno già raggiunto il picco di estrazione e di conseguenza, se ne estrarrà sempre di meno, ma con una popolazione mondiale che cresce di 80 milioni all’anno, cosa credete che possa succedere ? Ebbene sono 50 anni fa, che ce lo ha detto il Club di Roma, ci sarà il collasso della civilizzazione industriale, che farà 4 miliardi di morti. Di fronte a questa immane sciagura, Bill Gates e gli illuminati, vedendo che i governi non fanno nulla, hanno preso l’iniziativa e stanno cercando di fare il Grande Reset, per salvare la vita alla metà della popolazione, in cambio della povertà per tutti, per far durare il più a lungo possibile le risorse non rinnovabili. Se non ci riescono, alla fine di questo secolo, la popolazione sarà ridotta della metà, malgrado la crescita delle nascite. Sarà 80 volte peggio dell’ultima guerra mondiale. Volete un consiglio ? Andate a vivere in campagna ed abbandonate l’auto e create il proprio cibo, perchè quando arriverà il collasso, il cibo non arriverà più nelle grandi città. Avete forse dimenticato che le civilizzazioni non durano per sempre ? Quella egizia 3000 anni, la greca 1000 anni, la romana 500anni e la industriale 250 anni ?

120663786_3520394001387847_403873884266746738_n.jpg
stefano grimaldi

decideranno gli Schwab quando far finire la sceneggiata! non saranno certo gli scienziati che portano sempre più prove dell’inutilità e anzi pericolosità dei vaccini, non saranno i pochi intellettuali o giuristi che lamentano gli attacchi ai diritti fondamentali, non saranno i pochi giornalisti schierati a difesa del diritto di scelta ma premettendo, come ama fare anche un finto filosofo alla cacciari, di essersi vaccinati, e tantomeno saranno i social che stramaledicono i draghi e i bimbominchia tipo Speranza e compagnia. Non saranno neppure le manifestazioni periodiche guidate ma opportunamente sterilizzate dai soliti “pacifisti” del c….o affinchè la gente, pur se incazzata, se ne stia buona buona recintata in qualche piazza! Ho letto che l’altro burattinaio, bill gates , comincia anche lui ad avere qualche ripensamento ma sta solo preparando il terreno per abbandonare questa sceneggiata dopo che saranno stati raggiunti gran parte dei risultati voluti: tutto o quasi tutto il mondo è oggi fatto di vaccinati che avranno pochi anni di vita e quindi si sfoltirà la popolazione mondiale…proprio come voleva lui e altri come lui; la crisi economica ha permesso e permetterà ancora di inglobare nei bilanci delle multinazionali altre realtà economiche; la crisi sociale è diventata difficilmente rimarginabile, quella geopolitica ci sta portando a un passo da altri scontri forse contro la stessa russia e/o cina! I bill gates e gli schwab hanno già raggiunto i risultati voluti …solo per questo faranno retromarcia o, meglio, sostituiranno la finta pandemia con qualcosa di peggio.

ENEA

Caro giornalista, redattore o direttore che tu sia, di questa peraltro coraggoisa e bella rivista, questa volta hai scelto male le tue fonti. Il preclaro pluripremiato ecc, ecc, esimio CJ Hopkins, non mi sembra faccia onore alla tua pubblicazione. Forse non hai letto il finale? Già dal titolo il lettore si aspetta una ventata di buone notizie e analisi, che in effetti si prolungano per gran parte del pezzo. Poi, improvvisamente, l’accento trionfalistico del ‘liberi tutti ‘ si trasmuta in una cupa profezia di morte e distruzione per l’umanità schiacciata dallo strapotere dei superuomini super ricchi. Abbiamo già troppi apocalittici ( integrati?) alla Morris San, Meluzzi, Caria, ecc. ecc. che pensano di vincere la loro paura trasmettendola agli altri, a noi poveracci che perdiamo tempo prezioso sperando in uno spiraglio di luce e un grammo di incoraggiamento.Manca completamente un collegamento, un nesso logico , o argomentazioni pratiche e non spauracchi terroristici , giusto per dire, se le cose andassero male:”Ve l’avevo detto io!”.
Ma non sa, il genio CJ Hopkins, quanto ormai hanno capito anche i sassi, oltre ai fisici quantistici, che il pensiero crea la ( propria)realtà? Non ha paura, il genio pluritutto, della reltà che si sta fabbricando da solo? A meno che non stia giocando, da bravo romanziere, con la nostra paura per crearsi la trama distopica di qualche suo futuro scritto pseudo orwelliano.
Potevate fare benisssimo a meno di questo articolo “double face”, e ci avreste guadagnato. .
Un vostro affezionato lettore e sostenitore.

Carlo

Credo che quanto supposto sia solamente un’idea, ma i fatti e sopratutto l’agorà politico mi fanno temere che il peggio deve ancora arrivare. Considerando che il controllo della popolazione non è stato completato i criminali che servono il grande potere finanziario e non solo, avranno sicuramente maggior manovra sulle imposizioni alla popolazione.
Pur non avendola mai accettata la legge di Murphi in questo caso sembra essere
un esempio eclatante: se va male, andrà sempre peggio.Anche se ci credo poco l’unico baluardo alla totale disfatta è una parte della magistratura, ma conoscendo la lentezza
prima che venga attuata una qualche azione decisiva verrà comunque zittita.

Gian Franco Zavoli

Le cose non sono così semplici come si pensa, covid sì o covid no. Se 18 scienziati del MIT di Boston ci dicono, che senza provvedimenti drastici, lasciando andare le cose come vanno, avremo presto esaurito le miniere dei metalli (attualmente si estraggono 200 milioni di tonnellate di ferro all’anno, malgrado il recupero del ferro vecchio). Quando nel 2050 se ne estrarrà 70 milioni di tonnellate, con una popolazione mondiale che sarà cresciuta di altri 2 miliardi di persone, l’industria dovrà rimpiccolirsi, non avendo più i metalli di prima, ma il capitalismo funziona con la crescita, con la decrescita non può funzionare ed i capitalisti chiudono baracca, prima di perdere i miliardi che hanno fatto. A questo punto i lavoratori dell’industria, perdono il lavoro ed il salario e non pagando più le tasse, i governi non avranno più i soldi per far fronte all’emergenza e sarà un vero Far West per accaparrarsi il cibo. Non avendo più i mezzi per lavorare la terra, perchè anche i carburanti, non solo i metalli saranno esauriti, la metà della popolazione resterà senza cibo e condannata a morire di fame. Per evitare questo disastro di proporzioni bibliche, c’è solo il Grande Reset, che propone una soluzione per salvare la vita alla metà della popolazione, se non dovrebbe riuscirci, preparatevi a vivere l’inferno invece della povertà. Per la popolazione è una scelta da fare o diventare tutti poveri, oppure far morire la metà della popolazione. Purtroppo le civilizzazioni non durano per sempre e quella industriale è condannata con l’esaurimento delle miniere dei metalli. Non servirà a nulla fare la fusione nucleare, per avere l’energia, se non avremo più i motori per utilizzarla.

120663786_3520394001387847_403873884266746738_n.jpg
Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!