Quantcast
Database Italia

Gli USA fuori dall’OMS. Così si spiana la strada al potere di Bill Gates. Strategia di Trump?

A metà maggio il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato che gli Stati Uniti avrebbero posto fine al loro sostegno finanziario all’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e agli aiuti COVID-19. La mossa fu presa di mira dalla stampa mainstream come quella di un politico fuori dal mondo che rifiuta di finanziare un’organizzazione vitale nel mezzo di una pandemia globale. Per i sostenitori di Trump la decisione è stata accolta con il tipico tifo e celebrata come un’altra vittoria di Trump contro i “globalisti”. Per capire cosa sta realmente succedendo, dobbiamo esaminare le azioni di Donald Trump.

Cominciamo esaminando i finanziamenti forniti dal governo degli Stati Uniti all’OMS negli anni precedenti. Gli ultimi numeri dell’anno fiscale 2018 (i numeri non sono disponibili per il 2019-2020) mostrano versamenti all’OMS per circa 281,6 milioni di dollari dagli Stati Uniti. I registri indicano che dopo il governo degli Stati Uniti, la Bill and Melinda Gates Foundation e GAVI, la Vaccine Alliance, sono il 2 ° e il 3 ° miglior finanziatore dell’OMS.

Ciò significa che quando Donald Trump ha dichiarato che gli Stati Uniti non avrebbero più finanziato l’OMS, la Gates Foundation e la GAVI sono entrate nel ruolo finanziario principale. Inoltre, GAVI è stata fondata e ampiamente finanziata dalla Bill and Melinda Gates Foundation nel 2000. In entrambi i casi, Bill Gates è il principale donatore e continuerà ad espandere la sua influenza e il dominio sulla politica sanitaria globale. Bill Gates, nel 2010 con la Bill and Melinda Gates Foundation ha lanciato il “Decennio dei vaccini” e ha richiesto un “Piano d’azione globale per la vaccinazione”. Da quel momento Gates e signora hanno solo aumentato la loro rete e influenza su OMS, GAVI e altre organizzazioni al fine di modellare le politica sulla salute pubblica in modo tale da ricavarne il massimo dei profitti.

Mentre i sostenitori di Trump hanno visto il ritiro degli Stati Uniti dal finanziamento dell’OMS come una vittoria per il nazionalismo o un occhio nero per i globalisti, la verità è un po ‘più sfumata.

Il supporto di Trump per GAVI è arrivato attraverso il primo vertice globale sui vaccini virtuali. A questo vertice GAVI ha superato l’obiettivo di $ 7,4 miliardi, raccogliendo invece $ 8,8 miliardi di dollari e assicurando impegni dalla maggior parte delle principali nazioni del mondo. GAVI ha persino ricevuto una donazione di $ 5 milioni di dollari dalla Fondazione Rockefeller. GAVI ha dichiarato che il finanziamento andrà a “programmi di immunizzazione di routine” e aiuterà anche il partenariato pubblico-privato “a svolgere un ruolo importante nel lancio di un futuro vaccino Covid-19”.

Più di 25 capi di stato e 50 leader di agenzie internazionali, ONG e industria privata hanno partecipato all’evento di raccolta fondi. Tra i partecipanti c’erano il cancelliere tedesco Angela Merkel, il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres, il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Il segretario delle Nazioni Unite Guterres ha dichiarato che il vaccino non sarebbe bastato e ha invece chiesto “solidarietà globale … per garantire che ogni persona in tutto il mondo possa avere accesso al vaccino”. Guterres ha anche osservato che “la nostra salute individuale dipende dalla nostra salute collettiva”.

Durante questo Vertice sui vaccini globali è stato riprodotto un messaggio preregistrato di Donald Trump. Nella sua dichiarazione video Trump ha dichiarato che il primo ministro britannico Boris Johnson gli aveva chiesto di registrare un messaggio.

Durante il suo breve discorso, Donald Trump ha dichiarato: “È bello collaborare con te. Lavoreremo sodo, lavoreremo forte. ”

Il supporto di Trump per GAVI è stato ripreso nell’account Twitter dell’Agenzia per lo sviluppo internazionale (USAID) degli Stati Uniti. “L’USAID fa eco alle parole di @Realdonaldtrump ed è orgogliosa di collaborare con @Gavi impegnando $ 1,16 miliardi per proteggere le persone attraverso i vaccini, perché #VaccinesWork”, si legge nel tweet. (Va notato che USAID è stata anche accusata di creare false reti di social media nel tentativo di fomentare disordini in nazioni straniere.)

In realtà è stata USAID a annunciare per la prima volta l’impegno di 1,16 miliardi di dollari a febbraio. L’amministrazione Trump aveva incluso l’impegno di $ 1,16 come parte del budget per gli anni fiscali 2020-2023. Il budget per l’anno fiscale 2021 includeva solo $ 290 milioni per GAVI. Nel corso dei prossimi tre anni gli Stati Uniti dovrebbero a GAVI più di $ 800 milioni per i loro programmi di vaccinazione. Ma a questo punto la questione si fa controversa.

Il canale Telegram “We Are Q” fa notare una coincidenza, sarebbe stata la stessa Bill and Melissa Gates Foundation a finanziare Gavi per 1.6 miliardi di dollari grazie ad una raccolta fondi a cui hanno partecipato diverse società, tra cui: Sony, Comcast, Mastercard, Nike, Google, Amazon, Facebook, Verizon, Starbucks, American Express e di nuovo Rockefeller Foundation. Gates avrebbe utilizzato USAID come scatola governativa per coinvogliare i diversi finanziamenti facendoli apparire come provenienti dall’amminisrazione Statunitense. Sarebbe stata proprio l’ambasciata americana in Georgia la prima ad annunciare che gli Stati Uniti stavano finanziando Gavi con 1.16 Miliardi di dollari. Secondo il canale Telegram il motivo sarebbe quello di mettere in cattiva luce Trump davanti ai suoi elettori.

Ancora una volta, questo pone Bill Gates e le sue organizzazioni ai vertici della piramide della salute globale. Ma Cosa ha detto il signor Gates di questo successo dal vertice sulle vaccinazioni globali?

“Fin dal suo inizio, GAVI ha aiutato a vaccinare quasi un miliardo di bambini … E ora sta intensificando la sua azione dicendo che è disposto a consegnare un vaccino per il Covid-19 non appena sarà disponibile per porre fine alla pandemia il più presto possibile, “Ha detto al vertice. “Dobbiamo anche rinnovare il nostro impegno a consegnare ogni vaccino salvavita che ci sia per ogni bambino sulla terra.”

Tuttavia Il supporto dell’amministrazione Trump allo sviluppo di vaccini per combattere il COVID-19 è visibile anche in un evento virtuale più recente organizzato da Global Citizen e dalla Commissione europea. Il 27 giugno Global Citizen ha ospitato il “Global Goal: Unite for Our Future – The Concert” che è stato supportato da Bloomberg Philanthropies, Bill & Melinda Gates Foundation, Wellcome Trust e Corporate Partners Citi, Procter & Gamble, SAP, Verizon e Vodafone . Ancora una volta, i fondi raccolti durante l’evento sono andati alla GAVI fondata da Gates.

Durante questo evento, Kelly Craft, ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, ha annunciato l’impegno degli Stati Uniti per $ 545 milioni per GAVI destinati alla ricerca sul COVID-19. “Insieme, dobbiamo lavorare in modo aperto, trasparente e solidale per costruire un mondo più sicuro, più resistente. Dobbiamo essere veri multilateralisti nel senso migliore della parola, lavorando per il bene comune “, ha detto Craft.

In occasione di un vertice virtuale del maggio 2020, organizzato anche dalla Commissione europea, l’amministrazione Trump si è impegnata a fornire altri 775 milioni di dollari in aiuti sanitari, umanitari, economici e di sviluppo di emergenza a governi, organizzazioni internazionali e enti di beneficenza che combattono la pandemia. In questo stesso evento la Bill and Melinda Gates Foundation ha contribuito con 125 milioni di dollari.

Ad ogni modo, vince Gates
Presi insieme – il pagamento di maggio di $ 775 milioni; l’annuncio di inizio giugno di $ 1,16 miliardi; e il dono di fine giugno di $ 545 milioni: questi investimenti finanziati dai contribuenti forniranno abbondanti risorse per GAVI e, successivamente, la Bill and Melinda Gates Foundation. Questi fondi superano facilmente i miseri 281,6 milioni di dollari che gli Stati Uniti stavano donando all’OMS.

È importante capire che l’OMS fa parte delle Nazioni Unite, che è essa stessa una “organizzazione intergovernativa” che sta tentando di sostituire gli stati nazionali come li conosciamo oggi a favore di schemi di governance globale. GAVI è un “partenariato pubblico-privato” in cui enti governativi e organizzazioni private collaborano per fornire una sorta di servizio pubblico. Nessuna di queste organizzazioni è stata eletta dalle persone libere delle nazioni in cui operano.

Nonostante ciò, l’amministrazione Trump sta continuando a dare miliardi a GAVI e, nel farlo, promuovendo l’obiettivo di Bill Gates di vaccinare 7 miliardi di persone. Trump potrebbe aver tolto i fondi dall’OMS, ma quella decisione consente a Gates di assumere il pieno controllo della politica dell’OMS e continuare a utilizzare i dollari dei contribuenti statunitensi per finanziare progetti di vaccini, incluso un vaccino accelerato per COVID-19. Questo era probabilmente il piano per tutto il tempo.

Come abbiamo chiaramente dimostrato nei precedenti rapporti, Gates ha un’influenza fuori misura sull’azione contro il COVID-19 e sulla salute globale in generale. Un rapporto del 2015 intitolato, Potere e sviluppo filantropico: chi modella l’agenda? Esamina l’influenza della filantropia globale e fornisce esempi dell’influenza indebita che Gates e che altri possono esercitare. Il rapporto ha osservato che i ricercatori hanno criticato GAVI nel seguire un “approccio Gates” sulle sfide sanitarie globali, “concentrandosi su interventi di salute verticale specifici per malattia (attraverso i vaccini), anziché su approcci orizzontali e olistici (ad esempio, il rafforzamento del sistema sanitario) “.

Inoltre, a maggio 2019, il CEO di Gavi Seth Berkley ha definito il “sentimento anti-vaccino” come una malattia che deve essere censurata da Internet. Le dichiarazioni di Berkley sono perfettamente in linea con la visione di Bill Gates e l’agenda più ampia dell’eugenetica. Al pubblico non è consentito mettere in discussione la sicurezza dei vaccini, indipendentemente da quanto siano prodotti in modo affrettato.

Questo potrebbe essere il motivo per cui l’amministrazione Trump ha nominato un lacchè di Big Pharma a capo dell ‘”Operazione Warp Speed”, il piano di Trump per accelerare lo sviluppo di vaccini per COVID-19. A maggio, Trump ha nominato Moncef Slaoui, ex dirigente del produttore di vaccini GlaxoSmithKline, per prestare servizio volontario, assistito dal generale dell’esercito Gustave Perna, comandante dell’esercito degli Stati Uniti.

Secondo l’amministrazione Trump, il programma Operation Warp Speed si sta concentrando su quattro vaccini, con la speranza di testare e produrre 100 milioni di dosi entro ottobre 2020, 200 milioni entro dicembre e 300 milioni dosi entro gennaio. Slaoui ha affermato di ritenere che l’obiettivo dei vaccini entro gennaio 2021 sia un “obiettivo credibile”.

Ancora una volta, le impronte digitali di Gates sono in tutta la situazione. Lo stesso Slaoui ha una lunga storia con la Bill e la Melinda Gates Foundation, che fanno parte dei consigli di amministrazione delle società collegate all’organizzazione.

Sembra che, nonostante le dichiarazioni pubbliche di disinvestimento dall’OMS o i tweet su come opporsi ai globalisti, l’amministrazione Trump in fin dei conti stia facilitando l’ascesa al potere di Gates. Attendiamo gli sviluppi sperando di doverci ricredere.

Fonti:

Leggi anche altri articoli su Bill Gates e Gavi Alliance:



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.