Home Coronavirus GLOBAL AVIATION ADVOCACY COALITION: DICHIARAZIONE SUI PERICOLI DERIVATI DAGLI OBBLIGHI VACCINALI E...

GLOBAL AVIATION ADVOCACY COALITION: DICHIARAZIONE SUI PERICOLI DERIVATI DAGLI OBBLIGHI VACCINALI E LE NUMEROSE REAZIONI AVVERSE SUI PILOTI

0

Firmatari provenienti da Canada, Regno Unito, USA, Australia, Francia, Paesi Bassi, Svizzera e organismi internazionali dell’aviazione, della medicina, della scienza e dell’etica.

Scarica e leggi la “Dichiarazione della coalizione globale sull’aviazione commerciale e le lesioni da vaccino dei piloti” qui:

Segue il testo della lettera aperta globale:

La sicurezza all’interno dell’aviazione professionale è notevolmente migliorata negli ultimi decenni. Ciò è dovuto in gran parte a una cultura della “giusta sicurezza” fondata sulla comunicazione aperta e sull’auto-rivelazione di errori o tendenze negative in materia di sicurezza. Ciò richiede la partecipazione attiva di tutto l’equipaggio per essere efficace.

I piloti sono formati per essere analisti attenti del loro ambiente, riconoscendo i rischi e mitigandoli attivamente. Per molti, la loro formazione e l’analisi differenziale del rischio hanno portato a preoccupazioni e conclusioni negative sulla compatibilità della vaccinazione COVID-19 con la salute e la sicurezza del volo. Non solo molti piloti non erano d’accordo con i requisiti arbitrari incorporati negli obblighi di vaccinazione, ma hanno anche visto dei rischi nelle domande senza risposta e nella velocità e pressione ingiustificate dietro l’introduzione del vaccino. Hanno fatto pressioni sulle loro compagnie aeree e sui politici, raccomandando cautela e opponendosi all’obbligo.

Molti piloti hanno anche cercato la guida delle autorità di regolamentazione dell’aviazione civile. Questi regolatori sono in ultima analisi responsabili del trasporto sicuro e protetto dei cittadini, ma la maggior parte, se non tutti, ha attivamente ignorato le proprie raccomandazioni di sicurezza contro l’uso di farmaci non sperimentati e non approvati da parte degli equipaggi di volo. Transport Canada, ad esempio, ha semplicemente rimosso questa guida online la settimana dopo numerose domande scritte e mirate sullo stesso argomento.

Una volta che le compagnie aeree hanno imposto la vaccinazione, molti piloti si sono rifiutati fermamente in base al rischio e sono stati successivamente messi in congedo non retribuito o licenziati a titolo definitivo. I professionisti di principio sono stati costretti a lasciare l’aviazione e l’industria ha perso centinaia di migliaia di ore di esperienza. Ora, l’industria aerea globale sta entrando in una terribile crisi del personale. Migliaia di altri piloti sono stati costretti a vaccinarsi per provvedere alle loro famiglie. Questo ha messo a dura prova la loro salute mentale.

Per quanto tutto ciò possa far riflettere, ha semplicemente posto le basi per ciò a cui stiamo assistendo ora: un panorama che dovrebbe interessare molto le compagnie aeree e il pubblico in viaggio. I sottoscritti gruppi di difesa dei piloti, scienziati e medici ascoltano quotidianamente i piloti di aerei che hanno subito lesioni dal vaccino. Questi danni includono problemi cardiovascolari, coaguli di sangue, problemi neurologici e uditivi, solo per citarne alcuni.


Leggi anche: LA LATITANZA DELLA GESTIONE DEL RISCHIO NELLA SANITÀ PUBBLICA A cura di Claudio Daniel Caceres Peters, Msc Comandante di linea aerea, Master in gestione della sicurezza e Master nella gestione delle compagnie aeree (City University of London), investigatore di sicurezza (Cranfield University).
Docente e auditore di sicurezza operativa c/o Continuous Safety/Switzerland.


Molti dei nostri piloti hanno perso la certificazione medica per volare e potrebbero non recuperarla. Altri continuano a pilotare aerei mentre portano sintomi che dovrebbero essere dichiarati e indagati, creando un rischio di ampiezza senza precedenti. Il fondamento stesso della nostra giusta cultura della sicurezza – la segnalazione non punitiva – non esiste più. I piloti hanno sofferto e stanno soffrendo di problemi medici che sono correlati alla ricezione delle vaccinazioni COVID-19. Il loro spettro di sintomi è ampio, e va fino alla morte. I piloti che denunciano il loro infortunio affrontano la possibile perdita di licenza, reddito e carriera mentre ricevono poco o nessun sostegno dai loro sindacati e un’invettiva dell’accusa dall’assunzione di compagnie aeree. Molte di queste compagnie aeree credono di essersi indennizzate dalla responsabilità, sostenendo questo negli stessi documenti che hanno imposto ai loro dipendenti “no jab, no job”.

Continuano a crescere le prove dei rischi per la salute dal vaccino COVID-19, delle irregolarità degli studi clinici, della scarsa pratica e dell’efficacia insignificante. I documenti Pfizer rilasciati sotto FOIA, combinati con organizzazioni come Food and Drug Administration (FDA, USA), Medicines Healthcare Regulatory Agency (MHRA, UK), Health Canada e la documentazione normativa dell’Agenzia europea per i medicinali (EMA) mostrano che le informazioni sulla sicurezza ed efficacia sono state nascoste al pubblico e l’ambito della supervisione normativa e dei requisiti di test è inadeguato.

Peggio ancora, non sembra esserci alcuna prova che le autorità di regolamentazione dell’aviazione, le compagnie aeree o i sindacati abbiano eseguito la propria due diligence sui vaccini COVID-19 e sull’impatto sulla salute o sulle prestazioni dei piloti. Questo è in completo contrasto con gli standard medici aeronautici esistenti. Esistono domande sulla competenza e sulla possibile negligenza.

Il fallimento nell’affrontare questo potenziale spartiacque medico renderà le compagnie aeree e i sindacati complici di un cambiamento culturale che ha scosso il mantra dell’aviazione “la sicurezza prima di tutto, sempre”. Le compagnie aeree e i sindacati rappresentati sono stati incoraggiati ad assistere e avvertiti di terribili ripercussioni, ripetutamente, da molti dei firmatari di seguito. Finora c’è stata poca azione significativa e in molti casi nient’altro che muri di pietra e silenzio.

C’è un detto nell’aviazione: “Se c’è dubbio, non c’è dubbio”. Cresce il dubbio sulle vaccinazioni contro il COVID-19. Non dovrebbero quindi esserci ulteriori dubbi nel settore dell’aviazione. La sicurezza deve tornare alla ribalta.

Anche se non è un elenco esaustivo, le compagnie aeree di seguito hanno piloti nel personale che hanno subito lesioni da vaccino e con i quali i nostri gruppi di difesa dei piloti sono in contatto:

  • Jetstar Australia
  • Qantas Australia
  • Virgin Australia Australia
  • Air Canada Canada
  • Air Transat Canada
  • WestJet Canada
  • Air France France
  • EasyJet France
  • HOP France
  • Lufthansa Germany
  • TUI Netherlands
  • KLM Netherlands
  • American USA
  • Delta USA
  • JetBlue USA
  • Southwest USA
  • United USA
  • Frontier USA
  • Alaska USA
  • Spirit USA

CALL TO ACTION

Le autorità dell’aviazione civile come la Federal Aviation Administration, Transport Canada, UK Civil Aviation Authority, l’European Union Aviation Safety Agency e l’Australian Civil Aviation Safety Authority devono iniziare ad adempiere ai propri obblighi normativi. La crisi nella salute dei piloti deve essere affrontata pubblicamente dalle compagnie aeree e dai sindacati per riportare la sicurezza del volo a ciò che una volta sapevamo. La sottoscritta alleanza di professionisti dell’aviazione e della medicina rappresenta migliaia di piloti di oltre 30 compagnie aeree globali, insieme a oltre 17.000 medici e scienziati medici, in tutto il mondo. Chiediamo quanto segue:

  • Laddove esiste, la vaccinazione obbligatoria contro il COVID-19 per i lavoratori dell’aviazione deve essere interrotta.
  • Un ambiente permissivo per l’auto-segnalazione deve essere ribadito dalle autorità di regolamentazione e dalle compagnie aeree.
  • Uno screening medico dell’aviazione completo e obiettivo dei piloti e dell’equipaggio di cabina deve essere una priorità assoluta. Questi devono essere sostenuti dall’autorità di regolamentazione e dovrebbero concentrarsi sui danni ad alta prevalenza che ora si stanno manifestando nel pubblico in generale e nei nostri equipaggi di volo.
  • Le compagnie aeree e le autorità di regolamentazione detengono dati su malattia e sospensione del certificato medico, inclusi sintomi e motivi causali. Questi dati dovrebbero essere analizzati da terze parti indipendenti per stabilire o escludere la vaccinazione COVID-19 come possibile causa.

Previous articleIL GIORNALE FINANZIATO DA BIG PHARMA RACCOMANDA: “TASSARE I NON VACCINATI”
Next articleOperazione Surprise: leak di e-mail smaschera il colpo di stato dell’intelligence per eleggere Boris Johnson