Quantcast
Database Italia

Grandi folle marciano a Washington DC in sostegno a Trump chiedendo integrità elettorale

WASHINGTON — Folle di persone si sono radunate sabato al Freedom Plaza a Washington , unendosi ad altre manifestazioni in tutto il paese per mostrare sostegno al presidente Donald Trump e chiedere correttezza nel processo elettorale.

Marciando verso la Corte Suprema, i partecipanti hanno mostrato cartelli con slogan del tipo: “Stop the Steal”, “Make America Fair Again” e “Trump 2020”. Prima dell’inizio della marcia, la folla ha ascoltato i discorsi di importanti sostenitori di Trump, tra cui il rappresentante Louie Gohmert (R-Texas), il fondatore di My Pillow Mike Lindell e molti altri attivisti.

Freedom Plaza e altre zone del centro di Washington sembravano molto affollate. Ed Martin, uno dei co-organizzatori dell’evento, ha detto che stima che abbiano preso parte 500mila persone, anche se alcuni media sostengono falsamente che solo poche centinaia abbiano partecipato.

Il presidente Donald Trump saluta i partecipanti durante una manifestazione tenutasi a suo sostegno a Washington il 14 novembre 2020

I partecipanti hanno cantato slogan invitando a “fermare il furto”, che è anche il nome del movimento di base che organizza in parte l’evento. L’organizzatore Ali Alexander ha detto in una precedente intervista che gli eventi sono frutto dell’impegno di base di una coalizione di circa un centinaio di attivisti e influencer per mostrare “sostegno al presidente Trump e chiedere elezioni eque e conteggi trasparenti”.

Eventi simili, sebbene di scala minore, sono stati organizzati in circa 50 altri stati.

Trump ha twittato sui raduni il 13 novembre, scrivendo che è stato commovente “vedere tutto l’enorme sostegno là fuori, in particolare i raduni spontanei che stanno sorgendo in tutto il Paese, incluso un grande sabato a Washington” All’inizio della manifestazione, Trump è passato per Freedom Plaza, dove ha salutato i partecipanti.

Le elezioni presidenziali contestate rimangono ancora indecise, poiché la maggior parte dei risultati non sono ancora stati certificati e le sfide legali e i riconteggi sono in sospeso negli stati chiave oscillanti. La campagna di Trump ha richiesto un riconteggio in Wisconsin e la Georgia aveva annunciato un riconteggio. La campagna Trump ha anche presentato istanze legali in Pennsylvania, Arizona e Michigan, indicando che ci saranno più casi archiviati in altri stati nei giorni a venire.

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha emesso un’ordinanza temporanea il 6 novembre che richiedeva alla Pennsylvania di separare le schede elettorali arrivate dopo il giorno delle elezioni del 3 novembre. La campagna di Trump ha avviato una causa nello stato, sostenendo che i funzionari delle elezioni statali avevano “gestito male il processo elettorale. ” Il Partito Repubblicano dell’Arizona ha avviato una causa chiedendo un conteggio manuale dei voti per distretto, sperando che possa produrre un campionamento più accurato dei conteggi dei voti. La campagna Trump ha anche intentato una causa per presunte irregolarità e violazioni elettorali diffuse in una contea del Michigan.

Diverse reti, tra cui CNN, NBC e Fox News, hanno dichiarato vincitore il candidato presidenziale democratico Joe Biden, affermazione respinta da Trump che ha affermato che “le elezioni sono tutt’altro che finite”.

La folla riunita a Washington ha preso di mira anche Fox News, cantando “Fox News fa schifo”, in un post sull’account Twitter Million Maga March creato per gli spettacoli dell’evento. La pagina Twitter, creata poco prima dell’evento, ha attirato circa 30.000 follower in un brevissimo lasso di tempo.

Alla manifestazione ha preso parte anche una carovana di automobili che chiede la fine del Partito Comunista Cinese (PCC), con cartelli che mostrano che centinaia di milioni di cinesi si sono dissociati dal PCC. Il 12 novembre, Trump ha emesso un ordine esecutivo per bloccare gli investimenti in società cinesi legate all’esercito cinese, citando minacce alla sicurezza nazionale. La mossa fa parte di una serie di ampie contromisure adottate dall’amministrazione Trump contro il regime comunista cinese.

L’organizzatore dell’evento Alexander ha dichiarato a The Epoch Times che la coalizione dell’organizzazione prevede di tenere eventi ogni sabato a mezzogiorno in ogni capitale dello stato fino a quando il collegio elettorale non prenderà una decisione sulla presidenza.

“Quindi, rimanete in strada, è il mio messaggio al pubblico perché ci censurano online. Ci stanno mentendo contro i media mainstream. Quindi l’unico modo in cui possiamo continuare a comunicare queste idee ed eventi reali è se ci incontriamo offline. Ed è quello che stiamo facendo ”, ha detto Alexander.

Fonte: The Epoch Times



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

Ti è piaciuto questo articolo?

Continua a seguirci sui nostri social per restare sempre aggiornato!