Database Italia

GRETA THUNBERG, ATTIVISTA A NOLEGGIO



L’adolescente attivista Greta Thunberg, che si allontana fuori pista, ha suscitato furia in India con il suo sostegno a una protesta di contadini collegata a una campagna di indipendenza per il Punjab. È chiaro che ha davvero bisogno di una guida adeguata.

Era inevitabile che non appena Greta Thunberg fosse cresciuta, il suo ruolo di icona adolescente del cambiamento climatico globale avrebbe perso parte del suo fascino. Il circuito internazionale che la segue è così grande, e una volta che ha fatto alcuni giri l’interesse inizia a scemare senza che nessuno resti al suo fianco per rimproverarla.

Per molti che hanno passato del tempo sotto i bagliori dell’adulazione internazionale, quando i riflettori iniziano a spostarsi, è il momento di chiedersi “cosa c’è dopo?”.

Anche se sembra che Greta abbia trovato il suo “cosa c’è dopo”, forse avrebbe dovuto essere un po ‘più perspicace. Perché ha scavalcato la recinzione, ha attraversato il campo ed è entrata dritta in un enorme distesa di sterco di vacca, prendendo parte a una protesta di contadini profondamente divisiva che sta creando scalpore in India.

I lavoratori agricoli sono scesi in piazza per i piani del governo per attirare gli investimenti tanto necessari nel settore agricolo in una nazione con quasi 1,4 miliardi di persone. I contrari sostengono che incoraggiare gli investimenti privati ​​li metterebbe a rischio di sfruttamento da parte di grandi società straniere.

Anche se questo è certamente un problema interno da considerare per l’India, gli agricoltori hanno attirato l’attenzione di ficcanaso internazionali che cercano di sfruttare il movimento per i propri fini.

Nel mezzo di tutto questo c’è l’ormai diciottenne Greta, che ha condiviso un ” kit di strumenti di protesta ” online insieme al messaggio: “Continuo a #StandWithFarmers e sostengo la loro protesta pacifica. Nessuna quantità di odio, minacce o violazioni dei diritti umani potrà mai cambiare la situazione. #FarmersProtest “

Questo “toolkit” è stato messo insieme dalla Poetic Justice Foundation (PJF), un’organizzazione sikh con sede in Canada accusata in India di legami con i separatisti Khalistanis che cercano di creare una patria indipendente in Punjab. Non esattamente in cima alla lista delle cose da fare del primo ministro indiano Narendra Modi.

Il fondatore di PJF Mo Dhaliwal è un sikh che gestisce anche una società di strategia online chiamata Skyrocket .  Ha lavorato per anni ad un progetto sulla Brexit, piuttosto che sulla creazione di patrie sikh – non ha avuto successo, ma chiaramente ha trovato molto per occupare il suo tempo. È stato sicuramente notato a Nuova Delhi, dove la polizia sta valutando le accuse di sedizione e associazione a delinquere contro i promotori del toolkit del PJF – come Greta Thunberg – per il suo ruolo in “un appello a condurre una guerra economica, sociale, culturale all’ India.”

PJF sembra dirigere la guerra di propaganda per le proteste dei contadini, ovviamente sperando che i numeri si traducano in sostegno alla campagna del Khalistan. E mentre l’organizzazione ammette timidamente sul suo sito web che sta lavorando alle proteste dei contadini in India, sembra che abbia dirottato parte della campagna e sta costringendo i sostenitori a spingere il suo obiettivo di indipendenza sikh con l’aiuto delle celebrità nella sua orbita. . Celebrità come Greta Thunberg e la superstar del pop Rihanna .

I funzionari indiani ritengono che la compagnia Skyrocket di Dhaliwal abbia pagato a Rihanna 2,5 milioni di dollari per inviare il suo sostegno alla protesta degli agricoltori all’inizio di questa settimana. Con più di 100 milioni di follower su Twitter.

Non c’è alcun suggerimento che Greta – con 4,8 milioni di follower su Twitter – sia stata pagata per il suo aiuto nella condivisione dei documenti degli attivisti della protesta. Ma quando ci sono soldi per l’approvazione, o anche solo la puzza, che aleggia intorno all’attivismo, allora le motivazioni e il messaggio diventano improvvisamente incredibilmente oscuri.

Come si sarebbe sentito il mondo se il famoso rimprovero di un’allora sedicenne Greta alle Nazioni Unite – “Venite tutti da noi giovani per la speranza. Come osate! Avete rubato i miei sogni e la mia infanzia con le vostrew parole vuote ”- fosse stato pagato dal colosso delle energie rinnovabili Siemens, o Coca-Cola?

La giovane svedese ha bisogno di prendere le distanze da questo esercizio fuori pista, subito. Cosa ha a che fare il separatismo sikh con le proteste scolastiche di cui è stata pioniera, o il cambiamento climatico?

Una cosa è stare accanto a un politico stupido per un servizio fotografico mentre spera che un po ‘della tua polvere di stelle possa portarlo in alto, senza capire veramente le sue motivazioni. È un’altra cosa essere cooptati in una battaglia politica nazionale fuori dalla tua zona di comfort, dove il tuo nome è usato come approvazione incondizionata per un punto di vista e avere manifestanti che marciano per la strada con enormi striscioni recanti la tua immagine .

Tutti quegli adulti che hanno seguito Greta negli ultimi anni – godendosi i riflettori dei media e l’impressione che stessero facendo la differenza – dovrebbero farsi avanti, prenderla per un braccio e darle la guida di cui ha bisogno mentre passa da pioniera adolescente a giovane adulta con la necessità di essere presa sul serio.

Senza questo aiuto, il futuro della giovane attivista per il clima è più traballante di un orso polare su un lastrone di ghiaccio. 

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.