Database Italia

GUTERRES: “UNA PANDEMIA DI ABUSI” DIRITTI UMANI SOTTO ATTACCO DURANTE IL COVID. UN FALLIMENTO PER LE NAZIONI UNITE.




Esclusivo: le libertà sono state schiacciate e la libertà di parola ostacolata dai governi di tutto il mondo, afferma António Guterres

Il mondo sta affrontando una “pandemia di violazioni dei diritti umani”, ha detto il segretario generale dell’Onu António Guterres.

I regimi autoritari hanno imposto limiti drastici ai diritti e alle libertà e hanno usato il virus come pretesto per limitare la libertà di parola e soffocare il dissenso.

Guterres ha affermato che la pandemia del Covid-19 ha rallentato anni di progressi sui diritti umani e che gli abusi “hanno prosperato perché la povertà, la discriminazione, la distruzione del nostro ambiente naturale e altri fallimenti dei diritti umani hanno creato enormi fragilità nelle nostre società”.

C’è stata una repressione globale di  attivisti dell’opposizione e difensori dei diritti umani, sono aumentati gli attacchi ai giornalisti per frenare la libertà di parola, censurare i media, distribuire app di tracciamento invasive e mettere in atto misure di sorveglianza estreme, molti delle quali probabilmente sopravviveranno di gran lunga al virus.

Un recente rapporto di Human Rights Watch ha rilevato che almeno 83 paesi avevano utilizzato il Covid-19 come giustificazione per attaccare la libertà di parola.

Molti governi hanno utilizzato la pandemia per sopprimere la libertà di parola

“Il regime cinese ha minacciato, arrestato, incarcerato e messo a tacere informatori e giornalisti cittadini che hanno cercato di mettere in guardia o riferire sulla pandemia. Ci sono gravi preoccupazioni che la tecnologia di sorveglianza che ha implementato come parte dello sforzo per combattere il coronavirus possa essere utilizzata per soffocare ulteriormente il dissenso e violare i diritti umani “, ha affermato Benedict Rogers, amministratore delegato di Hong Kong Watch.

Un robot di sicurezza della polizia a Shenzhen, in Cina, lo scorso marzo. Le macchine avvertono le persone se non indossano maschere e controllano la temperatura corporea e l’identità. Fotografia: Alex Plavevski / EPA

In tutto il mondo, i governi non riescono a garantire i diritti fondamentali alla salute, all’istruzione e all’uguaglianza, colpendo i più poveri, i più emarginati e le minoranze più duramente.

La soppressione della libertà di parola e le violazioni dei diritti umani sono aumentate durante la pandemia

Oltre alla serie di attacchi ai diritti umani derivanti dalla pandemia, crisi come il conflitto nello Yemen, la spirale di violenza in Afghanistan, la conquista militare in Myanmar e l’escalation della crisi umanitaria in Venezuela minacciano la vita di milioni di persone in tutto il mondo.

Dalla Siria al Myanmar, al Sud Sudan o allo Yemen, o alla situazione che sta affrontando Popolazione uigura in Cina, la pandemia ha aggiunto un altro livello alle crisi dei diritti umani esistenti e in corso in tutto il mondo.

Ma in mezzo alla disperazione, ci sono alcune ragioni per sperare. “Una vera battaglia” era emersa in difesa dei diritti umani, secondo Kenneth Roth, direttore esecutivo di Human Rights Watch. “La pandemia ha posto sfide enormi e pericolose e ha lasciato milioni di persone meno sicure e più vulnerabili rispetto a un anno fa, ma ha anche messo in luce molte delle disuguaglianze su cui ora possiamo concentrarci”. 



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.