Quantcast
Database Italia

HILLARY CLINTON E NANCY PELOSI: “PUTIN HA MANOVRATO TRUMP PER L’ASSALTO AL CAMPIDOGLIO”. QUANDO IL COMPLOTTISMO È DEM.


I pezzi grossi democratici Hillary Clinton e Nancy Pelosi hanno chiesto un’indagine sul ruolo del presidente russo Vladimir Putin – reale o interamente immaginato – nella rivolta del Campidoglio, teorizzando che potrebbe aver ordinato personalmente i disordini.

La presidente della Camera si è seduta con il fallito candidato presidenziale 2016 per un’intervista sul podcast di Clinton, “Tu e io”, lunedì, dove hanno discusso dell’attacco a Washington, DC all’inizio di questo mese. Ad un certo punto durante la conversazione, la Clinton ha sostenuto che il presidente Donald Trump “ha altri programmi” – anche se si è affrettata ad aggiungere che “non credo che sappiamo ancora” quali siano – chiedendosi ad alta voce su “chi tira i suoi fili”.

“Mi piacerebbe vedere i suoi tabulati telefonici per vedere se stava parlando con Putin il giorno in cui gli insorti hanno invaso il nostro Campidoglio” , ha detto Clinton, chiedendo a Pelosi: “Pensi che abbiamo bisogno di una commissione del tipo 9/11 per indagare e riferire tutto possono unirsi e spiegare cosa è successo? “

Pelosi ha risposto affermativamente, dicendo che quando si tratta di Trump, “tutte le strade portano a Putin”.

“Non so cosa abbia Putin su di lui politicamente, finanziariamente o personalmente, ma quello che è successo la scorsa settimana è stato un regalo a Putin. Perché Putin vuole minare la democrazia nel nostro paese e in tutto il mondo ”, ha aggiunto con sicurezza Pelosi, nonostante fosse confusa sui dettagli.

Queste persone, a loro insaputa, sono burattini di Putin. Stavano facendo gli affari di Putin quando hanno preso d’assalto il Campidoglio, su istigazione di un’insurrezione da parte del presidente degli Stati Uniti. Quindi sì, dovremmo avere una commissione come per l’11 settembre, e il Congresso ha un forte sostegno per farlo.

Le osservazioni, completamente prive di prove, hanno presto innescato un’ondata di prese in giro online, con il giornalista Aaron Mate che ha etichettato la teoria creativa di Clinton e Pelosi come “BlueAnon” – presumibilmente la versione del Partito Democratico di QAnon, popolare tra molti conservatori. Ha anche chiesto perché più di due anni di indagini sui presunti legami con la Russia di Trump fossero “insufficienti”, visto che non hanno fornito prove per tale cospirazione.

“Queste persone sono le * ultime * a poter inveire contro le teorie della cospirazione e la disinformazione ”  , ha scritto il  giornalista Glenn Greenwald, aggiungendo: 

Ricordi quando Mueller ha speso 18 mesi e milioni di dollari armato con una squadra di pubblici ministeri e un potere di citazione, poi ha chiuso le sue indagini dopo aver arrestato * zero * americani per cospirazione con la Russia? Facciamolo ancora!

Altri sono intervenuti chiedendo se le politiche di Twitter contro le teorie del complotto e la “disinformazione pericolosa” – severamente applicata per la comunità di QAnon – si applicherebbero alle riflessioni infondate di Clinton e Pelosi, scherzando sul fatto che è probabile che “seminino discordia” nella scena politica degli Stati Uniti.

In linea con la congettura della cospirazione di Pelosi e Clinton, la scorsa settimana, arriva il presunto interesse di uno dei rivoltosi del Campidoglio che avrebbe rubato il laptop della Pelosi per essere rivenduto all’intelligence russa. Anche se si dice che il presunto accordo sia andato in fumo e non sia mai avvenuto, l’FBI afferma di non essere stato in grado di confermare se la storia sia valida.

Sebbene non sia ancora emersa alcuna prova del coinvolgimento del governo straniero nella rivolta del Campidoglio, l’FBI ha comunque avviato un’indagine sulla possibilità, esaminando in particolare una serie di pagamenti pari a oltre $ 500.000 in bitcoin effettuati a figure chiave coinvolte nell’organizzazione della protesta. e presumibilmente inviato da un cittadino francese che subito si è suicidato(?).

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai! Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, i blocchi delle pubblicità ad intermittenza e in ultimo l’immotivata chiusura del conto Pay Pal uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.

SOSTIENICI


Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.