Home Deep State Hunter Biden andrà in prigione per il contenuto del laptop e Joe...

Hunter Biden andrà in prigione per il contenuto del laptop e Joe si dimetterà | Trovate altre prove di abusi su minori

0
Hunter Biden andrà in prigione per il contenuto del laptop e Joe si dimetterà | Trovate altre prove di abusi su minori

.

I media e i fact checkers che hanno bollato questa storia come “disinformazione russa” e ci hanno bannato e censurato hanno aiutato un pedofilo. Da mesi possedevano la copia del contenuto

Il fondatore ed ex CEO del sito di file hosting Megaupload, Kim Dotcom, è l’ultimo personaggio pubblico ad aver individuato nuovi dati sul famigerato laptop di Hunter Biden.

Creando scalpore online giovedì, Kim ha dichiarato di essere al lavoro con “il team di analisi forensi dei dati che analizza il laptop di Hunter Biden” e che presto ci sarà un rilascio importante.

Kim ha affermato di essere sicuro che Hunter Biden andrà in prigione in relazione a diversi crimini esposti nei dati e che Joe Biden sarà costretto a dimettersi.

Kim Dotcom ora afferma inoltre che Wikileaks ha tutti i dati dal laptop di Hunter Biden e presto li rilascerà tutti (meno qualsiasi pedopornografia) al pubblico.

Kim ha anche affermato: “Hunter ha installato Spyware sui telefoni dei membri della famiglia e ha eseguito il backup di quei messaggi”.

Questa affermazione fa eco ad altre simili fatte di recente dal ricercatore e attivista politico Jack Maxey, che ha affermato di aver portato la sua copia del laptop di Hunter Biden in Svizzera, dove gli esperti forensi sono stati in grado di trovare più dati di quelli originariamente rilevati.

Maxey ha ottenuto la sua copia del disco rigido del laptop mentre lavorava con l’ex consigliere di Trump Steve Bannon e l’ex avvocato di Trump Rudy Giuliani.

L’uomo che originariamente aveva denunciato il laptop di Hunter dopo averlo ricevuto mentre lavorava in un’officina di riparazione di computer del Delaware, JP Isaac, ha recentemente respinto l’affermazione di Maxey di aver trovato ulteriori dati.

Isaac ha detto al NewsMax giovedì “il laptop originale aveva solo un’unità da 250 giga” e che è stato in grado di recuperare 220 giga di dati da esso, concludendo che non possono esserci 450 giga sul dispositivo.

Spiegandosi sul sito di social media Gettr, Maxey ha scritto , “i file eliminati trovati sono altamente compressi (circa 130 GB) e quando non vengono compressi si trasformano in 450 GB”.

Non è chiaro se Kim Dotcom stia lavorando con il team di Maxey o un altro gruppo con accesso al laptop.

L’imprenditore di Internet e attivista politico ha detto giovedì ai suoi follower su Twitter che parte del piano è quello di esporre i media che non hanno riportato la storia nonostante abbiano ricevuto copie mesi fa.

“I dati del laptop di Hunter Biden contengono prove del peggior tipo di abuso sui minori”, ha scritto Kim. “Un analista forense mi ha detto che deve fare pause frequenti a causa di quanto siano disgustose le prove. Le spie e i media che hanno definito questa “disinformazione russa” hanno aiutato un pedofilo?”

Jack Maxey ha affermato che non permetterà al suo team di guardare foto o video fino a quando tutti i documenti non saranno stati trovati e rilasciati in un formato ricercabile, a quel punto porteranno il laptop alla polizia svizzera locale se verranno visualizzate immagini o video illegali.

Quindi, o Kim sta lavorando con qualcun altro, o la polizia svizzera sta attualmente esaminando i file video e immagini con gli analisti forensi di Maxey.

Il fondatore di Megaupload ha anche affermato che la storia sarà “notizia da prima pagina la prossima settimana”, scrivendo: “Non possono più contenerla o screditarla. Restate sintonizzati per gli aggiornamenti”.

Dimostrando agli oppositori di essere stato accurato su previsioni come questa in passato, Kim ha pubblicato un’intervista che ha rilasciato prima che le e-mail di Wikileaks DNC e Podesta fossero pubblicate in cui avvertiva che Julian Assange sarebbe stato il peggior incubo di Hillary Clinton.

Il guru di Internet tedesco-finlandese ha anche osservato che “una delle parti più preoccupanti dell’Hunter Biden Laptop è il coinvolgimento della famiglia Biden nei laboratori biologici ucraini, nella ricerca sulla modificazione genetica di virus mortali per renderli più trasmissibili all’uomo”.

Nel suo ultimo post sull’argomento, Kim ha notato che lui stesso non ha una copia dei dati del laptop e che è stato in comunicazione con la squadra forense in Svizzera prima di aggiungere anche che la squadra di Tucker Carlson avrebbe girato giovedì a Zurigo.

L’argine potrebbe essere sul punto di rompersi, ma qualcuno sarà effettivamente ritenuto responsabile?

I nostri articoli

Previous articleI LABORATORI SEGRETI DELLA NATO A MARIUPOL
Next articleBOND ALLE CAYMAN DA DONAZIONI COVID-19. Ex Commissario Governativo Arcuri nei Guai per Abuso d’Ufficio sulle Mascherine Cinesi
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.