Database Italia

I 6 Personaggi importanti Russi che hanno subito un avvelenamento

Di Davide Donateo

Il principale critico del Cremlino Alexei Navalny è rimasto in coma in un ospedale siberiano diverse ore dopo essersi ammalato a causa di quella che probabilmente era una sostanza tossica scivolata nel suo tè, ha detto la sua portavoce giovedì.

L’incidente ha fatto eco a diversi altri casi di avvelenamento o sospetti attacchi di avvelenamento che hanno coinvolto attivisti russi, giornalisti ed ex spie risalenti a più di un decennio fa.

Di seguito è riportato un elenco di altre sei importanti figure russe che hanno subito destini simili negli ultimi due decenni:

Sergei e Yulia Skripal, 2018

L’ex coppia di agenti Sergei Skripal e sua figlia Yulia sono stati ricoverati in condizioni critiche dopo essere stati trovati privi di sensi su una panchina nella città britannica di Salisbury. Da allora si sono ripresi e si dice che siano fuggiti in Nuova Zelanda con nuove identità.

La Gran Bretagna ha accusato l’intelligence militare russa di avvelenare gli Skripal con Novichok, un agente nervino di grado militare. La Russia nega di aver avvelenato gli Skripal.

Pyotr Verzilov, 2018

Verzilov, attivista di Pussy Riot ed editore di Mediazona, è stato portato d’urgenza in un ospedale di Mosca dopo aver perso improvvisamente la vista, l’udito e la mobilità. Successivamente è stato trasportato in aereo in Germania, dove i medici hanno detto che i suoi sintomi erano fortemente indicativi di avvelenamento.

Gli investigatori russi “non hanno nemmeno tentato di indagare sul mio tentativo di assassinio nei due anni trascorsi”, ha detto Verzilov giovedì sulla scia del sospetto avvelenamento di Navalny.

Vladimir Kara-Murza Jr., 2015 e 2017

L’attivista e giornalista dell’opposizione Kara-Murza Jr. è quasi morta per insufficienza renale nel primo incidente nel 2015. È stata ricoverato in ospedale con sintomi di avvelenamento simili e messa in coma farmacologico nel 2017.

La Russia ha negato l’avvelenamento di Kara-Murza.

Alexander Litvinenko, 2006

L’ex spia russa e critica del presidente Vladimir Putin ha trascorso sei anni in esilio in Gran Bretagna quando è stato avvelenato dal tè servito con l’isotopo radioattivo polonio-210. 

Un’inchiesta britannica ha concluso 10 anni dopo che Putin “probabilmente” ha approvato l’uccisione di Litvinenko. Il Cremlino ha negato il coinvolgimento.

Anna Politkovskaya, 2004

La giornalista investigativa e critica della brutale guerra della Russia contro i separatisti in Cecenia si è sentita male ed è svenuta dopo aver bevuto il tè durante il suo volo per coprire l’assedio di Beslan. 

La Politkovskaja fu uccisa a colpi d’arma da fuoco nel suo condominio di Mosca due anni dopo in un omicidio che i leader dell’opposizione addebitano al Cremlino. Le autorità hanno negato il coinvolgimento e cinque uomini sono stati condannati per il suo omicidio nel 2014, anche se nessuno è stato condannato per aver commissionato l’omicidio. 

Yury Shchekochikhin, 2003

Shchekochikhin, un giornalista investigativo, ha sperimentato i sintomi di una grave reazione allergica ed è morto misteriosamente giorni prima di pianificare di incontrare gli investigatori dell’FBI negli Stati Uniti. Gli investigatori russi inizialmente hanno escluso un complotto e hanno detto che Shchekochikhin era morto per una reazione allergica non specificata prima di riaprire il caso almeno due volte negli anni successivi. 

I colleghi sostengono che fosse stato avvelenato da una tossina rara.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.