Database Italia

I CONSERVATORI INFURIATI CON BORIS JOHNSON PER LE NUOVE MISURE RESTRITTIVE: “NON LE VOTEREMO”

Boris Johnson, costretto alla ritirata, ha annunciato che i nuovi livelli di restrizioni per combattere il coronavirus “tramonteranno il 3 febbraio” invece che a Pasqua. Il cambio di rotta per cercare di contrastare la dura reazione dei parlamentari Tory.

Il primo ministro ha fatto arrabbiare molti nel suo partito con un piano per imporre restrizioni rigorose in gran parte dell’Inghilterra che entreranno in vigore mercoledì quando il blocco nazionale terminerà.

In una lettera ai colleghi in vista del voto dei Comuni sulle restrizioni martedì, Johnson ha insistito sul fatto che le misure a più livelli per zone di contagio saranno riviste ogni due settimane.

“I regolamenti hanno un tramonto del 3 febbraio”, scrive.

“Dopo la quarta revisione quindicinale (27 gennaio), il parlamento voterà di nuovo sull’approccio graduale, determinando se le misure rimarranno in vigore fino alla fine di marzo”.

Il signor Johnson ha affermato che la prima revisione del 16 dicembre prenderà in considerazione le opinioni dei direttori locali della sanità pubblica, con una decisione finale sull’opportunità di modificare i livelli da parte di un comitato di governo.
Le modifiche entreranno quindi in vigore il 19 dicembre.

Porgendo un ulteriore ramoscello d’ulivo ai parlamentari, il primo ministro si è impegnato a pubblicare più dati e delineare quali circostanze devono cambiare affinché un’area scenda di livello, nonché analisi degli impatti sanitari, economici e sociali delle misure adottate per sopprimere il coronavirus .

Secondo un conteggio di Sky News, più di 60 conservatori hanno espresso la loro contrarietà per il tiering (blocchi localizzati, come in Italia) e che hanno affermato che è improbabile che sosterranno le misure al momento del voto.

Circa il 99% della popolazione inglese cadrà sotto i due livelli più difficili quando terminerà il secondo blocco nazionale.

Circa 32 milioni di persone – che coprono il 57,3% dell’Inghilterra – rientreranno nel Tier 2 e 23,3 milioni di persone – il 41,5% della popolazione – saranno inserite nel Tier 3.

Solo l’Isola di Wight, la Cornovaglia e le Isole Scilly saranno sotto i controlli di livello 1 più leggeri, mentre ampie zone delle Midlands, del Nord Est e del Nord Ovest si trovano nel livello 3 più restrittivo.

Diversi Tory hanno annunciato che voteranno contro i nuovi livelli di blocco la prossima settimana, tra cui il presidente del Comitato del 1922 Sir Graham Brady, il parlamentare di Bournemouth East Tobias Ellwood e il deputato di Poole Sir Robert Syms.

Steve Baker, vicepresidente del COVID Recovery Group che è stato critico nei confronti delle restrizioni di blocco, ha affermato che “l’autoritarismo al lavoro oggi è davvero spaventoso”.

“Il governo deve pubblicare la sua analisi dell’impatto che gli interventi potrebbero avere sul controllo del COVID, nonché dell’impatto sulla salute non Covid e dell’impatto sulla società, sui mezzi di sussistenza delle persone e sulle imprese”, ha affermato.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.