Home Coronavirus I decessi mondiali per attacchi cardiaci tra i calciatori professionisti nel 2021...

I decessi mondiali per attacchi cardiaci tra i calciatori professionisti nel 2021 sono stati del 300% superiori alla media degli ultimi 12 anni

31
0

Un’indagine sui dati disponibili mostra che i decessi cardiovascolari nel mondo del calcio professionistico / partite di calcio nel 2021 sono stati del 300% superiori alla media di 12 anni, con il numero di decessi avvenuti nel solo dicembre 2021 che ha eguagliato la media 2009-2020.

La tabella seguente descrive in dettaglio 36 morti note di calciatori professionisti avvenute nel corso del 2021.

Nota: alla fine di questo articolo è stata presentata una versione scritta di questa tabella che consente l’accesso ai collegamenti.

Abbiamo limitato la tabella di Wikipedia per includere solo i calciatori professionisti maschi (di età superiore ai 16 anni) che erano membri di una squadra di calcio nei paesi FIFA che sono morti per problemi cardiovascolari durante una partita (allenamento o competizione) o sono crollati a causa di un problema cardiovascolare sul campo o subito dopo la partita e poi morti più tardi .
Ma ne abbiamo trovati altri 15 oltre ai 21 attualmente (2022gennaio12) elencati –
https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_association_footballers_who_died_while_playing

La tabella seguente mostra il numero totale di morti in partite di calcio Fifa elencate e morti di partite di calcio cardiovascolari maschili che si sono verificate ogni anno dal 2009.

I dati all’interno della tabella sono stati ottenuti da:

I calciatori professionisti sono morti per problemi cardiovascolari durante le partite (partita o allenamento) a 4 volte (31/7,8) il tasso medio di morti cardiovascolari dal 2009 al 2020.

Ci sono stati più di 15 volte più decessi per infarto e ictus nel 2021 rispetto al 2020.

Ci sono stati 3,5 volte più decessi a dicembre 2021 rispetto a tutto il 2020.

Ci sono stati quasi tanti decessi a dicembre 2021 (7) quanto il tasso medio annuo negli ultimi 12 anni (7,8 all’anno).

Ciò non significa che gli sportivi abbiano ora 4 volte più probabilità di subire un infarto. Significa che gli sportivi vaccinati hanno circa 6 o 7 volte più probabilità di subire un infarto rispetto agli sportivi non vaccinati perché solo circa due terzi dei calciatori professionisti sono vaccinati, e questi sono quelli che subiranno la morte e comporranno i numeri . Se non sei particolarmente atletico, si spera che le tue possibilità di avere un infarto non siano aumentate così tanto.

Ma questa è solo una piccola parte delle cattive notizie. Il vero problema è questo…

Questo è un aumento esponenziale diretto trimestre su trimestre.

I decessi cardiovascolari nel calcio raddoppiano ogni trimestre. Quindi entro la fine del 2022 saranno saliti a 320 per trimestre (40, 80, 160, 320). Il consiglio dato ai calciatori che crollano ma sopravvivono è di interrompere ogni attività faticosa per 3 mesi. Queste cifre rivelano che tutti gli atleti che sono stati sottoposti al siero dovrebbero fare la stessa cosa.
Tutti i calciatori professionisti e tutti gli atleti professionisti hanno quindi due scelte. O smettono di prendere i vaccini o smettono di fare sport. Se queste vaccinazioni continuano, rischiamo di diventare una specie non atletica.

8,9 milioni su 55,4 milioni di decessi nel mondo nel 2019  sono stati causati da malattie cardiache . Questo è il 16% di tutti i decessi. Quindi, se i decessi per malattie cardiache aumentassero di un fattore 4 volte in tutte le fasce di età in tutte le classi di attività nel mondo, i decessi complessivi (eccesso di mortalità) aumenterebbero del 48%. Ebbene, è interessante notare che l’assicurazione sulla vita di OneAmerica ha rilevato che il rischio di morte per le persone di età compresa tra 18 e 64 anni nel quarto trimestre era aumentato del  40% rispetto al tasso di 5 anni . E la fascia di età 18-64 anni conterrebbe tutti gli atleti ovviamente.

I dati di OneAmerica dicono che non sono solo gli atleti a morire di insufficienza cardiovascolare (o altre condizioni terminali) a 4 volte il tasso normale dovuto a questi vaccini.

Peggio ancora, possiamo aspettarci che i tassi di mortalità aumenteranno esponenzialmente nel prossimo anno, raddoppiando ogni trimestre.

Abbiamo tutti lo stesso muscolo cardiaco, atleti e pantofolai allo stesso modo. È solo che le persone più sedentarie non usano tutto il muscolo cardiaco e quindi non colpiscono un muro di mattoni e si inchinano così rapidamente. Gli atleti cardio ad alta intensità sono i canarini nella miniera di carbone per noi allenatori di patate.

Ciò che sta accadendo a loro molto rapidamente accadrà a noi più lentamente. Stanno morendo oggi al 400% del tasso normale. Moriremo domani al 400% del tasso normale. Perché il muscolo cardiaco non si riprende dopo essere stato danneggiato. Se un vaccino uccide un atleta in pochi mesi, sicuramente ucciderà un pantofolaio in pochi quarti. Soprattutto se il suddetto divano continua a schiacciarsi con più colpi di richiamo.

I media non possono nascondere la morte di un calciatore professionista durante una partita e nemmeno un dipartimento di statistica governativo corrotto può resuscitarlo. Queste morti sono il set di dati più accurato e aperto che abbiamo. Quindi dovremmo prestare loro molta attenzione. Sono la punta visibile dell’iceberg della mortalità da vaccino. Gli atleti chiedono quanto è possibile chiedere dal loro cuore. Quindi il giorno in cui i loro cuori non possono rispondere arriva molto prima per loro che per noi.

Ma i vaccini si comportano esattamente allo stesso modo in tutto il muscolo cardiaco. Infettano le cellule del muscolo cardiaco e le trasformano in fabbriche di proteine ​​spike che hanno precedentemente addestrato il nostro sistema immunitario a uccidere le proteine ​​spike. Quindi i nostri linfociti T killer fanno come sono stati programmati per fare dai vaccini e uccidono ogni cellula del muscolo cardiaco vaccinato (dal momento che lo riconoscono come un impianto di produzione di proteine ​​spike). Quindi i vaccini distruggono semplicemente i nostri cuori. Infatti distruggono ogni cellula che infettano. Sono dei veri veleni cellulari.

Il recente documento dell’American Heart Association tenuto in un discorso dal dottor Steven Gundry all’American Heart Association a Boston il 12-14 novembre ha rilevato che i vaccinati mRNA hanno più del doppio delle possibilità di avere un attacco cardiaco in 5 anni misurate da vari marcatori infiammatori. ne hanno parlato nel  loro articolo sulle morti calcistiche  dell’8 Dicembre. Ma quei dati sono già obsoleti poiché il rischio di infarto raddoppia ogni trimestre nei vaccinati.

Ma i problemi cardiovascolari non sono l’unico danno che i vaccini genetici fanno ai nostri corpi. Altrettanto pericoloso, anche se non così ampiamente pubblicizzato, è il degrado del sistema immunitario che causano.

FONTE



Previous articleCovid: il Tar annulla la circolare del ministero sulla ‘vigile attesa’. Accolto il ricorso del Comitato Cura Domiciliare Covid-19
Next articleLa “sorprendente” eruzione vulcanica vista dallo spazio fa scattare l’allerta tsunami negli Stati Uniti (VIDEO)