Database Italia

I RAPPORTI DI BILL GATES IN CINA, 23andMe e IL TUO DNA

Esiste una connessione tra la Cina, Bill Gates, YouTube e la raccolta di DNA?


Rapporti recenti rivelano che un’azienda cinese con collegamenti alla Fondazione Gates è coinvolta nei test COVID-19 e rappresenta una potenziale minaccia per la privacy, in particolare per i dati medici e sanitari di coloro che sono stati testati per COVID-19.

Alla fine di gennaio, 60 minutes della  CBS riportava :

“60 Minutes ha appreso che la società cinese BGI Group, la più grande azienda biotecnologica del mondo, si è offerta di costruire laboratori COVID in almeno sei stati, e funzionari dell’intelligence statunitense hanno emesso avvertimenti di non condividere dati sanitari con BGI. 

La più grande azienda biotecnologica del mondo non ha perso tempo nell’offrirsi di costruire e gestire laboratori di test COVID a Washington, contattando il suo governatore subito dopo la prima grande epidemia di COVID negli Stati Uniti. La società cinese, il gruppo BGI, ha fatto la stessa offerta ad almeno altri cinque stati, tra cui New York e la California, 60 Minutes ha appreso. Questo, insieme ad altre offerte di test COVID da parte di BGI, preoccupò così tanto Bill Evanina, allora il massimo ufficiale di controspionaggio del paese, che autorizzò un raro avvertimento pubblico “.

“Le potenze straniere possono raccogliere, archiviare e sfruttare le informazioni biometriche dai test COVID”  dichiarava l’avviso. Evanina crede che i cinesi stiano cercando di raccogliere il DNA degli americani per vincere una gara per controllare i dati biologici del mondo “.

Evanina ha detto che un’entità straniera potrebbe conoscere le condizioni mediche attuali o future di una persona studiando il suo DNA e utilizzando queste informazioni per ottenere il monopolio sui farmaci e sui trattamenti necessari.

BGI Group ha rifiutato di essere intervistato da  60 minutes  e ha detto che l’idea che i dati genomici americani siano stati compromessi da BGI è “infondata”.

Le preoccupazioni per il BGI sono sorte anche alla fine di gennaio, quando  Reuters ha  riferito  che più di 40 documenti di ricerca disponibili pubblicamente mostrano i collegamenti di BGI con l’Esercito popolare di liberazione (PLA). Reuters ha  affermato che le ricerche trattavano argomenti vari come i test di massa per i patogeni respiratori e la scienza del cervello.

The Gates Foundation e BGI

A marzo, la giornalista Natalie Winter del  National Pulse ha  scoperto la documentazione  di una relazione tra la Bill e la Melinda Gates Foundation e la BGI risalente a quasi un decennio fa. Winter ha trovato un  Memorandum of Understanding (MOU)  tra la Fondazione Gates e BGI per  “formare una collaborazione sulla salute globale e lo sviluppo agricolo con l’obiettivo di raggiungere obiettivi comuni in materia di salute e sviluppo agricolo”.

Nello specifico, questa collaborazione si occupa degli sviluppi nella genomica umana, vegetale e animale, lo studio del DNA. Nel comunicato stampa per il MOU, il co-fondatore di BGI menziona direttamente la partnership come incentrata sulla genomica.

” BGI non vede l’ora di collaborare con la Bill & Melinda Gates Foundation in questa significativa collaborazione per applicare la ricerca genomica a beneficio della salute umana globale”, ha  affermato il dott. Huanming Yang, presidente e co-fondatore di BGI.

Bill Gates ha anche visitato la sede della BGI nel 2010, secondo un rapporto del  Financial Times . Il Times ha affermato che BGI  “sta lavorando per l’obiettivo di costruire un’enorme biblioteca basata sul DNA di molti milioni di persone”. L’obiettivo di BGI è utilizzare queste informazioni per nuovi farmaci, ricerca genetica e  “trasformazione della politica di salute pubblica”.

Sembrerebbe che la crisi del COVID-19 abbia aiutato BGI e la Fondazione Gates a entrare nel ruolo di influenzare e trasformare la politica sanitaria internazionale.

Il rapporto di Winter rileva inoltre che:

“La Fondazione Gates ha anche  finanziato  progetti BGI relativi al sequenziamento del genoma insieme a organismi del Partito Comunista Cinese come il Ministero della Scienza e della Tecnologia e l’Accademia delle Scienze Agrarie.

Allo stesso modo, il dottor Tadataka Yamada, l’ex presidente del programma di salute globale della Bill & Melinda Gates Foundation,  è  il presidente del comitato consultivo scientifico di BGI “

È chiaro che BGI Group e la Fondazione Gates hanno una relazione documentata nell’ultimo decennio. È altrettanto evidente che BGI Group ha una vasta relazione con l’esercito e il governo cinese. Sono queste connessioni – la relazione che esiste tra il governo cinese, il gruppo BGI e la Fondazione Gates – che ha suscitato timori riguardo al potenziale uso improprio dei test COVID-19 prodotti da BGI.

BGI e l’industria dei test del DNA

Da marzo 2020, BGI ha venduto milioni dei suoi kit di test COVID-19 in tutto il mondo, inclusi Stati Uniti, Europa e Australia. Reuters  riferisce  che le azioni di BGI Genomics Co. sono raddoppiate nell’ultimo anno, dando a BGI un valore di mercato di circa $ 9 miliardi di dollari.

L’azienda ha sede a Shenzhen, sulla costa del Guangdong, in Cina. Si sono fatti un nome vendendo servizi di sequenziamento genetico in tutto il mondo, il che li ha aiutati a creare un ampio database di DNA. BGI è anche nota per aver creato un maiale clonato nel 2010.

L’azienda ha collaborato regolarmente con l’Esercito popolare di liberazione cinese. BGI e l’Accademia di scienze mediche militari del PLA condividono una dozzina di brevetti per i test del DNA. Per coincidenza,  Reuters  rileva  che un brevetto del 2015 è per un  “kit di test a basso costo per rilevare i patogeni respiratori, tra cui SARS (sindrome respiratoria acuta grave) e coronavirus”.

Inoltre, Chen Weijun, il principale esperto di malattie infettive di BGI, è elencato come inventore del brevetto mentre detiene anche il titolo di uno dei primi scienziati che hanno riferito di aver sequenziato campioni usati COVID-19 da un ospedale militare di Wuhan.

BGI afferma che il kit di test sviluppato con l’esercito cinese non è lo stesso venduto all’estero.

Il pericolo che i test COVID-19 vengano utilizzati come metodo per raccogliere dati genomici sul pubblico ignaro fa parte di una conversazione più ampia sui pericoli posti dalle società di genealogia in generale. Milioni di persone in tutto il mondo hanno presentato volontariamente il proprio DNA in cambio di informazioni sui propri antenati. La stragrande maggioranza degli utenti di queste società, come Ancestry e 23andMe, non legge i Termini di servizio che delineano come le aziende di genealogia possono utilizzare i dati.

Uno dei modi in cui questi dati vengono utilizzati è per venderli a società di biotecnologie interessate allo sviluppo di nuovi farmaci e terapie. Chiaramente, ci sono governi e forze armate che hanno anche interesse a raccogliere questi dati.

Evanina, l’ex ufficiale del controspionaggio, ha detto a  60 Minutes  che le aziende cinesi stanno investendo in società biotecnologiche statunitensi per avere accesso ai dati sanitari. Dice che la maggior parte delle persone non si rende conto che il loro materiale genetico rappresenta  “il tuo passato e il tuo futuro così come il futuro dei tuoi figli”.

Sebbene ci siano chiaramente ragioni per essere preoccupati per l’influenza del governo cinese e per ciò che potrebbero fare con il tuo DNA, la realtà è che la maggior parte dei governi con le risorse probabilmente cerchernno anche di estrarre il DNA. Ciò include assolutamente il governo degli Stati Uniti, le forze armate e le società private.

Una di queste società è la suddetta 23andMe. Nel  rapporto 60 Minutes di gennaio  Anne Wojcicki, CEO di 23andMe, ha risposto alle domande sull’utilizzo da parte della sua azienda dei dati che stanno raccogliendo. Anche se Wojcicki afferma che la sua azienda ha “dato potere alle persone con questa opportunità di riunirsi, per affollare la ricerca”, non esita a riconoscere che la sua azienda intende utilizzare le informazioni per sviluppare farmaci.



“E io sono assolutamente d’accordo: svilupperemo farmaci. In modo che tutti stiano effettivamente beneficiando del genoma umano. Quindi i dati sono assolutamente preziosi “, ha  detto Wojcicki a  60 Minutes .

Mentre dice di essere d’accordo sul fatto che gli americani dovrebbero essere preoccupati per gli investimenti della Cina nella ricerca genomica, crede che la risposta sia che gli Stati Uniti investano in programmi genetici.

Wojcicki e 23andMe hanno affrontato critiche riguardo a come usano i dati e se il pubblico può veramente aspettarsi che le registrazioni del loro DNA siano al sicuro. A febbraio è stato annunciato che 23andMe sarebbe diventata una società quotata in borsa con l’aiuto del miliardario Richard Branson. Il Guardian ha  osservato  che il Virgin Acquisition Group di Branson ha affermato che 23andMe e il loro “vasto set di dati proprietario” del DNA consentirebbero a Virgin di  “sbloccare flussi di entrate attraverso salute digitale, terapie e altro”.

L’interesse di Branson per lo studio del DNA assomiglia agli interessi dell’aspirante miliardario Jeffrey Epstein. Epstein aveva l’ossessione di finanziare i programmi DNA. Anche Bill Gates fa parte di questa rete a causa del suo rapporto con Epstein e della partnership con il gruppo BGI. Whitney Webb di TLAV ha  recentemente riportato :

“ Epstein ha donato  centinaia di migliaia di dollari all’istituto ed Epstein è stato utilizzato anche come canale per fare donazioni al MIT dal miliardario Bill Gates. Gates deve ancora spiegare perché  avrebbe incanalato le  sue donazioni attraverso Epstein invece di donare pubblicamente tramite la sua famosa fondazione “filantropica”. Il finanziamento di Epstein del MIT Media Lab in particolare ha portato alle dimissioni del suo ex direttore Joi Ito nel settembre 2019 a seguito dell’arresto di Epstein e del successivo ‘suicidio’ “.

Il DNA-Biosicurezza-Big Tech Web

Ciò che non è menzionato nel   pezzo 60 Minutes – o altrove – è il fatto che Anne Wojcicki, CEO di 23andMe, è la sorella di Susan Wojcicki, CEO di YouTube. Inoltre, il marito di Anne Wojcicki fino al 2015 è stato Sergey Brin, uno dei fondatori di Google e presidente della società madre di Google, Alphabet Inc, fino a dicembre 2019. Google possiede anche YouTube.

Il motivo per cui queste connessioni sono importanti è perché ci sono fili comuni tra Google, la Gates Foundation, aziende come 23andMe e il governo cinese. Mentre Anne Wojcicki e 23andMe lavorano all’estrazione del DNA, sua sorella della censura di YouTube riporta argomenti che sono spesso etichettati come disinformazione. Comprendere gli incredibili conflitti di interessi qui è della massima importanza.

In un prossimo rapporto approfondirò questa intricata rete di Big Tech, Big Philanthropy e governo cinese.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

fonte The Last American Vagabond

I commenti sono chiusi.