AmbienteSaluteScienza e TecnologiaVideo

I robot sono ora in grado di replicarsi. Cosa significa questo per l’umanità? Video

Come già riportato da Database Italia, un gruppo di scienziati negli Stati Uniti ha rivelato che i primi robot viventi progettati dall’intelligenza artificiale, gli xenobot, ora possono auto-replicarsi. È una scoperta di grande rilevanza, quindi quali sono i suoi potenziali benefici e rischi?

Un team di scienziati dell’Università del Vermont, della Tufts University e dell’Università di Harvard ha creato dei”robot viventi” (chiamati Xenobot) in grado di riprodursi in un processo di propagazione biologica completamente nuovo. Hanno recentemente pubblicato i risultati della loro ricerca negli Atti della National Academy of Sciences. 

Hanno creato con successo Xenobot nel 2020 da cellule embrionali della rana artigliata africana (Xenopus laevis). Ma con l’aiuto dell’intelligenza artificiale gli scienziati hanno scoperto di recente che questi minuscoli organismi progettati al computer possono viaggiare, raccogliere cellule (cellule staminali sciolte) e assemblare i propri Xenobot al proprio interno. Dopo un periodo di gestazione di alcuni giorni all’interno delle loro “bocche”, i nuovi Xenobot si comportano proprio come i loro “genitori” e possono anche replicarsi, all’infinito.



La gente ha pensato per molto tempo che abbiamo elaborato tutti i modi in cui la vita può riprodursi o replicarsi. Ma questo è qualcosa che non è mai stato osservato prima.(Douglas Blackiston, PhD, scienziato senior alla Tufts University)

Il team è rimasto sbalordito quando ha visto che i bio-bot progettati dall’intelligenza artificiale erano in grado di svolgere compiti semplici, ma sono rimasti positivamente scioccati nel vedere che presto hanno trovato un modo per riprodursi spontaneamente. Sembrerebbe che il genoma, una volta liberato dal design naturale per diventare una rana, cerchi un nuovo modo proattivo di prosperare. Una plasticità delle vie di sopravvivenza sembra essere codificata nell’essenza stessa delle cellule. Compreso, secondo il team, un'”intelligenza collettiva”.

Un autore principale dello studio, Sam Kriegman, PhD, ha parlato della profondità del progetto: ” Nessun animale o pianta noto alla scienza si replica in questo modo “.

Il progetto ha richiesto l’assistenza di un programma di intelligenza artificiale presso il Vermont Advanced Computing Core di UVM. Questa intelligenza artificiale ha testato miliardi di forme del corpo in simulazione con un “algoritmo evolutivo” nel tentativo di trovare una forma che consentisse alle cellule di essere più efficaci in quella che chiamano replicazione “cinematica”, che è stata precedentemente osservata solo a livello molecolare, e mai prima cellulare. L’IA si è fissata su una forma finale che apparentemente assomiglia al videogioco “Pac-Man”.

” Con il design giusto, si replicheranno spontaneamente “, afferma Josh Bongard, PhD, scienziato informatico presso l’Università del Vermont che ha co-diretto la ricerca. 

Questa è la chiave di quella che sembra essere la più grande svolta di questo esperimento: l’apparente varianza di possibilità all’interno di semplici singole cellule. Adotteranno schemi che seguono il comportamento di organismi più complessi con alcune semplici modifiche (in questo caso, istruendo le cellule ad adottare una bocca di pac-man). All’improvviso si stanno riproducendo. Questa rivelazione ha un’applicazione significativa in biologia, evoluzione, chimica, ingegneria, informatica e altro ancora.

Ho sempre fatto notare che i nostri signori sembrano più interessati ai test che alla vaccinazione. Quasi come se i vaccini…Leggi altro »



Per citare Jurassic Park: “la vita trova sempre un modo”. Oppure, come è più giustamente citato nello studio stesso: “la vita ospita comportamenti sorprendenti appena sotto la superficie, in attesa di essere scoperti “.

Le possibilità di variazione, o la complessità delle abilità programmabili, sembrerebbero allora essere un nuovo panorama vasto e inquietante. Bongard dice a questo proposito: ” Abbiamo scoperto che c’è questo spazio precedentemente sconosciuto all’interno di organismi, o sistemi viventi, ed è uno spazio vasto “.

Quindi, cos’altro potrebbe fare uno Xenobot, con una semplice modifica? Quali sono le applicazioni per noi umani?

Come al solito è un’arma a doppio taglio: i potenziali positivi sono significativi, ma comportano sia grandi promesse che grandi rischi. Tuttavia, la squadra è fiduciosa.

Bongard ritiene che le pandemie o i danni agli ecosistemi costituiscano un rischio preoccupante . Ha avuto questo da dire in riferimento alla risposta al vaccino Covid: “ Questo è un sistema ideale in cui studiare sistemi autoreplicanti. Abbiamo l’imperativo morale di comprendere le condizioni in cui possiamo controllarlo, dirigerlo, soffocarlo, La velocità con cui possiamo produrre soluzioni conta profondamente. Se siamo in grado di sviluppare tecnologie, imparando dagli Xenobot, in cui possiamo dire rapidamente all’intelligenza artificiale: “Abbiamo bisogno di uno strumento biologico che faccia X e Y e sopprima Z”, potrebbe essere molto utile. Oggi ci vuole un tempo estremamente lungo. 

Fortunatamente prosegue suggerendo altre applicazioni: “ distribuire macchine viventi per estrarre le microplastiche dai corsi d’acqua o costruire nuovi farmaci… Dobbiamo creare soluzioni tecnologiche che crescano allo stesso ritmo delle sfide che affrontiamo. 

Sebbene sia preoccupante pensare che l’umanità e la natura siano impegnate in una corsa agli armamenti problema/soluzione, sembra che la ricerca possa avere implicazioni per la medicina rigenerativa. Se con questo processo possiamo dire alle cellule come comportarsi, allora potrebbe essere possibile influenzare difetti alla nascita, lesioni traumatiche, cancro e invecchiamento.

Ancora una volta, il rischio è implicito. Se desideri seminare l’oceano con uno strumento autoreplicante per ripulire le microplastiche, puoi davvero essere sicuro al 100% che non ci saranno effetti negativi imprevedibili? L’introduzione di “organismi-soluzione” è stata tentata in passato, spesso con l’ effetto disastroso di far sì che la soluzione fosse peggiore del problema che si intendeva risolvere. 

Indipendentemente da ciò, ciò che questo significa veramente per noi è che abbiamo una potenziale nuova tecnologia: uno strumento biologico che può essere adattato a un compito specifico. Personalmente trovo la prospettiva entusiasmante, poiché normalmente sono uno che difende sfacciatamente la “sperimentazione da scienziato pazzo” (sto ancora aspettando che i genetisti riportino indietro il mammut lanoso o la tigre della Tasmania ). Tuttavia, come fan della fantascienza, sono consapevole del rovescio della medaglia, delle possibilità problematiche di macchine autonome che si auto-migliorano o si creano da sole. Le soluzioni miracolose si verificano molto raramente, poiché la natura preferisce contrattare, e ad ogni stadio dell’evoluzione ci sono nuovi problemi e nuovi vantaggi.

Ci sono una serie di speranze che il team ha associato a questa scoperta. Se quei disegni colpiscono il lettore con speranza o orrore dipende dall’individuo. Ma soprattutto dipenderà dalla direzione, o meglio, dal cambiamento di direzione necessario perchè affinchè lo scientismo che permea la nuova società post Covid, torni ad essere scienza.

Brendan Heard  è un autore, scrittore di editoriali, pittore, blogger e designer che ha lavorato nei media internazionali. 

I THERAGRIPPER DELLA JHONS HOPKINS PER LA SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.
Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite debit card o carta di credito. 

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

ABBONATI! Con un piccolo contributo di 3 € al mese potrai leggere tutti gli articoli senza fastidiose pubblicità.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!