CoronavirusSaluteSocietà

Il blocco è un disastro per la salute mentale dei bambini e hanno bisogno di supporto, ma non possiamo nemmeno patologizzare un’intera generazione


Di  Joanna Williams , la fondatrice del think tank Cieo. È autrice di Women vs Feminism, Why We All Need Liberating From the Gender Wars ed è una giornalista regolare per Spiked. Seguitela su Twitter  @ jowilliams293

Autolesionismo, tentativi di suicidio e disturbi alimentari sono tutti in aumento a causa dei bambini rinchiusi in casa. Tuttavia, dobbiamo stare attenti a non confondere la malattia mentale con la miseria razionale della nostra situazione attuale.

“I bambini in crisi di salute mentale venivano portati al pronto soccorso circa due volte a settimana. Dall’estate è stato più come una o due volte al giorno. Alcuni di appena 10 anni si sono tagliati, hanno cercato l’ overdose o hanno cercato di asfissiarsi “.
Queste parole, dal diario di un medico pubblicato dalla BBC, rendono difficile la lettura. Una matrona di un reparto pediatrico aggiunge che l’ autolesionismo “era nella mentalità degli adolescenti più grandi, ma stiamo vedendo bambini molto più piccoli esserne vittime ora”.

Le prove del danno che il blocco sta arrecando alla salute mentale dei bambini crescono di giorno in giorno. Un numero crescente di persone si presenta presso i reparti di emergenza ospedaliera per autolesionismo o tentativi di suicidio . I dati del NHS mostrano un aumento del numero di bambini in trattamento per disturbi alimentari . La dott.ssa Agnes Ayton, presidente della facoltà di disturbi alimentari presso il Royal College of Psychiatrists, ha dichiarato: “Questa malattia mortale sta prosperando perché le persone hanno perso molte delle loro reti di supporto insieme all’accesso ai servizi di comunità a causa del Covid-19”.

Nel frattempo, il commissario per l’infanzia, Anne Longfield , ha avvertito che i servizi di salute mentale in Inghilterra non hanno la capacità di far fronte all’impatto della pandemia di coronavirus sui bambini. E non dimentichiamo che dietro ogni statistica ci sono genitori devastati, preoccupati su come proteggere al meglio i propri figli e timorosi delle conseguenze del fallimento.

Purtroppo, i tassi di autolesionismo e problemi di salute mentale nei giovani erano in aumento molto prima del coronavirus . Sono stati fatti vari tentativi per spiegare questo aumento, con i social media spesso in primo piano. La raffica di immagini perfette, la pressione per ottenere “Mi piace” e le incessanti richieste di risposta possono certamente essere difficili da affrontare. Ma alti livelli di utilizzo dei social media possono indicare un problema diverso: ciò che i bambini non fanno con il loro tempo. Le ore che fissano uno schermo non possono essere recuperate per uscire con gli amici, fare un lavoretto il sabato, partecipare a squadre sportive o suonare uno strumento musicale. Il blocco ha esacerbato tutti questi problemi preesistenti.

I problemi di salute mentale nei bambini devono essere presi sul serio. Non è abbastanza logico aspettarsi che le persone in difficoltà si uniscano a lunghe liste di attesa prima di poter ricevere un sostegno professionale. Ma troppo spesso sembra che quello che offriamo ai bambini sia il peggiore di tutti i mondi: non riusciamo ad aiutare chi ha un disperato bisogno mentre, allo stesso tempo, creiamo problemi a chi si trova semplicemente alle prese con i normali alti e bassi dell’adolescenza.

Molte scuole organizzano workshop ed esercizi progettati per aprire la discussione sulla salute mentale e insegnare meccanismi di coping come la consapevolezza o la meditazione. Tali classi sono ben intenzionate, ma possono portare anche i bambini più piccoli a raccogliere un vocabolario di stress, depressione e ansia, nonché una propensione a diagnosticare queste condizioni da soli. C’è il rischio che alcuni bambini catturino le preoccupazioni degli adulti.
È positivo che i bambini siano incoraggiati a parlare apertamente dei problemi di salute mentale che potrebbero avere. Tuttavia, allo stesso tempo, è diventato meno socialmente accettabile per gli adolescenti ammettere di sentirsi soli, infelici, annoiati o preoccupati. Non solo queste emozioni suonano meno drammatiche della depressione, dello stress e dell’ansia, ma possono anche sembrare dei difetti personali. Questo diventa un problema particolare durante il blocco che è, per definizione, un’esperienza solitaria e noiosa.

In questo momento, sentirsi infelici è una risposta emotiva molto normale a una situazione molto insolita. È importante che i bambini non abbiano la sensazione di deludere tutti lottando contro il blocco, ma nemmeno le loro emozioni dovrebbero essere patologizzate come malattia mentale. Essere infelici e stufi non è la stessa cosa che soffrire di depressione.

Tragicamente, sembra che un numero piccolo ma crescente di bambini stia trovando il blocco così difficile da affrontare che li sta portando all’autolesionismo o addirittura a contemplare il suicidio. Dobbiamo loro il miglior supporto disponibile. Ma dobbiamo anche tenere presente che la maggior parte dei bambini è resiliente e – quasi – se la cava. Meritano di poter essere di nuovo bambini alla prima occasione possibile anzi, subito. Quando arriverà quel momento, gli adulti devono lasciarli soli per giocare, ridere e divertirsi.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA

Articoli correlati

Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite PayPal o carta di credito. 

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!