CoronavirusDeep StateEight O’Clock in the MorningScienza e TecnologiaSocietà

IL BRITISH MEDICAL JOURNAL CONTRO FACEBOOK: “SMETTI DI CENSURARCI E MANDA A CASA I TUOI FACT CHECKER INCOMPETENTI”

I migliori redattori del  British Medical Journal (The BMJ)  hanno un messaggio per  Mark Zuckerberg  di Facebook: metti in riga i tuoi fact-checker, il prima possibile. Come parte di una delle riviste mediche più antiche e prestigiose del mondo, i redattori senior esprimono vera preoccupazione per i fact-checker di terze parti impiegati da Facebook/Meta. Questo reclamo emerge sulla base dei problemi di dati potenzialmente fraudolenti o difettosi associati all’organizzazione di ricerca a contratto Pfizer  Ventavia .

Secondo TrialSite  il BMJ ha  scritto un articolo critico che indaga sulle prove bomba che pratiche scadenti e problemi di controllo della qualità sono emersi durante gli studi clinici sul vaccino Pfizer COVID-19. Ricercata meticolosamente sulla base della documentazione degli informatori, la revisione critica, scritta da Paul Thacker nella rivista peer-review, ha fatto sollevare le sopracciglia se non di più.

Censori di Facebook

Tuttavia,  il  BMJ  presto ha avuto un assaggio di ciò che Facebook, Google e altri stanno facendo su piattaforme di media indipendenti come  TrialSite e come Database Italia. Anche se  il BMJ  è una delle riviste mediche più importanti e le informazioni sono state rigorosamente sottoposte a revisione paritaria, sono iniziate a succedere cose strane.

Ad esempio, i lettori proverebbero a pubblicare alcune informazioni sui social media come Facebook per condividerle con le loro reti. Ma “alcuni hanno riferito di non essere in grado di condividerle”. Inoltre, a quanto pare, “i fact-checker indipendenti hanno concluso: “Questo post potrebbe fuorviare le persone”. Quegli individui che stavano semplicemente condividendo questo contenuto, sottoposti a peer review da  The BMJ,  sono stati avvertiti da Facebook che “Queste informazioni potrebbero fuorviare le persone”. Inoltre: “Coloro che cercano di pubblicare l’articolo sono stati informati da Facebook che le persone che condividono ripetutamente “informazioni false” potrebbero vedere i loro post spostati più in basso nel feed delle notizie di Facebook”. Inoltre, alcuni amministratori del gruppo hanno ricevuto notifiche da Facebook che le informazioni erano “parzialmente false”. Database Italia ha ricevuto l’ennesimo avviso di violazione e successivamente la pagina è stata chiusa senza appello con oltre 23000 follower.

Articoli correlati

Quindi i lettori sono stati invitati a un “controllo dei fatti” eseguito da  Lead Stories , un fact-checker di terze parti. Eppure, annoverando forse i migliori esperti del pianeta quando si tratta di informazioni sulla ricerca medica,  il BMJ  ora deve verificare i fact-checker, proprio come  ha dovuto fare continuamente TrialSite  , trovando che i fact-checker sono, ovviamente, in errore e proprio come ha dovuto fare tante volte Database Italia, un esempio:
DOTT. STEFANO SCOGLIO. FACT CHECKERS O FALSOLOGI? LA MIA REPLICA AI SOLDATINI DEL DITTATORE

Riportiamo La  nota dell’editore BMJ :

∙       Non fornisce alcuna asserzione di fatto che l’articolo del BMJ sia sbagliato

∙       Ha un titolo senza senso: “Fact Check: il British Medical Journal NON ha rivelato segnalazioni di squalifica e ignorate di difetti negli studi sui vaccini Pfizer COVID-19”

∙       Il primo paragrafo etichetta in modo impreciso il BMJ un “blog di notizie”

∙       Contiene uno screenshot del nostro articolo con un timbro sopra che indica “Difetti rivisti”, nonostante l’articolo Lead Stories non identifichi nulla di falso o falso nell’articolo del BMJ

∙       Ha pubblicato la storia sul suo sito web sotto un URL che contiene la frase “hoax-alert”

Nota  Gli  editori del BMJ hanno contattato Lead Stories ma sono risoluti sul fatto che non siano in errore. Ora Facebook segnala l’articolo BMJ.

Un regime di verifica dei fatti incompetente

Sia la signora Godlee che il signor Abbasi hanno un messaggio per Facebook: i tuoi fact-checker sono “incompetenti”. Il social network farebbe meglio a mettersi d’accordo, questo è il messaggio. Già che ci sono, dovrebbero ricordare che Jen Psaki era a conoscenza del fatto che agenti di alto livello della Casa Bianca forniscono informazioni a Facebook su ciò che è disinformazione rispetto a informazioni reali credibili. Per riferimento, includiamo  il  pezzo The Hill . Forse  il BMJ  dovrebbe inserire anche la signora Psaki nella loro lista così come dovrebbe fare con chiunque faccia parte dello staff “senior” della Casa Bianca che “suggerisce” di offrire aiuto a Facebook.

Autori del messaggio per Facebook

Fiona Godlee, caporedattore BMJ
Kamran Abbasi, caporedattore entrante BMJ

[jetpack_subscription_form]

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!