Home Scienza e Tecnologia Il capo dei servizi segreti statunitensi accetta un lavoro nella Silicon Valley...

Il capo dei servizi segreti statunitensi accetta un lavoro nella Silicon Valley come capo della sicurezza della società madre di Snapchat. Cosa potrebbe andare storto?

15
0

Con le libertà civili ora in gioco, la porta girevole che esiste tra l’intelligence statunitense e il settore privato deve essere chiusa.

Il direttore dei servizi segreti James Murray si è dimesso dai suoi incarichi nella sicurezza della Casa Bianca per un comodo lavoro di sicurezza presso Snap, la società madre di Snapchat. Con le libertà civili ora in gioco, questa porta girevole che esiste tra l’intelligence statunitense e il settore privato deve essere chiusa.

Nel corso dei suoi 27 anni di servizio di sicurezza a Washington, DC, James Murray ha gestito una nave ristretta , tenendo i trasgressori fuori dal prato della Casa Bianca mentre negli ultimi tre anni ha fornito sicurezza sia a Joe Biden che all’ex presidente Donald Trump. Non male come curriculum e Snapchat, l’applicazione di messaggistica mobile utilizzata per condividere foto, video, testo e disegni, sembra essere d’accordo. La scorsa settimana, Murray ha accettato la posizione di capo della sicurezza presso la società di social media. L’inizio delle sue funzioni è previsto per agosto.

Cosa c’è di sbagliato in questa immagine? In primo luogo, i funzionari governativi che entrano nel settore privato attraverso la famosa “porta girevole” dopo il pensionamento sono pieni di rischi e potenziali comportamenti scorretti. Nel corso della loro carriera, i dipendenti pubblici possono essere tentati di prestare particolare attenzione ai loro futuri datori di lavoro per ottenere un lavoro a sei cifre nel settore privato.

La vita di Evan Bayh, 66 anni, l’ex governatore dell’Indiana, fornisce un buon esempio di funzionari del governo che si arricchiscono. Dopo aver deciso di non candidarsi alla rielezione nel 2010, Bayh ha continuato a ricoprire incarichi nei consigli di amministrazione di diverse società, inclusa quella di Barry Plastics Corp. Nel 2016, quando ha deciso di entrare di nuovo nell’anello politico, i suoi guadagni hanno dimostrato che nel 2015 e 2016, la ricchezza personale di Bayh era esplosa. L’ex governatore ha ricevuto oltre 6 milioni di dollari di stipendio per aver prestato servizio in vari consigli aziendali, oltre a compensi da capogiro per convegni. Sebbene non ci sia nulla di sbagliato nel guadagnare denaro, lo è la minaccia che i dipendenti del governo vengano attirati in atti che normalmente non avrebbero intrapreso.

Sebbene James Murray non fosse uno statista di per sé, era certamente nel tipo di posizione governativa di alto livello che gli avrebbe consentito di alimentare la Silicon Valley con informazioni sensibili, il tutto nell’aspettativa di assicurarsi un paracadute d’oro al momento del pensionamento. Sebbene una tale affermazione sia quasi impossibile da provare, il fatto che non sia oltre il regno della plausibilità dovrebbe far sollevare alcune sopracciglia, soprattutto considerando il losco background di Murray come una vera spia.

I gravi rischi assunti da Edward Snowden, l’ex consulente di intelligence informatica americano che nel 2013 ha fatto trapelare informazioni altamente riservate dalla National Security Agency (NSA) sono stati vani? Le rivelazioni esplosive di Snowden hanno rivelato una serie di programmi di sorveglianza globale, molti gestiti dalla NSA e dalla Five Eyes Intelligence Alliance (che comprende Australia, Canada, Nuova Zelanda, Regno Unito e Stati Uniti) con la cooperazione di società di telecomunicazioni e vari governi.

Snowden, a cui è stata concessa la residenza permanente in Russia dopo una fuga vorticosa, una volta ha detto a un ritrovo di Google che le informazioni raccolte dalle società erano molto meno pericolose di quelle raccolte da un’agenzia governativa perché “i governi hanno il potere di privarti dei tuoi diritti”. Ora la prospettiva che le società di social media assumano ex spie rende discutibile un argomento del genere.

In altre parole, questo matrimonio di convenienza tra potere aziendale e agenzie governative mette una mazza da baseball dritta sulle ginocchia delle nostre istituzioni democratiche, o di ciò che ne resta.

Clicca Qui
Previous articleVirologa Engwall scrive al British Medical Journal, l’epatite nei bambini è dovuta al vettore virale nel siero Covid di AstraZeneca
Next articleVivo, Oppo, Realme e OnePlus sono tutti di proprietà di una sola azienda cinese segreta, la BBK Electronics
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.