Deep StateEight O’Clock in the MorningIntelPoliticaSenza categoria

Il capo della CIA arriva a Mosca… La Russia fa in modo che il Deep State degli Stati Uniti presti attenzione

La Russia non tollererà ulteriori provocazioni alla sua sicurezza nazionale. La domanda ora è: l’élite al potere degli Stati Uniti può cambiare il suo comportamento bellicoso?

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA

La “rara” visita a Mosca della scorsa settimana del capo della CIA William Burns ha segnato uno sviluppo notevole. L’establishment politico degli Stati Uniti sembra aver ricevuto un campanello d’allarme per ascoltare direttamente dalla leadership russa le sue preoccupazioni per la pace internazionale.

Da un lato ciò indica quanto gravemente si siano deteriorate le relazioni bilaterali. Dall’altro, però, una linea di comunicazione diretta tra Mosca e Washington potrebbe aiutare a chiarire i punti di conflitto ed evitare un’escalation.

Il direttore della CIA William Burns è stato inviato la scorsa settimana a Mosca in una visita a sorpresa. Secondo quanto riferito, è stato inviato dal presidente Joe Biden. Durante il suo tour in navetta di due giorni, Burns ha tenuto colloqui separati con il capo del Consiglio di sicurezza russo, Nikolai Patrushev, e con la controparte di Burns, Sergei Naryshkin, il direttore del servizio di intelligence estero russo (SVR). Entrambi gli uomini rappresentano il più alto livello di sicurezza dello stato russo.

Inoltre, durante il suo soggiorno, il capo della CIA ha avuto anche una telefonata con il presidente russo Vladimir Putin. Si pensa che una chiamata del genere sia estremamente insolita. Il protocollo normale prevede che Putin deleghi gli aiutanti del Cremlino a condurre discussioni con dignitari stranieri.

Ma Burns non è un normale dignitario straniero. Il 65enne è un diplomatico esperto che ha precedentemente servito come ambasciatore degli Stati Uniti in Russia (2005-2008). La sua lunga carriera nel Dipartimento di Stato, combinata con il suo ultimo incarico come direttore della Central Intelligence Agency, fanno di Burns l’incarnazione dell’establishment della politica estera di Washington, il cosiddetto Deep State.

Così la sua visita a Mosca può essere vista come un momento in cui la leadership dei due Stati dotati di armi nucleari si è impegnata in colloqui diretti e robusti. Più di quando il presidente Biden ha incontrato Putin a Ginevra all’inizio di giugno per poche ore e un sacco di clamore mediatico di accompagnamento. Nota anche come Biden abbia inviato Burns come suo rappresentante per questa seria occasione, non il Segretario di Stato Antony Blinken né il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan.

resoconti dei media statunitensi sulla missione di Burns a Mosca sono stati senza dubbio presentati come una distrazione dalla vera agenda. È stato riferito che Burns ha emesso avvertimenti sull’accumulazione militare russa al confine con l’Ucraina. Il Cremlino ha respinto tali affermazioni e le presunte immagini satellitari dei movimenti militari come invenzioni infondate. Persino il ministero della Difesa ucraino – normalmente fin troppo allarmista sull’imminente “invasione” russa – ha affermato che non c’è stato alcun accumulo russo come affermato dai resoconti dei media statunitensi.

Il direttore della Cia William Burns

Più plausibilmente, il Cremlino ha affermato che le conversazioni ad alto livello con Burns riguardavano “relazioni bilaterali” e “conflitti regionali” senza fornire ulteriori dettagli sulle discussioni. Ciò suggerisce che la parte russa stava dicendo agli Stati Uniti senza mezzi termini le sue vitali preoccupazioni per la sicurezza nazionale e, cosa altrettanto importante, come avrebbe risposto cineticamente se le linee rosse fossero state violate.

Solo poche settimane fa il segretario alla Difesa Usa Lloyd Austin ha visitato l’Ucraina durante il viaggio il capo del Pentagono ha ribadito la possibilità di una futura adesione all’alleanza Nato. Il Cremlino ha ripetutamente avvertito che un tale sviluppo sarebbe una linea rossa che provocherebbe una risposta. L’insistenza di Austin sull’adesione dell’Ucraina alla NATO deve aver bruciato profondamente a Mosca. Come possono questi americani essere così grossolani?

Mosca ha anche recentemente evidenziato l’accumulo di forze americane e della NATO nel Mar Nero come un’altra linea rossa. Non sembra un caso che il presidente Putin abbia annunciato che nei prossimi mesi le navi da guerra russe saranno armate con nuovi missili ipersonici.

Ci sono altri importanti fattori contestuali. Il mese scorso, l’amministrazione Biden ha inviato la diplomatica Victoria Nuland a Mosca per una visita di tre giorni. Nuland incarna la politica statunitense di cambio di regime, soprattutto per il suo ruolo nell’orchestrare il colpo di Stato del 2014 a Kiev. È stata accolta a Mosca dal viceministro degli Esteri Sergei Ryabkov. È stato riferito che la parte statunitense è stata sorda alle preoccupazioni della Russia sull’Ucraina, nonché alla crescente offensiva della NATO sui confini della Russia e alle crescenti tensioni nelle relazioni bilaterali.

Poi Mosca ha annunciato che stava interrompendo i canali diplomatici con l’alleanza della NATO. La mossa è stata motivata dall’espulsione di diplomatici russi da Bruxelles che sarebbero stati accusati senza prove di lavorare come spie. Quella mossa è stata vista da Mosca come l’ultima goccia di una serie di provocazioni della NATO. I canali diplomatici erano diventati ridondanti molto tempo prima, in gran parte a causa della riluttanza della NATO a impegnarsi in un dialogo reciproco.

In ogni caso, Mosca stava facendo sapere che ne aveva abbastanza di occuparsi di cifrari e cacofonia anti-russa. Allontanandosi dalla NATO, il Cremlino stava telegrammando che gli Stati Uniti dovrebbero iniziare a prendere sul serio le sue linee rosse.

I deputati del Dipartimento di Stato non sono sufficienti per il serio scopo di comunicazioni gravi. Né sono nominalmente alti diplomatici come Blinken o come Sullivan che, nonostante tutta la loro apparente anzianità, operano su punti di discussione prescritti come messaggeri. Anche il segretario alla Difesa Austin – il capo titolare del Pentagono – si è rivelato nient’altro che un venditore di copioni durante il suo tour robotico in Ucraina e Georgia. Non vale la pena trattare con queste persone per arrivare al cuore del conflitto.

A volte il modo più efficace per fare il punto è ridurre le comunicazioni al minimo indispensabile. E in questo modo, si elimina il rumore e l’eco eliminando i canali che non hanno alcuna conseguenza reale.

La Russia ha chiarito che gli Stati Uniti e la NATO stanno spingendo un potenziale confronto su Ucraina, Mar Nero, Balcani e la regione più ampia. Dopo averlo fatto, e dopo aver espresso le linee rosse, sembra che il Deep State degli Stati Uniti abbia deciso che forse è meglio iniziare a prestare attenzione a ciò che sta dicendo la Russia.

La visita urgente a Mosca di William Burns è stata l’occasione per discutere seriamente su come evitare che le tensioni sfocino ulteriormente nella guerra. Il Deep State degli Stati Uniti ha ricevuto direttamente il messaggio. La Russia non tollererà ulteriori provocazioni alla sua sicurezza nazionale. La domanda ora è: l’élite al potere degli Stati Uniti può cambiare il suo comportamento bellicoso?

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.

Articoli correlati

Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite debit card o carta di credito. 

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

ABBONATI! Con un piccolo contributo di 3 € al mese potrai leggere tutti gli articoli senza fastidiose pubblicità.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!