Quantcast
Database Italia

Il Cirque Du Soleil verso la bancarotta a causa del Coronavirus. Oltre 4000 i licenziamenti

Montreal (AFP) – Lunedì, il Cirque du Soleil ha annunciato la richiesta di protezione fallimentare e il taglio di migliaia di posti di lavoro mentre la compagnia circense più famosa del mondo cerca di sopravvivere alla pandemia di coronavirus.

Il gruppo canadese ha annunciato che la sua richiesta sarà ascoltata dalla Corte Superiore del Quebec martedì. Se concesso, la società canadese cercherà quindi la protezione in caso di fallimento negli Stati Uniti.

Il Cirque du Soleil ha dichiarato di aver concluso un accordo di acquisto con i suoi attuali azionisti, incluso un mix di investitori provenienti da Stati Uniti, Canada e Cina.

E’ imminente invece il licenziamento di 3.480 lavoratori che erano stati precedentemente messi in cassa integrazione.

“Negli ultimi 36 anni, il Cirque du Soleil ha riscontrato solo successi soprattutto dal punto di vista economico e degli incassi. Tuttavia, con entrate pari a zero dopo la chiusura forzata di tutti i nostri spettacoli a causa di COVID-19, il management ha dovuto agire in modo decisivo per proteggere il futuro della Società “, ha dichiarato Daniel Lamarre, amministratore delegato del Cirque du Soleil Entertainment Group.

“Non vedo l’ora di ricostruire le nostre operazioni e di riunirci per creare ancora una volta lo spettacolo magico che è il Cirque du Soleil per i nostri milioni di fan in tutto il mondo.”

Fondato nel 1984, il Cirque ha allestito grandi spettacoli in oltre 300 città in tutto il mondo, deliziando il pubblico con gli incantevoli spettacoli circensi contemporanei messi in musica senza senza fare uso però di leoni, elefanti e orsi.

Ma la pandemia ha lasciato il Cirque du soleil in lotta per la sopravvivenza, costringendo a cancellare decine di spettacoli in tutto il mondo, da Las Vegas a Tel Aviv, da Mosca a Melbourne, e lasciando a casa oltre 4.500 acrobati e tecnici – il 95 percento della sua forza lavoro.

Un gruppo di azionisti – che comprende la società di private equity TPG, il conglomerato cinese Fosun e l’Investissement Quebec – acquisirà inizialmente beni aziendali in cambio di una liquidità di 300 milioni di dollari mentre l’impresa che si occupa della ristrutturazione cerca altri investitori.

I creditori garantiti del Cirque du Soleil riceveranno $ 50 milioni di debito non garantito, oltre a una quota azionaria del 45% nella società ristrutturata e un rimborso di $ 50 milioni in prestiti.

L’aspettativa è che la società emergerà dal processo fallimentare degli Stati Uniti con meno debiti e in grado di “avanzare significativamente verso un eventuale riavvio”, ha detto Cirque du Soleil.

Il piano prevede un programma di assistenza ai dipendenti per 15 milioni di dollari nell’ambito della ristrutturazione.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.