Quantcast
Database Italia

IL COLPO DI STATO IN MYANMAR NON DOVREBBE STUPIRE NESSUNO


Dalla scorsa settimana, gli eventi in Myanmar si sono svolti come la cronaca di un colpo di stato preannunciato. L’esercito ha avvertito , suggerendo che sarebbe potuto accadere un colpo di stato . Il capo dell’esercito ha esitato e le ambasciate straniere hanno debitamente protestato. Anche le Nazioni Unite hanno messo in guardia contro un colpo di stato. Poi, all’inizio di lunedì, mentre il nuovo parlamento stava per incontrarsi, le truppe sono state viste in luoghi strategici nella capitale, Naypyidaw, e nella città più grande del paese, Yangon; i veicoli militari percorrevano strade principali; e uno per uno, i parlamentari di spicco tra cui il consigliere di stato Aung San Suu Kyi , il presidente Win Myinte decine di altri sono stati arrestati. Tra gli arrestati vi sono i capi dei ministri regionali, scrittori, un cantante ed ex leader studenteschi di quella che è conosciuta come Generation ’88 , i giovani che si sono ribellati all’esercito quell’anno. Infine, in una dichiarazione ufficiale rilasciata oggi, i militari hanno dichiarato lo stato di emergenza nazionale per un anno e hanno confermato che il potere era stato consegnato al comandante in capo delle forze armate, il generale maggiore Min Aung Hlaing.

Già la scorsa settimana la comunità internazionale era allarmata dai segnali dell’imminente colpo di stato, infatti i diplomatici occidentali a Yangon hanno espresso preoccupazione . Il Tatmadaw, come è noto l’esercito birmano, ha emesso un’ipocrita confutazione che puzzava di innocenza ferita, rimproverando i diplomatici stranieri per aver parlato senza una conoscenza sufficiente. Ma i timori dei diplomatici si sono rivelati giustificati.

Alla fine della scorsa settimana, con l’avvicinarsi della data per la prima sessione del parlamento neoeletto, i militari erano diventati più assertivi. Testimoni oculari hanno riferito di aver visto sostenitori militari marciare per le strade e picchiare i civili. I militari hanno esortato tutti ad aderire alla marcia per le strade e picchiare i civili. Le fotografie hanno mostrato alcuni degli attivisti con auricolari vistosi, suggerendo che facessero parte delle forze armate. Un politico filo-militare è stato anche visto dirigere i manifestanti per le strade.

I militari ei manifestanti si sono opposti alla convocazione del nuovo parlamento, che secondo loro non era rappresentativo.Secondo i militari le elezioni parlamentari di novembre che hanno visto il ritorno al potere della Lega nazionale per la democrazia (NLD) con una maggioranza schiacciante sono state fraudolente per via di una discrepanza tra le liste elettorali e i voti espressi. Sebbene le elezioni in Myanmar presentassero effettivamente vistose incongruenze, la commissione elettorale nazionale ha respinto le accuse di diffuse irregolarità. Fonti a Yangon hanno affermato che anche se i voti fossero stati conteggiati in base alle precedenti liste elettorali, i politici filo-militari avrebbero perso in modo schiacciante.
I risultati del voto di novembre sono stati inequivocabili. La NLD ha preso 138 dei 224 seggi ad Amyotha Hluttaw, la Camera delle nazionalità, e 258 dei 440 seggi a Pyithu Hluttaw, la Camera dei rappresentanti, aggiungendo altri sei seggi al conteggio del partito nel 2015. L’Union Solidarity and Development Party (USDP) filo-militare ha vinto rispettivamente solo sette e 26 seggi nelle due camere: in tutto sette seggi in meno rispetto al totale del 2015. La performance dell’USDP è stata terribile, considerando che l’NLD non è così popolare oggi come lo era nel 2015.

Tuttavia, la durata della popolarità della NLD è notevole. Nel 1990 trionfò facilmente nelle prime elezioni veramente rappresentative consentite dai militari, in cui il partito vinse 392 dei 492 seggi in parlamento. È stato un risultato che i generali hanno immediatamente annullato, arrestando i legislatori e mettendo Aung San Suu Kyi agli arresti domiciliari per anni. Il blocco è stato rotto solo nel 2012, quando il Myanmar ha tenuto elezioni suppletive in cui l’NLD ha schierato candidati. L’atmosfera era festosa nel paese in quel momento, e ricordo vividamente la faccia di Aung San Suu Kyi su manifesti, cartelloni pubblicitari e adesivi sui cruscotti dei taxi traballanti di Yangon. Non sorprende che il suo partito abbia spazzato le urne, conquistando 43 dei 44 seggi per i quali si sono tenute elezioni suppletive, aprendo la strada alla democrazia. Sembrava un finale da favola.

Ma le favole sono finzione, mentre la realtà è molto più dura. Mentre Aung San Suu Kyi è stata una straordinaria sostenitrice della democrazia del Myanmar in quegli anni e ha vinto una serie di onorificenze internazionali, è stata attenta a mantenere l’esercito al suo fianco. Una prima indicazione del suo pensiero fu la sua intervista al popolare programma radiofonico della BBC, Desert Island Discs , quando scelse tra i suoi brani preferiti una canzone marziale birmana, e ricordò agli ascoltatori che suo padre aveva fondato l’esercito birmano, e come tale, tutti i soldati erano suoi parenti. Le sue osservazioni furono una sorpresa per molti, considerando come l’aveva trattata lo stesso esercito. È diventata un’icona della democrazia globale, ha ricevuto il premio Nobel per la pace nel 1991 , è stata celebrata in una canzone dalla band U2 ed è diventata oggetto diun film di Luc Besson .

Ma ha deluso molti con il suo iniziale equivoco – e il rifiuto di condannare – le atrocità commesse dall’esercito contro la minoranza Rohingya del Myanmar , e il suo successivo sostegno stridente all’esercito quando è stato accusato di aver commesso un genocidio. Durante una visita al campo profughi di Kutupalong in Bangladesh, i molti Rohingya sono rimasti sbalorditi dal fatto che non avrebbe sostenuto la loro situazione. Anche se la NLD ha consolidato il potere, ha guardato dall’altra parte mentre le libertà civili venivano erose, i giornalisti venivano arrestati e un conflitto nello stato di Rakhine si intensificava. Ha difeso con forza i militari presso la Corte internazionale di giustizia quando il Gambia ha presentato un casoaccusando il Myanmar di genocidio. Diventando essenzialmente il volto dell’esercito del Myanmar, ha distrutto ciò che restava della sua credibilità nella comunità internazionale. Potrebbe aver calcolato che i favori che ha fatto ai militari sarebbero stati ricompensati e che un giorno sarebbe stata in grado di stabilire un governo civile completo in Myanmar. Ma ciò avrebbe richiesto ai militari di rinunciare al controllo.

Le elezioni del Myanmar non sono state né libere né eque

Il 16 ottobre scorso, la commissione elettorale del Myanmar ha annullato le elezioni in nove delle 17 township nello stato di Rakhine devastato dal conflitto. Molte delle township inalterate erano detenute dalla Lega nazionale per la democrazia (NLD) al potere, e la mossa ha ovviamente inclinato il campo di gioco elettorale a favore del partito nello stato in cui ne ha più bisogno. Oltre ad altre violazioni delle norme democratiche, la decisione ha minato ulteriormente la credibilità di un’elezione che l’NLD avrebbe comunque sempre vinto. Il partito del leader civile e un tempo icona della democrazia Aung San Suu Kyi, salito al potere nel 2015, conserva ancora un ampio sostegno altrove in Myanmar.

Ma settimane prima del voto nazionale dell’8 novembre, il governo della Nld ha escluso la minoranza musulmana Rohingya dal voto o dalla candidatura alle elezioni, ha censurato partiti politici rivali e siti web critici e ostacolato il più grande monitor elettorale del Myanmar. Una nuova ondata di COVID-19 in Myanmar ha aggravato questi ostacoli, limitando le campagne in tutto il paese, ma in particolare nello stato di Rakhine e Yangon, la città più grande, e portando i principali partiti di opposizione a richiedere un ritardo inutilmente . Eppure, nonostante l’assalto alla democrazia da parte del partito che un tempo la rappresentava, i paesi occidentali sono rimasti quasi completamente in silenzio.

Dopo che la NLD vinse con una valanga di voti cinque anni fa, molti osservatori prevedevano una svolta liberale in Myanmar dopo decenni di governo militare. Ma prima del colpo di stato dominava l’apatia politica: un sondaggio pre- elettorale dell’Alleanza popolare per le elezioni credibili (PACE) ha rilevato che solo il 30% degli intervistati era interessato alla politica, un forte calo dal 58% nel 2016. E mentre l’NLD difendeva la sua maggioranza dai risultati dei sondaggi, il partito si dimostrava non essere in gran parte all’altezza del suo nome. Le elezioni si sono dimostrate certo non essere all’altezza degli standard democratici.

La NLD gode di una popolarità diffusa tra la maggioranza etnica Bamar e molto probabilmente avrebbe vinto comunque anche elezioni libere ed eque. Ma piuttosto che correre il rischio, ha minato la democrazia in Myanmar, perseguendo politiche simili a quelle del governo militare che ha combattuto per decenni. Il campo di gioco politico non era ancora allo stesso livello – con le forze armate che mantenevano automaticamente il controllo sul 25% dei seggi in parlamento controllando istituzioni chiave, come la polizia.

Normalmente, ci sarebbe dovuta essere una condanna internazionale per queste violazioni – in effetti, l’Unione Europea ha condannato politiche simili in vista delle elezioni del 2015 supervisionate da un partito di allineamento militare – ma i paesi che normalmente alzano la voce su queste questioni hanno chiuso un occhio sulle pratiche della NLD .

La violazione più eclatante delle norme democratiche da parte della NLD è l’esclusione dei Rohingya. La campagna militare del 2017 contro la minoranza nello stato di Rakhine, definita genocidio dalle Nazioni Unite e da altri, ha inviato centinaia di migliaia di Rohingya nel vicino Bangladesh. Coloro che rimangono in Myanmar vivono per lo più in campi descritti come prigioni a cielo aperto, e gli è stato in gran parte negato il diritto di votare o candidarsi alle elezioni per non aver soddisfatto i requisiti di cittadinanza che i critici dicono essere razzisti e arbitrari.

Per alcuni osservatori occidentali, questa esclusione è solo una macchia sulla transizione democratica altrimenti incoraggiante del Myanmar. In una dichiarazione congiunta sdentata , un gruppo di otto paesi, tra cui Stati Uniti e Regno Unito, ha chiesto l’inclusione dei Rohingya alle elezioni, senza però intraprendere alcuna azione specifica.

L’esclusione dei Rohingya è un sintomo della più ampia riluttanza della NLD a sostenere i valori democratici. Kyaw Min, un politico Rohingya la cui candidatura è stata respinta dalla Commissione elettorale dell’Unione che è stata nominata dal governo dell’NLD, afferma che le leggi che regolano l’eleggibilità sono le stesse oggi di 30 anni fa. Ha accusato l’attuale governo di imitare l’esercito nella sua stessa ricerca per mantenere il potere.

“Non siamo stranieri, i nostri genitori non sono stranieri, siamo qui da molte, molte generazioni”, ha detto Kyaw Min, aggiungendo che i politici dell’NLD “non capiscono cosa siano la democrazia ei diritti umani – stanno solo cercando di ottenere il potere dai militari. “

L’NLD ha sostenuto o è rimasto in silenzio su altre violazioni delle norme democratiche. Almeno nove partiti – tutti partiti di minoranze etniche o partiti minori pro-democrazia – si sono lamentati della censura da parte della commissione elettorale delle loro piattaforme sui media statali. L’Arakan National Party con sede a Rakhine, il terzo più grande partito in parlamento, ha detto di essere stata costretta dalla commissione a rimuovere le critiche alla costituzione del 2008 e un commento sull’apatia elettorale a Rakhine. Il governo ha bloccato centinaia di siti web per presunta diffusione di “notizie false”, inclusi media credibili e il sito di un gruppo di attivisti che denunciava la corruzione militare.

In tutto il paese, gli attivisti sono stati arrestati per aver protestato contro la campagna militare contro l’ esercito di Arakan a Rakhine . L’Arakan National Party ha vinto clamorosamente a Rakhine nel 2015, ma il successo locale non ha aumentato in modo significativo il suo potere politico a livello nazionale, erodendo la fede nella politica elettorale e incoraggiando l’ascesa dell’esercito separatista di Arakan. All’inizio dell’anno scorso, l’NLD ha respinto una proposta per consentire ai legislatori statali e regionali di selezionare i propri ministri principali, il che sarebbe stato un passo importante verso la riforma federalista a lungo promessa.

La Commissione elettorale dell’Unione ha inizialmente bloccato PACE, il più grande monitor elettorale del paese, dall’osservare il voto perché riceve finanziamenti stranieri. La mossa ha provocato proteste diffuse dato che la maggior parte degli osservatori stranieri, tra cui il Carter Center con sede negli Stati Uniti e l’ Unione Europea , sarebbero stati severamente limitati in Myanmar dalle restrizioni COVID-19. La commissione alla fine ha ceduto, ma il ritardo ha impedito all’APCE di osservare la pubblicazione pubblica delle liste degli elettori, che sono state criticate per errori dilaganti , inclusi nomi errati e l’inclusione di cittadini deceduti.

A luglio è emersa una campagna di “no voto” , guidata da attivisti disillusi dall’NLD, i quali sostenevano che un’elezione legittima fosse impossibile secondo la costituzione redatta dai militari. La campagna ha infastidito la leadership dell’NLD ed è stata amplificata da organizzazioni di attivisti più importanti, come la All Burma Federation of Student Unions. Sebbene i politici della NLD abbiano notoriamente boicottato le elezioni organizzate dai militari del 2010, i suoi funzionari hanno sbattuto la campagna “no voto” come un insulto alla storica lotta per la democrazia. La Nld e la Commissione elettorale dell’Unione hanno minacciato di arrestare i boicottatori, smorzando il movimento.

L’intolleranza per il dissenso della NLD ha inviato il messaggio minaccioso di essere l’unico custode della democrazia e che chiunque si opponesse alla NLD era un oppositore della democrazia. Di fronte a queste restrizioni alla libertà di espressione, i paesi occidentali sono generalmente rimasti in silenzio. Thomas Andrews, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla situazione dei diritti umani in Myanmar, è uno dei pochi eminenti diplomatici ad aver criticato la censura. “L’informazione è il battito del cuore di un’elezione libera e giusta”, ha detto Andrews in una riunione del Consiglio dei diritti umani a settembre, aggiungendo che le elezioni “non avrebbero soddisfatto questo standard”.

Un rappresentante dell’UE in Myanmar prima delle elezioni ha dichiarato di aver adottato un approccio “equilibrato” sostenendo la transizione democratica “sostenendo la responsabilità”. Pur condannando la “discriminazione sistematica” contro i Rohingya, il rappresentante ha detto che l’UE avrebbe continuato a “sostenere il processo elettorale del Myanmar” ma senza rispondere alle domande sul fatto che queste questioni avessero minato la legittimità delle elezioni.

Forse molti paesi occidentali hanno trattenuto la lingua perché i militari rappresentavano ancora una minaccia maggiore alla transizione democratica del Myanmar. L’esercito e il suo partito allineato avevano già posto il veto a un emendamento per rimuovere dal parlamento i legislatori militari non eletti. Alcuni hanno sottolineato che la nascente democrazia del Myanmar richiedeva pazienza senza considerare che i regimi autoritari spesso invocano questa scusa. Nella vicina Cambogia, il primo ministro Hun Sen chiede ancora pazienza per la sua transizione democratica mentre si avvicina ai 36 anni al potere.

Sebbene la vittoria della NLD fosse una conclusione scontata, la democrazia riguarda tanto il processo quanto il risultato – e la NLD ha mostrato poco rispetto per quel processo. 

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai! Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, i blocchi delle pubblicità ad intermittenza e in ultimo l’immotivata chiusura del conto Pay Pal uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.

SOSTIENICI

Fonte: Foreignpolicy.com



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.