Home Analisi Geo-Politiche non convenzionali “Il crollo dell’egemonia occidentale è irreversibile”, – V. Putin

“Il crollo dell’egemonia occidentale è irreversibile”, – V. Putin

0

tramite RT

Il presidente russo Vladimir Putin ha pronunciato un discorso storico venerdì durante la cerimonia a Mosca per la firma dei trattati che aprono la strada all’inclusione di quattro ex regioni ucraine nella Federazione Russa.

Tra le altre cose, il presidente ha commentato il futuro delle quattro regioni all’interno della Russia, i potenziali colloqui con Kiev e la continua politica neocolonialista degli Stati Uniti e dei suoi alleati, che secondo lui è alla radice di molte crisi moderne.

Di seguito sono riportati alcuni dei punti chiave sottolineati da Putin nel suo discorso.

La Russia non tradirà mai coloro che si fidano di lei

Il popolo del Donbass e quelli che vivono nelle regioni di Kherson e Zaporozhye “senza dubbio” avevano il diritto all’autodeterminazione garantito dalla Carta delle Nazioni Unite, ha detto Putin, aggiungendo che “hanno detto la loro”. La Russia non tradirà mai la sua scelta, ha affermato il presidente, aggiungendo che “difenderemo la nostra terra con tutte le forze e le risorse che abbiamo”.

Putin ha anche promesso di ripristinare tutte le infrastrutture nelle quattro regioni danneggiate nel conflitto tra Mosca e Kiev. “Insieme ci assicureremo che i cittadini delle nuove regioni possano sentire il sostegno di tutto il popolo russo, dell’intera nazione, di tutte… le regioni della nostra vasta Patria”, ha affermato.

La Russia è aperta ai colloqui con Kiev

Putin ha invitato il governo ucraino a cessare “immediatamente” tutte le ostilità e tornare al tavolo dei negoziati. “Siamo pronti per questo”, ha detto.

Tuttavia, Mosca non discuterà “la scelta delle persone a Donetsk, Lugansk, Zaporozhye e Kherson”, ha affermato Putin, aggiungendo che questa scelta è già stata chiarita. Ha anche esortato Kiev a trattare questa scelta con rispetto, definendola “l’unica via per la pace”.

L’Occidente cerca di imporre tasse all’umanità

Il leader russo ha accusato i leader occidentali di tentare di “saccheggiare il mondo” attraverso il “dominio del dollaro e della tecnologia”. L’Occidente farà di tutto per mantenere il suo “sistema neocoloniale”, ha aggiunto, denunciandolo come un tentativo di raccogliere fondi. un “vero tributo dell’umanità”.

Le aspirazioni occidentali per una continua egemonia sono la ragione di una campagna globale di “de-sovranizzazione”, ha affermato Putin, aggiungendo che ciò coinvolge le nazioni occidentali che trasformano tutti gli altri paesi del mondo nei loro “vassalli” attraverso la coercizione o la corruzione.

“Questo spiega la loro aggressività verso stati indipendenti, valori tradizionali e culture autentiche”, ha affermato il presidente russo, aggiungendo che l’Occidente cerca di interrompere i processi internazionali e di integrazione che non è in grado di controllare.

L’ordine occidentale “basato su regole” è una bugia

L ‘”ordine basato sulle regole” presumibilmente difeso dalle nazioni occidentali è “un totale inganno”, ha detto Putin. I leader occidentali agiscono sulla base di “doppi standard, o addirittura tripli standard” e cambiano queste regole quando fa comodo ai loro interessi, ha aggiunto.

È stato l’Occidente a violare prima il principio dell’inviolabilità dei confini e poi a usurpare il diritto di decidere quali popoli meritano il diritto all’autodeterminazione e quali no, ha affermato il leader russo.

Ha anche accusato gli Stati Uniti di erodere la sicurezza globale ritirandosi unilateralmente dal Trattato sui missili balistici (ABM) nel 2002 e dal Trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio (INF) nel 2019. L’Occidente promette di non espandere ulteriormente la NATO a est si è rivelato anche uno “sporco inganno”, ha aggiunto.

Il neoliberismo è il nuovo totalitarismo

Le nazioni occidentali dividono il mondo nei loro “vassalli” e quelli che chiamano “paese canaglia” o “regime autoritario”, ha detto Putin, aggiungendo che la loro negazione della sovranità di altre nazioni si è trasformata in una nuova forma di “dispotismo e apartheid. “

L’Occidente è ancora convinto che la sua “cultura neoliberista sia un modello indiscutibile che il mondo intero deve seguire”, ha detto Putin, definendo tali opinioni nient’altro che “razzismo”. Il leader russo ha anche denunciato la “russofobia” come esempio di tale atteggiamento razzista.

“I paesi occidentali affermano da secoli che portano libertà e democrazia ad altre nazioni. Nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. Invece di portare la democrazia hanno soppresso e sfruttato, e invece di dare la libertà hanno reso schiavi e oppressi”, ha detto Putin.

Le trasformazioni globali stanno arrivando

Il mondo è entrato in una nuova era di “trasformazione rivoluzionaria”, crede Putin. Si stanno formando nuovi centri di potere e di sviluppo che rappresentano la maggioranza della comunità internazionale. Non solo sono pronti a parlare apertamente dei loro interessi, ma anche a difenderli, ha affermato.

“Il crollo dell’egemonia occidentale è irreversibile”, ha affermato il presidente russo. La Russia ora sta combattendo per una via da seguire “giusta e libera” che lascerà “il dettato e il dispotismo nel passato”, ha aggiunto.

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari peri contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleLa Russia convoca il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Next articleI paesi BRICS si muovono per innovare soluzioni scientifiche inclusive a prezzi accessibili
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.