Analisi Geo-Politiche non convenzionaliDeep StateEditorialiEight O’Clock in the Morning

IL DEEP STATE USA PROVOCA LA CINA PER ESTENDERE IL CONFLITTO.

Sono due le notizie che dovrebbero far riflettere profondamente sulla pericolosità dell’amministrazione Biden e dei suoi legami con il deep State USA, che non riuscendo a prevalere nel conflitto con la Russia di Putin cerca disperatamente di coinvolgere la Cina provocandola sui fronti più delicati.

Il Grande Reset tanto auspicato dal Word Economic Forum di Klaus Schwab e scelto come modello dalle eminenze grigie del NWO per creare un mondo Orwelliano basato sul controllo centralizzato degli esseri umani (previo massiccio spopolamento), non va come previsto. Probabilmente i signori del male e della guerra non si aspettavano di trovarsi di fronte un blocco a Oriente già preparato e pronto a contrastare i loro progetti.
È molto importante tenere a mente la storia di Vladimir Putin leggendo questo articolo di approfondimento:

LA RUSSIA DI PUTIN: Il fioretto perfetto per l’asse anglo-americano e il loro nuovo ordine mondiale
Perché l’Asse anglo-americano ha così paura di Putin e perchè è determinata a farlo cadere?

Chiaramente, Vladimir Putin rappresenta una vera minaccia per il  governo ombra mondiale in un modo che innervosisce profondamente coloro che risiedono al culmine della piramide del potere globale.

Articoli correlati

Cosa mi fa pensare che il Deep State, sapendo di essere prossimo al fallimento della campagna contro Putin, stia cercando di estendere il conflitto provocando la Cina?

Prima di dare la notizia condividerò con voi lettori una piacevole evidenza: Il Deep State è disperato! Chiunque abbia un minimo di conoscenze in geo-politica può chiaramente vedere le mosse tanto scellerate, pericolose e banali, quanto per l’appunto DISPERATE della pedina nera sullo scacchiere del Grande Reset. Sarebbe una buona notizia se non dovessimo preoccuparci dal tanto decantato colpo di coda del drago morente che prima di esalare l’ultimo respiro cerca di portare tutti via con sè con le ultime forze rimaste.

Il direttore della CIA William Burns ha delineato le principali minacce che devono affrontare gli Stati Uniti, indicando l’ascesa della Cina sulla scena mondiale e l’offensiva militare russa in corso in Ucraina come le sfide principali, dichiarando che l’intelligence statunitense è entrata in una “nuova era”. 

Il direttore della CIA William Burns

Parlando giovedì al Georgia Institute of Technology per il suo primo  discorso pubblico in  assoluto come capo della CIA, Burns ha affermato che “una Cina sempre più avversaria e una Russia combattiva e revisionista” hanno costretto l’agenzia di intelligence a “reimmaginarsi per competere con successo in questa nuova era .”

“La Cina di Xi Jinping è la nostra sfida più grande, per molti versi la prova più profonda che la CIA abbia mai affrontato”, ha continuato Burns. “Come servizio di intelligence, non abbiamo mai avuto a che fare con un avversario di questa portata”.

Definendo la Cina un “partner silenzioso” nell’ “aggressione” russa contro l’Ucraina, il capo dell’intelligence ha anche avvertito che l’operazione militare in corso rappresenta una “minaccia immediata”, suggerendo che la “disperazione” da parte del presidente Vladimir Putin potrebbe innescare uno scambio nucleare.

“Nessuno di noi può prendere alla leggera la minaccia rappresentata da un potenziale ricorso ad armi nucleari tattiche o armi nucleari a basso rendimento”, ha affermato.

Da quando è entrato in carica, il fantoccio del Deep State Joe Biden ha ripetutamente presentato la Cina come il principale avversario di Washington. Le navi da guerra americane sono state regolarmente schierate in acque contese nel Mar Cinese Meridionale e hanno effettuato transiti quasi mensili dello Stretto di Taiwan nonostante le obiezioni dei funzionari di Pechino. 

Ma c’è un’altra notizia che dovrebbe far drizzare le antenne.

Washington si impegna a fare “ogni passo” per prevenire un assalto a Taiwan da parte di Pechino e invia sei legislatori sull’isola senza preavviso

La Cina mette in guardia gli Stati Uniti dall’ “andare oltre il sentiero pericoloso”

Gli Stati Uniti faranno ” ogni passo ” per garantire che la Cina non invaderà mai Taiwan, ha affermato giovedì il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Jake Sullivan.

Intervenendo alla conferenza dell’Economic Club a Washington, Sullivan ha dichiarato che Pechino sta ” osservando attentamente ” gli eventi in Ucraina dopo il lancio dell’offensiva militare russa a febbraio, ” per imparare lezioni scritte in grande, anche per quanto riguarda Taiwan”.

Sottolineando che ” la situazione con l’Ucraina e la situazione con Taiwan non è la stessa “, Sullivan ha comunque sottolineato che, nelle ultime settimane, funzionari statunitensi hanno annunciato ad alleati e partner che “come questo genere di cose possono accadere in Europa, possono succedere anche nell’Indo-Pacifico”.

” Ed è dovere dei paesi responsabili nel mondo inviare un chiaro messaggio che qualsiasi tipo di aggressione è inaccettabile, ovunque avvenga “, ha affermato il consigliere per la sicurezza della Casa Bianca.

Alla domanda su dove si posizionerebbe il governo degli Stati Uniti se la Cina invadesse Taiwan, Sullivan ha risposto: ” La nostra politica ufficiale del governo è che faremo ogni passo possibile per garantire che non accada mai “.

Intanto, per accendere la miccia, un gruppo di sei legislatori statunitensi è arrivato a Taiwan giovedì in una visita di due giorni senza preavviso, nel mezzo delle crescenti tensioni tra Pechino e Washington. La visita è stata confermata dall’American Institute di Taiwan, che funge di fatto da ambasciata degli Stati Uniti a Taipei.

” La delegazione del Congresso incontrerà alti leader di Taiwan per discutere delle relazioni USA-Taiwan, della sicurezza regionale e di altre questioni significative di reciproco interesse”, ha affermato l’Istituto in una nota.

Secondo Reuters, il gruppo bipartisan – che comprende il presidente della commissione per le relazioni estere del Senato degli Stati Uniti Bob Menendez e l’anziano senatore repubblicano Lindsey Graham – è arrivato giovedì a Taipei su un aereo dell’Air Force ed è stato accolto dal ministro degli Affari esteri Joseph Wu.

Dal 1949 Taiwan è di fatto indipendente dalla Cina continentale, che, tuttavia, ha sempre considerato l’isola parte del suo territorio e la vede come una provincia separatista.

Il presidente cinese Xi Jinping ha sottolineato in precedenza che la Cina non si fermerebbe prima di usare la forza contro Taiwan se l’isola di 25 milioni di abitanti cercasse di tagliare i legami con Pechino. Tuttavia, una soluzione pacifica resta preferibile per le autorità cinesi. sempre che qualcuno, non decida di mettersi in mezzo per provocare reazioni, come sempre più spesso accade, aggiungo io.

Nonostante riconoscano Pechino come l’unica autorità legittima in Cina dal 1979, gli Stati Uniti mantengono forti legami non ufficiali con l’isola e la sostengono militarmente. Al momento, la delegazione di legislatori statunitensi è in visita a Taipei, con grande fastidio di Pechino.

[jetpack_subscription_form]

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!