Home Economia IL DOLLARO DIGITALE 2 – QUALI SONO LE CARATTERISTICHE DEL DOLLARO DIGITALE?

IL DOLLARO DIGITALE 2 – QUALI SONO LE CARATTERISTICHE DEL DOLLARO DIGITALE?

8
0

Di Gregor Uhlig

Molti degli sviluppatori di software coinvolti hanno un’esperienza intensiva con Bitcoin o criptovalute simili, così come con le stablecoin. E ora l’architettura del dollaro digitale, che naturalmente è esso stesso una stablecoin, ha anche caratteristiche decisive di Bitcoin, tra cui soprattutto la tecnologia con cui vengono effettuate le transazioni, come spiegano gli sviluppatori del software Amaury Séchet e Tobias Ruck.

Ma a differenza di Bitcoin, dove attualmente solo circa 7 transazioni al secondo sono possibili in media, gli sviluppatori del “Progetto Hamilton (tra cui lo sviluppatore di Bitcoin Cory Fields) si sono prefissati un minimo di 100.000 transazioni al secondo per il dollaro digitale, prendendo come punto di partenza le cifre attuali delle transazioni con i contanti e le carte di credito e la crescita dei pagamenti digitali.

Questo alto numero di transazioni è possibile perché il dollaro digitale non ha bisogno di una blockchain. Perché anche se Bitcoin introducesse improvvisamente blocchi più grandi o aggiungesse i blocchi alla blockchain più frequentemente che ogni dieci minuti in media, difficilmente più di 1.000 transazioni al secondo sarebbero possibili con i computer di oggi a causa della necessaria elaborazione dei dati, come spiega lo sviluppatore di software Cyprian.

Una blockchain permette un sistema decentralizzato che è anche sicuro contro gli attacchi, il che è cruciale per Bitcoin. Dopo tutto, gran parte del valore di Bitcoin è proprio il fatto che le transazioni non possono essere fermate da un’autorità centrale. Ma il dollaro digitale è controllato centralmente per progetto: dalla Federal Reserve. La libertà è indesiderabile qui e una blockchain (lenta) è quindi inutile.

Con Bitcoin, la blockchain permette anche la massima trasparenza. Perché tutte le transazioni dall’inizio di Bitcoin nel 2009 sono registrate nella blockchain. Per ogni indirizzo Bitcoin, puoi vedere esattamente quanti Bitcoin ha controllato e quando. Con il dollaro digitale è diverso: Solo la Fed stessa può vedere chi aveva o ha quante monete digitali e quando.

L’assenza di una blockchain non solo permette al dollaro digitale di avere un alto numero di transazioni e un’alta velocità, ma anche di risparmiare energia. Questo perché Bitcoin utilizza un processo chiamato “proof of work” per regolare quali blocchi sono scritti nella blockchain e quando, per cui i minatori consumano molta elettricità e per cui sono remunerati con Bitcoin.

Quali sono i pericoli per il mondo?

I “Bitcoiners” citati sopra, Amaury Séchet, Tobias Ruck e Cyprian, che hanno sviluppato software per criptovalute per molti anni, erano tutti e tre molto impressionati dall’alta qualità che si può osservare in ogni aspetto in “Project Hamilton”. Allo stesso tempo, le decisioni di design prese qui mostrano che quasi tutto è stato fatto bene fin dall’inizio nello sviluppo di Bitcoin.

Non solo il libro bianco e il funzionamento del dollaro digitale sono accessibili pubblicamente, ma anche il codice sorgente è open source e può quindi essere visualizzato da chiunque in futuro. Ciò che non è pubblicamente visibile, tuttavia, ma nascosto per progettazione, sono le regole secondo le quali le transazioni sono permesse. Resta poco chiaro, per esempio, chi può spendere quanti dei “propri” dollari digitali e per quali scopi.

Inoltre, con il dollaro digitale, la Federal Reserve ha il controllo completo sull’offerta di denaro – in tempo reale. Questo è l’opposto di Bitcoin, dove la quantità di Bitcoin esistenti dovrebbe aumentare a 21 milioni nel corso dei decenni secondo un algoritmo fisso e poi rimanere a 21 milioni. Inoltre, la quantità di Bitcoin esistente può essere controllata in qualsiasi momento con l’aiuto della blockchain.

Con il dollaro digitale, la Fed – e solo la Fed – può creare (coniare) o distruggere (riscattare) dollari digitali a volontà e senza alcuna trasparenza. Quest’ultimo è anche descritto nel libro bianco come “rendere i fondi non più disponibili per il pagamento”. Se questo fosse possibile con la cartamoneta, significherebbe che una banconota in un portafoglio selezionato svanirebbe improvvisamente nel nulla.

“Funzionerà”, dice Cyprian. “È incredibilmente potente. È potenzialmente incredibilmente distopico. Chiunque ne abbia le chiavi – in questo caso, in realtà le chiavi private come emittente, avrà un livello di controllo sulla società che lo usa che nessun essere umano nella storia dell’umanità ha mai avuto – molto più che [nel romanzo] 1984”.

Coloro che cadono dal favore dei potenti improvvisamente non possono nemmeno guadagnare denaro, dice Cyprian, perché se qualcuno trasferisce denaro a loro, il denaro può svanire nel nulla, per così dire. O vuoi spenderli e vengono bloccati e spariscono nel nulla”. […] Potete immaginare la quantità di controllo che questo dà a qualcuno”.

Tobias Ruck avverte anche che la Fed può rendere il dollaro digitale programmabile. “Potrebbero inserire una data di scadenza”, dice in un’intervista a Liberty Lockdown. Questo potrebbe essere fatto di nascosto, aggiunge. “Allora se vuoi spenderlo, ma la data di scadenza è passata, non puoi spenderlo”. In questo modo, le autorità potrebbero anche proibire a parti della popolazione di risparmiare.

E in effetti, il pericolo è acuto. Cyprian presume che il “Progetto Hamilton” sia molto più avanzato di quanto i documenti ora pubblicati dalla Fed lo facciano apparire. Il dollaro digitale è probabilmente pronto da tempo, non solo perché il design è così maturo, ma anche perché alcuni degli sviluppatori coinvolti hanno già lasciato la Fed o il MIT.

Fonte : https://deutsche-wirtschafts-nachrichten.de/517566/Der-digitale-Dollar-Seine-Entwickler-und-sein-Beitrag-zum-Great-Reset

Previous articleIL DOLLARO DIGITALE 1 – I SUOI SVILUPPATORI E IL SUO CONTRIBUTO AL GRANDE RESET
Next articleUKRAINE BIOLABS – 4. ARMI BATTERIOLOGICHE, NWO & ANTI-CRISTO. Intervista di Jeff Brown per China Rising a Fabio Carisio direttore di Gospa News