Home Analisi Geo-Politiche non convenzionali Il G20 vuole adottare i green pass per i viaggi internazionali

Il G20 vuole adottare i green pass per i viaggi internazionali

0

I leader del G20 si sono incontrati a Bali negli ultimi due giorni.

Il G20 è un forum intergovernativo composto da 19 paesi e dall’UE.

Sostiene di lavorare sull’economia globale, sulla stabilità finanziaria internazionale, sul cambiamento climatico e sullo sviluppo sostenibile.

La Casa Bianca ha appena pubblicato la dichiarazione firmata da ciascuno dei leader del G20 a conclusione dei due giorni di vertice. Rende la lettura molto interessante.

Leggi la dichiarazione completa qui:  https://www.whitehouse.gov/briefing-room/statements-releases/2022/11/16/g20-bali-leaders-declaration/

Prestare attenzione al paragrafo 23.

Dice:

Sosteniamo l’hub di trasferimento tecnologico del vaccino mRNA dell’OMS e tutti i portavoce in tutte le regioni del mondo con l’obiettivo di condividere tecnologia e know-how tecnico a condizioni volontarie e reciprocamente concordate. Accogliamo con favore la ricerca congiunta e la produzione congiunta di vaccini, inclusa una cooperazione rafforzata tra i paesi in via di sviluppo. Riconosciamo l’importanza di standard tecnici e metodi di verifica condivisi, nel quadro dell’RSI (2005), per facilitare viaggi internazionali senza soluzione di continuità, interoperabilità e riconoscimento di soluzioni digitali e soluzioni non digitali, inclusa la prova delle vaccinazioni. Sosteniamo il dialogo e la collaborazione internazionali continui sulla creazione di reti sanitarie digitali globali affidabili come parte degli sforzi per rafforzare la prevenzione e la risposta a future pandemie, che dovrebbero  capitalizzare e basarsi sul successo degli standard esistenti e dei certificati digitali COVID-19.

Agghiacciante, non è vero?

Il paragrafo 24 riguarda la sicurezza online e la disinformazione:

Riconosciamo che  la connettività digitale accessibile e di alta qualità è essenziale per l’inclusione digitale e la trasformazione digitale, mentre un ambiente online resiliente, sicuro e protetto è necessario per rafforzare la fiducia nell’economia digitale.  Riconosciamo l’importanza delle politiche per creare un’economia digitale abilitante, inclusiva, aperta, equa e non discriminatoria che promuova l’applicazione di nuove tecnologie, consenta alle imprese e agli imprenditori di prosperare e protegga e responsabilizzi i consumatori, affrontando al contempo le sfide relative a digital divide, privacy, protezione dei dati, diritti di proprietà intellettuale e sicurezza online. Riconosciamo l’importanza di contrastare le campagne di disinformazione, le minacce informatiche, gli abusi online e garantire la sicurezza nell’infrastruttura di connettività.

Passaporti vaccinali, inclusione digitale, economia digitale e censura sotto steroidi.

Per ora regna ancora la tirannia.

Amici e Lettori di Database Italia, Abbiamo Bisogno del Vostro Sostegno

Previous articleLa stampa è completamente fuori controllo e rischia di farci ammazzare tutti
Next articleIn che modo lo scambio di criptovalute FTX, la corruzione DNC e gli “aiuti all’Ucraina” sono collegati
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments