Home Economia Il gigante delle spedizioni avverte di “nuvole scure all’orizzonte”

Il gigante delle spedizioni avverte di “nuvole scure all’orizzonte”

42
0

Maersk prevede una contrazione della domanda globale di container

Il gruppo armatoriale danese Maersk ha avvertito questa settimana del rallentamento della domanda di trasporti e logistica e ha affermato di aver ridotto le sue previsioni per la domanda di container per quest’anno.

“È chiaro che le tariffe di trasporto hanno raggiunto il picco e hanno iniziato a normalizzarsi durante il trimestre, guidate sia dalla diminuzione della domanda che dall’allentamento della congestione della catena di approvvigionamento”, ha affermato il CEO di Maersk Soeren Skou in una nota.

La più grande compagnia di spedizioni del mondo, che è spesso vista come un barometro del commercio globale, prevede ora una contrazione della domanda di container tra il 2% e il 4% nel 2022, in calo rispetto alla precedente proiezione di +1% a -1%.

“Con la guerra in Ucraina, una crisi energetica in Europa, l’inflazione elevata e un’incombente recessione globale, ci sono molte nuvole scure all’orizzonte”, ha avvertito Skou. “Ciò pesa sul potere d’acquisto dei consumatori, che a sua volta ha un impatto sulla domanda globale di trasporto e logistica. Mentre prevediamo che un rallentamento dell’economia globale porterà a un mercato più morbido nell’Oceano, continueremo a perseguire le opportunità di crescita all’interno della nostra attività di logistica “, ha aggiunto.

Le tariffe di trasporto sono aumentate vertiginosamente in linea con la maggiore domanda dei consumatori durante la pandemia, provocando porti congestionati e ritardi. Sebbene da allora le tariffe siano diminuite, spedire un container costa ancora di più rispetto a prima della pandemia.

Maersk prevede che il suo tasso di contratto medio sarà ancora più alto quest’anno rispetto al 2021, anche se ora prevede che la cifra sarà inferiore di $ 200 per container rispetto alle previsioni di agosto.

Mercoledì, la società ha registrato utili prima di interessi, tasse, ammortamenti e ammortamenti (EBITDA) di $ 10,9 miliardi per il trimestre, al di sopra della proiezione del consenso degli analisti di $ 9,8 miliardi e in aumento di circa il 60% rispetto allo stesso periodo di un anno fa.

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari peri contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleOperazione Pandemic Amnesty: LA GRANDE TRUFFA
Next articleUcraina, Batman e identità complesse: le chiavi dell’ultimo discorso di Vladimir Putin
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments