Quantcast
Database Italia

Il leader bielorusso Lukashenko chiede alla Russia di fornire spiegazioni sui “mercenari” russi arrestati nel paese

Alexander Lukashenko ha chiesto spiegazioni a Mosca mercoledì dopo che la Bielorussia ha arrestato mercenari russi che avrebbero pianificato di destabilizzare il paese in vista delle elezioni presidenziali del mese prossimo.

L’annuncio a sorpresa è solo l’ultimo colpo di scena di una straordinaria campagna elettorale che ha visto il leader di 65 anni, che ha dominato la Bielorussia per quasi tre decenni, incarcerando i suoi aspiranti rivali in vista del voto.

“È necessario rivolgersi immediatamente alle strutture russe appropriate in modo che spieghino cosa sta succedendo”, ha detto Lukashenko al capo del servizio di sicurezza del KGB in una riunione di emergenza. 

All’inizio della giornata il servizio di sicurezza bielorusso ha arrestato un gruppo di 33 combattenti russi che presumibilmente stavano complottando per destabilizzare il paese.

Il capo del KGB Valery Vakulchik ha detto a Lukashenko che gli uomini detenuti erano membri del gruppo Wagner, una società militare privata oscura che secondo quanto riferito è controllata da un alleato del presidente russo Vladimir Putin e promuove gli interessi di Mosca in Ucraina, Siria e Libia. 

Gli arresti sono avvenuti meno di due settimane dalle elezioni presidenziali in Bielorussia previste per il 9 agosto. Lukashenko è alla ricerca di un sesto mandato.

Davanti ai sondaggi, le proteste dell’opposizione sono scoppiate in tutto il paese dell’ex Unione Sovietica di 9,5 milioni di persone, con una donna alle prime armi 37 anni, Svetlana Tikhanovskaya, che sta rapidamente emergendo come principale rivale di Lukashenko.

Lukashenko ha accusato alcuni dei suoi critici di essere controllati da “burattinai” a Mosca.

L’agenzia di stampa statale Belta ha dichiarato che le autorità hanno ricevuto informazioni sull’arrivo di 200 combattenti in Bielorussia “per destabilizzare la situazione durante la campagna elettorale”.

Pile di banconote da un dollaro

Belta ha affermato che gli uomini detenuti sfoggiano “abiti in stile militare” e trasportano valigie pesanti.

L’agenzia di stampa statale ha anche affermato neanche tanto ironicamente, che i presunti militanti si sono fatti notare perchè, a differenza dei normali turisti russi, non hanno bevuto.

“Non consumavano alcolici né visitavano luoghi di intrattenimento”, ha detto Belta.

La televisione nazionale ha mostrato diversi passaporti russi che presumibilmente appartengono agli uomini detenuti, nonché pile di banconote da un dollaro, pacchetti di preservativi e pezzi di carta con caratteri arabi.

Sembrava che gli uomini avessero anche libbre sudanesi.

Alcuni commentatori hanno suggerito che i combattenti russi detenuti avrebbero potuto usare la Bielorussia come punto di transito ed erano in rotta verso l’Africa.

A differenza della Russia, la Bielorussia ha mantenuto i suoi confini aperti durante la pandemia di coronavirus e opera voli come al solito.

L’autore russo Zakhar Prilepin, che ha combattuto a fianco dei separatisti sostenuti da Mosca nell’Ucraina orientale, ha dichiarato di conoscere alcuni degli uomini detenuti.

“Ci sono molti combattenti del nostro battaglione”, ha detto Prilepin.

Prilepin ha affermato su Facebook che i combattenti erano probabilmente in viaggio verso “un’altra destinazione”, che la Bielorussia “sicuramente conosce molto bene”, suggerendo che le detenzioni erano un affare accuratamente programmato.

Non è la prima volta che Il servizio di sicurezza del paese ex-sovietico denuncia presunti piani stranieri per destabilizzare il paese prima delle elezioni.

Consigliere arrestato 

L’ambasciata russa a Minsk ha dichiarato di essere stata informata della detenzione di 32 cittadini russi.

La Russia è il più stretto alleato politico ed economico di Minsk, ma le relazioni sono tese.

Negli ultimi anni, Lukashenko è stato sottoposto a pressioni sempre più vicine alla Russia, ma il leader bielorusso ha respinto l’idea di una totale unificazione con Mosca.

In un’azione separata, la Bielorussia ha anche arrestato Vitali Shkliarov, uno stratega di alto profilo con sede a Washington che ha consigliato candidati presidenziali negli Stati Uniti, in Russia e in Ucraina.

Fonte: The Moscow Times

Leggi anche:



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.