IntelPolitica

Il leader turco Erdoğan denuncia l’alleato NATO Biden per aver definito Putin un “KILLER”, “le sue osservazioni veramente inaccettabili”.


Oggi più che mai abbiamo bisogno del vostro sostegno

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA


Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha criticato il suo omologo americano Joe Biden per aver definito il leader russo Vladimir Putin un “killer”, dicendo che tali dichiarazioni su un capo di stato “non sono adatte a un presidente”.

La dichiarazione di Erdogan arriva nonostante lo status della Turchia come membro della NATO, con Ankara che sembra schierarsi dalla parte di Mosca su Washington.

“Le dichiarazioni di Biden su Putin non sono adatte a un presidente, e un presidente che si fa avanti e usa tali osservazioni contro il presidente di un paese come la Russia è davvero inaccettabile, non è qualcosa che può essere calpestato” , ha detto Erdogan, secondo Reuters.

“A mio parere, il signor Putin ha fatto ciò che è necessario dando una risposta molto, molto intelligente ed elegante”.

Mercoledì, Biden ha detto a ABC News che Mosca “pagherà il prezzo” per la presunta interferenza nelle elezioni statunitensi del 2020 a favore del suo avversario, Donald Trump.

Inoltre, alla domanda del conduttore George Stephanopoulos se il leader russo sia “un assassino”, il presidente degli Stati Uniti ha concordato.

In risposta, il giorno dopo, Putin ha augurato a Biden “buona salute” e ha citato una frase legata alla sua infanzia.

“Quando ero bambino, quando discutevamo tra di noi nel parco giochi, dicevamo: ‘Qualunque cosa tu dica [degli altri] è ciò che sei te stesso'”, ha detto.

“Penso che sarebbe interessante per il popolo della Russia e il popolo degli Stati Uniti e di molti altri paesi”, ha detto.

Nonostante lo status di Ankara come membro della NATO, Putin ed Erdogan hanno uno stretto rapporto di lavoro. Negli ultimi mesi, hanno collaborato per creare un centro di monitoraggio congiunto nel Nagorno-Karabakh dopo la guerra azero-armena del 2020. A febbraio, la Turchia ha acquistato missili S-400 russi, diventando il primo stato della NATO a farlo. La scorsa settimana, a seguito di una videoconferenza tra i due presidenti, Putin ed Erdogan hanno annunciato che avrebbero collaborato alla costruzione di una centrale elettrica nella provincia turca di Mersin.

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!