Database Italia

IL MASSACRO DI GIBILTERRA

Gibilterra ha attualmente il peggior tasso di mortalità al mondo per Covid-19 pro capite ( 2791 per milione al momento della pubblicazione). Il disastro è iniziato il 12 dicembre, quando si è assistito a un’ondata senza precedenti di casi (vedi grafico sotto). Fino a quel momento, come in altri paesi europei, i casi Covid erano stati in costante calo per un po ‘. A Gibilterra, il numero di casi era in calo da quasi un mese dal 13 novembre.

Quello che la gente non sa è che solo pochi giorni prima che Gibilterra si trasformasse in una zona di sterminio di Covid, 273 operatori sanitari spagnoli coinvolti con le popolazioni anziane e vulnerabili di Gibilterra sarebbero stati inoculati con il vaccino Pfizer.

La radio della Baia di Gibilterra ha riferito il 7 dicembre 2020 che “Più di 9.200 cittadini spagnoli attraversano il confine di Gibilterra per lavorare. I piani di vaccinazione sono ancora in fase di elaborazione, ma circa 273 lavoratori che lavorano nelle agenzie di cura che si occupano degli anziani potrebbero diventare i primi cittadini spagnoli a ricevere il vaccino Pfizer “.

Lo spagnolo El Pais cita Antonio Sánchez, un cittadino spagnolo e assistente di due bambini con autismo in un centro di assistenza giovanile che sapeva che sarebbe stato il primo a ricevere il vaccino. “Sono uno dei primi. La società di subappaltatori per cui lavoro ci ha detto che è molto probabile che inizieranno a vaccinarci la prossima settimana [la settimana che inizia il 7 dicembre]. “

L’8 dicembre elperiodico.com ha annunciato che “i lavoratori spagnoli del settore sanitario e assistenziale a Gibilterra saranno i primi nel Paese a essere vaccinati da martedì (8 dicembre) contro il coronavirus, nell’ambito del programma di vaccinazione del governo di Gibilterra”.

Fino ad ora abbiamo considerato Israele come il banco di prova definitivo per l’esperimento Pfizer. Come ho riferito dall’inizio di gennaio, il risultato dell’esperimento Israele / Pfizer è stato piuttosto devastante. Le morti di Covid in Israele sono raddoppiate in soli 2 mesi di vaccinazioni. I casi di Covid neonatale sono cresciuti del 1600%, i ricoveri sono raddoppiati e così via.

In Gran Bretagna abbiamo assistito a un’ondata simile di morti per Covid subito dopo il lancio della campagna di vaccinazione. In quasi tutti i paesi che in quel periodo utilizzavano il vaccino Pfizer tra gli altri vaccini, il mutante britannico è stato accusato dell’aumento dei casi e delle conseguenti morti. Considerando che il traffico aereo si era quasi fermato alla fine di dicembre, era già difficile capire come la variante britannica fosse riuscita a diffondersi così ampiamente. Ad esempio, come ha fatto Aliya a Israele a diventare il ceppo Covid dominante ? Come è arrivato a Gibilterra, dove è diventato anche il ceppo dominante alla fine di dicembre ? Una possibile e purtroppo ovvia risposta è che, a differenza delle persone, i vaccini hanno viaggiato nell’aria e in tutto il mondo.

Capisco che i governi britannico e israeliano siano riluttanti a indagare sull’ovvia correlazione tra vaccinazioni, casi, morti e possibilmente la diffusione del mutante britannico. Un’indagine su queste domande potrebbe rivelare che alcuni fatti relativi alla variante inglese erano noti in anticipo. Ad esempio, abbiamo appreso che è stata identificata nel Regno Unito già a settembre . Ci si potrebbe chiedere, gli scienziati britannici non erano allarmati dalla possibilità che la nuova variante potesse essere correlata alle sperimentazioni sui vaccini in corso nel regno dalla fine dell’estate?

Esaminando i dati Covid più conservativi a nostra disposizione tramite l’OMS e altre istituzioni internazionali, è facile studiare la stretta correlazione tra vaccinazioni, casi, decessi e diffusione di mutanti specifici (britannici, brasiliani, sudafricani ecc.):

Nei grafici sottostanti si può facilmente notare che i casi e i decessi iniziano a crescere in modo esponenziale in prossimità scioccante del lancio delle campagne di distribuzione di massa di vaccini.

Tuttavia, molto più interessante è cercare di capire la stretta relazione tra la vaccinazione e la cosiddetta “sconfitta del virus”. Dovremmo chiederci di conseguenza, quante persone verrebbero vaccinate in una data società prima di iniziare a vedere un calo dei casi Covid? Ho esaminato questa domanda utilizzando le statistiche più conservatrici e ampiamente diffuse:

Guardando Israele rivela che il 30,6% della popolazione è stato rapidamente vaccinato a dicembre prima di vedere un calo dei casi. Questa intensa azione ha chiaramente portato Israele a raddoppiare il numero di morti e il suo sistema sanitario quasi al collasso.

Il caso degli Emirati Arabi Uniti è quasi identico. La rapida campagna di vaccinazione è stata seguita da un immediato aumento dei casi e dei decessi, quindi è stato necessario il 31% della popolazione vaccinata per vedere il primo calo del numero.

Nel Regno Unito, che era inefficiente nella sua campagna di vaccinazione di massa precoce, la situazione è molto migliore. In Gran Bretagna è bastato solo il 15% della popolazione parzialmente vaccinata (1 dose invece di 2) per vedere un netto calo dei casi. Nonostante ciò, il numero di morti di Covid durante la vaccinazione di massa è aumentato di circa il 50%. Stiamo parlando di decine di migliaia di persone che sono morte.

Sono rimasto quindi scioccato nello scoprire già all’inizio di marzo che in Portogallo è bastato solo il 3% della popolazione per essere vaccinato con la vaccinazione di massa per sconfiggere Covid e vedere i numeri calare!

Questo può essere spiegato. Se il mutante presumibilmente indotto dal vaccino è due volte più contagioso del suo antenato e viene distribuito inizialmente attraverso il sistema medico per mezzo di vaccini piuttosto che di contatto sociale, allora trasformare il 3% della popolazione in super-diffusori può essere sufficiente per infettare un intero società con un mutante resistente.

Nei casi che ho esaminato sopra, molte persone sono morte e solo un’indagine di natura criminale potrebbe indicare quale livello di coscienza, negligenza o goffaggine erano coinvolti nelle considerazioni e nelle decisioni alla base della vaccinazione di massa in quei paesi interessati. Cosa sapevano in anticipo i nostri responsabili delle decisioni sul vaccino e sui possibili mutanti che potrebbe indurre? Cosa hanno realizzato durante la campagna? Quali sono state le considerazioni e chi ha preso esattamente le decisioni?

Tuttavia, la situazione non è del tutto desolante in quanto è anche ragionevole presumere che i non vaccinati sopravvissuti al mutante britannico probabilmente si siano acquistati la migliore resilienza naturale possibile al Covid-19 e ai suoi futuri mutanti, qualcosa che non possiamo dire, sfortunatamente, sui vaccinati: l’amministratore delegato della Pfizer ha ammesso ieri che i vaccinati “probabilmente” saranno nuovamente inoculati entro i prossimi 6-12 mesi. Il loro sistema immunitario ora dipende dalla fornitura costante di sostanze mRNA da parte di Pharma.

Ma la storia della carneficina a Gibilterra può fornirci una conferma finale delle riflessioni di cui sopra.

33.000 britannici vivono a Gibilterra. La vaccinazione ufficiale della colonia non è iniziata fino al 10 gennaio , ma le vaccinazioni Pfizer segnalate di appena 273 operatori sanitari chiave (meno dell’1% della popolazione) dal 7 dicembre, se vere, sono state sufficienti per avviare un’enorme ondata. di casi Covid seguiti da un picco senza precedenti di decessi. Come in Israele, Regno Unito, Emirati Arabi Uniti e molti altri paesi, la vaccinazione Covid è stata seguita da un forte aumento dei casi di Covid. Sorprendentemente, il numero di casi di Covid a Gibilterra ha iniziato a diminuire il 7 gennaio, tre giorni prima che Gibilterra iniziasse a vaccinare l’intera popolazione britannica.

Si può mettere in dubbio la mia lettura della situazione di Gibilterra e chiedersi: “se i vaccini inducono varianti, come dici tu, perché il numero di casi non è aumentato una volta lanciata una vasta vaccinazione?” Una possibile risposta è che entro il 7 gennaio, 3 giorni prima del lancio della campagna di vaccinazione di massa, Gibilterra godeva già di una forte immunità di gregge. Un numero sufficiente di membri del territorio britannico sono stati esposti alla variante, quelli che sono sopravvissuti sono stati immuni. Se ho ragione qui, allora meno dell’1% della popolazione vaccinata è stata sufficiente per infettare l’intera colonia con la variante britannica e per acquistare l’immunità totale del gregge.

Spesso mi chiedo perché io, debba fornire analisi convalidate dalle statistiche e dai dati tradizionali conservatori. Non è forse il ruolo degli accademici, degli esperti sanitari, dei media, dei virologi, degli epidemiologi, del partito di opposizione e della “sinistra”?

Gibilterra, come Israele, è stata un banco di prova unico e il risultato è devastante ma conclusivo. Ma la notizia più tormentosa è che noi, il popolo, siamo traditi in pieno giorno da una lega unita che si è allontanata molto dall’ethos ateniese della scienza, del pluralismo e dell’etica. Per me, questa è sicuramente la lezione più spaventosa da questa cosiddetta pandemia.

fonte

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.