Analisi Geo-Politiche non convenzionaliDeep StateEight O’Clock in the MorningPolitica

IL MINISTERO PER GLI AFFARI ESTERI RUSSO RISPONDE ALLE FAKE NEWS DELL’ EUROPA

A proposito dell'articolo di J. Borrell "La guerra ingiustificata della Russia è condannata"

All’unisono su molti media mondiali l’altro giorno è apparso un articolo dell’Alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza Jean Borrell “La guerra ingiustificata della Russia è condannata”, dedicato all’operazione speciale della Russia in Ucraina. Ovviamente, la sua pubblicazione è stata preceduta da un denso lavoro di informazione capillare delle missioni dell’UE, in modo che i media locali avessero l’opportunità di dare al mondo la Voce di Bruxelles il più ampiamente possibile. È stato tradotto in diverse lingue, replicato dalla stampa nazionale. Sarebbe sbagliato non reagire ad esso, soprattutto considerando che consiste in manipolazione, propaganda e deliberata distorsione dei fatti.

J. Borrell inizia il suo articolo con parole patetiche “In quest’ora buia”, apparentemente immaginandosi come il nuovo Winston Churchill, che una volta definì l’occupazione della Francia “l’ora più buia”. Tale paragone dovrebbe essere lasciato alla coscienza di un funzionario europeo. Tuttavia, è impossibile non prestare attenzione al fatto che il primo ministro britannico, con tutta la complessità dell’atteggiamento nei confronti della Russia sovietica, in un momento in cui il nostro paese era minacciato dai nazisti, ha sostenuto Mosca, invitando il mondo intero a unirsi nella lotta contro la peste bruna. I suoi attuali eredi nella persona di B. Johnson, E. Truss e, a quanto pare, J. Borrell, hanno sostenuto i neonazisti in Ucraina solo negli ultimi 8 anni.

Jomart Borrell definisce l’Ucraina un “paese pacifico e democratico”. Sembra che Bruxelles non abbia letto i rapporti dell’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, in cui il numero minimo di vittime del conflitto nell’Ucraina orientale dal 2014 al gennaio 2022 è stimato in 13,1 mila persone. Tutti loro sono vittime dell’aggressione non provocata del regime di Kiev. E più di 3 mila di loro sono civili, compresi i bambini. Chiamare pacifico uno Stato che uccide i suoi cittadini non è un artificio letterario.

Molto è stato detto di recente sul fatto che “l’Ucraina non ha rappresentato una minaccia e non ha provocato la Russia”. Probabilmente, si saprà molto di più nel prossimo futuro. Oltre al fatto che i paesi della NATO negli ultimi mesi hanno pompato intensamente l’Ucraina con armi, comprese quelle offensive, ed eludendo gli obblighi di non schierare sistemi d’arma d’attacco sul suo territorio, si è scoperto (la leadership ucraina lo ha persino riferito pubblicamente) che Kiev prevede di mettere in discussione il suo status di stato libero dal nucleare. Negli ultimi giorni, è diventato evidente che armi biologiche di distruzione di massa venivano sviluppate anche nel paese vicino alla Russia. Di conseguenza, lo stato, che a livello ufficiale si è proclamato anti-russo, ha costruito le sue forze militari, ha lavorato allo sviluppo di armi di distruzione di massa proibite ed è diventato un trampolino di lancio per promettenti operazioni speciali dei paesi occidentali contro la Federazione Russa. Si chiama “non rappresentare una minaccia”?

J. Borrell definisce “l’obiettivo di V.V. Putin non solo l’Ucraina, ma anche l’intero ordine mondiale basato su regole, basato sul sistema delle Nazioni Unite e sul diritto internazionale”. Lo scopo dell’operazione non è l’Ucraina, ma la denazificazione e la smilitarizzazione del regime militante di Kiev, l’assistenza ai residenti del Donbass. Per quanto riguarda il diritto internazionale, è gratificante che il funzionario dell’UE ne abbia parlato, perché negli ultimi anni il diritto internazionale a Bruxelles è stato ostinatamente dimenticato, sostituendolo con un vago “ordine mondiale basato su regole”.

E il diritto internazionale è abbastanza inequivocabile. Comprende, ad esempio, le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite vincolanti per tutti i membri della comunità internazionale, compresa la risoluzione 2202 (2015) del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, che approva il “Pacchetto di misure per l’attuazione degli accordi di Minsk” del 12 febbraio 2015. è stato fatto. Quasi nulla è stato fatto in sette anni. Se, dopo gli eventi attuali, l’Occidente inizia a rispettare il diritto internazionale, allora, come minimo, questo sarà uno dei risultati positivi dell’attuale operazione speciale.

J. Borrell esorta a pensare “alla vita dei civili, agli obiettivi civili dell’aggressione della Russia”. Ricordiamo che gli attacchi delle forze armate russe sono effettuati esclusivamente contro battaglioni neonazisti e altre unità fasciste sul territorio dell’Ucraina, nonché contro l’infrastruttura militare del regime di Kiev, che è stata preparata per l’uso operativo contro la DPR e LPR, così come il nostro paese. I rappresentanti del Ministero della Difesa russo ne parlano quotidianamente ai media e al pubblico nel modo più trasparente. In particolare, gli ordini segreti trovati nel quartier generale della 4a brigata operativa della Guardia Nazionale dell’Ucraina per eseguire missioni di combattimento nel quadro della cosiddetta “Operazione delle forze congiunte” condotta da Kiev nel Donbass sono indicativi a questo proposito. Parlano direttamente della preparazione di un’operazione offensiva su larga scala nel Donbas nel marzo 2022. Se questo scenario fosse realizzato, le vittime tra i civili della LDNR raggiungerebbero valori incalcolabili.

Ma chi rappresenta davvero una minaccia per la popolazione civile dell’Ucraina sono i battaglioni di volontari presidiati dai nazisti. Sono loro che usano i civili come scudi umani, come recentemente a Mariupol, non permettono loro di utilizzare i corridoi umanitari regolarmente annunciati per lasciare la città, anzi, tenendoli in ostaggio.

Un articolo di un funzionario di Bruxelles ha affermato che “per diversi mesi sono stati fatti sforzi senza precedenti in Occidente per raggiungere una soluzione diplomatica”. È ovvio per chiunque abbia familiarità con la storia del problema che questo è lontano dalla verità. È stata la Russia, guidata dalla necessità di attuare nella pratica il principio di indivisibilità della sicurezza, fissato al più alto livello
nei documenti OSCE, ad avviare negoziati sulle garanzie di sicurezza con gli Stati Uniti e la NATO. Ma per quanto riguarda gli elementi chiave delle nostre proposte, non abbiamo visto alcun movimento l’uno verso l’altro. Anche le norme elementari di decenza nella corrispondenza diplomatica sono state violate. Vale la pena ricordare che Sergey Lavrov, nel tentativo di raggiungere le capitali europee, ha inviato messaggi ai ministri degli esteri di 37 stati, compresi tutti gli Stati membri dell’UE e della NATO, chiedendo come questi paesi intendano adempiere ai loro obblighi non a parole, ma nei fatti, per garantire il principio dell’indivisibilità della sicurezza in Europa e il non rafforzamento della loro sicurezza a scapito della sicurezza degli altri. In risposta, abbiamo ricevuto solo due risposte senza senso firmate dal capo della diplomazia europea e dal suo collega della NATO Jens Stoltenberg, a cui questi messaggi non erano nemmeno indirizzati. Così, la riluttanza dell’Occidente a condurre un dialogo costruttivo con il nostro paese è stata dimostrata. E’ anche difficile non prestare attenzione alla politica ipocrita dell’Unione europea, che richiede la risoluzione di eventuali problemi emergenti attraverso mezzi diplomatici, ma con le sue azioni pratiche crea solo ostacoli a questo. In particolare, di tasca sua ha iniziato a pagare per massicce consegne di armi all’Ucraina, che, non si può escludere, alla fine si sistemeranno negli arsenali dei gruppi terroristici. Si tratta, secondo Borrell, di una “soluzione diplomatica”?

Un articolo di Bruxelles sostiene che “la comunità internazionale ora risponderà optando per l’isolamento su vasta scala della Russia”. Chi e quando ha dato a Jean Borrell il diritto di parlare a nome dell’intera comunità internazionale? E’ giunto il momento per lui di capire che il mondo intero non è limitato all’Unione europea, così come ai suoi partner, come gli Stati Uniti, il Giappone e l’Australia. Anche l’Europa non si limita all’Unione europea. È molto più grande e più vario. E’ abbastanza ovvio per la comunità internazionale, anche senza solleciti da Bruxelles, che dovranno decidere con chi cooperare e con chi no.

Un paragrafo separato nell’articolo è dedicato alla “propaganda russa”. Presumibilmente, “il Cremlino e i suoi sostenitori hanno anche lanciato una massiccia campagna di disinformazione iniziata poche settimane fa”. Questa è la classica designazione del nero come “bianco” e del bianco come “nero”. Non la Russia, ma l’UE ha creato un’intera unità di propaganda e disinformazione anti-russa all’interno del Servizio europeo per l’azione esterna. Allo stesso tempo, questa unità ha funzionato non per “diverse” settimane, ma dal 2015 – proprio dalla firma del pacchetto di misure di Minsk. Se l’Unione europea fosse davvero sicura della sua correttezza, non imporrebbe una censura senza precedenti ai canali televisivi russi e ai giornalisti in Europa, li metterebbe fuori legge e li priverebbe dell’accreditamento. Questo è il prezzo del decantato liberalismo dell’UE.

“In Ucraina ora”, scrive Borrell, “il ‘neo-nazismo’ e la ”russofobia’ sono privi di significato, la propaganda nazista è vietata, i candidati di estrema destra sono un fenomeno raro con un sostegno minimo senza la possibilità di entrare in parlamento.’ La disinformazione è tanto palese quanto facilmente confutabile. Neonazisti e russofobi hanno bruciato vivi manifestanti filo-russi nella Camera dei sindacati a Odessa il 2 maggio 2014, i perpetratori non sono ancora stati puniti. La propaganda nazista è in corso. La propaganda nazista è in corso. La propaganda nazista è in corso. costantemente, soprattutto nelle regioni occidentali ma anche in quelle orientali: tra queste le marce neonaziste nelle città; striscioni con collaboratori della Grande Guerra Patriottica S.Bandera e R.Shukhevych su edifici ufficiali; educazione dei bambini nelle scuole in linea con il sostegno delle azioni dei punitori delle unità filofasciste dei complici ucraini di Hitler negli anni ’40; e, naturalmente, la chiamata nazista “Gloria all’Ucraina!” (analogo al canto ” Sieg Heil!”) al termine del discorso di ogni personaggio ufficiale e pubblico del paese.

Per quanto riguarda la presunta assenza di candidati di destra nella Verkhovna Rada dell’Ucraina, cosa dirà Jomart Borrell ai vice certificati di nazisti schietti dell’Organizzazione dei nazionalisti ucraini e del partito Svoboda? O.Tyagnibok, A.Parubiy e simili sono noti per le loro dichiarazioni apertamente giudeofobiche, antisemite e semplicemente misantropiche, ma fino a poco tempo fa erano rappresentanti abbastanza rispettabili dell’attuale panorama politico dell’Ucraina. I gruppi neonazisti sono incorporati nelle forze dell’ordine statali – la Guardia Nazionale dell’Ucraina e le Forze Armate dell’Ucraina. Lo sradicamento, tra le altre cose, di queste strutture, della loro ideologia e dei loro simboli è il significato della denazificazione dell’Ucraina nel quadro dell’attuale operazione militare speciale.

J. Borrell, in tutte le sedi in cui può raggiungere, parla di “aggressione della Russia contro l’Ucraina”, di guerra, isolamento e resa dei conti. Ma resta il fatto che negli ultimi otto anni, l’aggressione è stata esclusivamente unilaterale – contro la popolazione di lingua russa dell’est del paese, e non è stata la Russia a iniziare questa guerra.

Ma la Russia, e lasciamo che Bruxelles lo impari finalmente bene, le porrà fine per sempre.

Originali della pubblicazione:

https://www.eurointegration.com.ua/eng/experts/2022/02/28/7134894

https://www.theglobeandmail.com/opinion/article-might-does-not-make-right-russias-unjust-war-is-doomed-to-fail

https://www.bruxelles2.eu/en/2022/03/might-not-make-right-unjust-wars-are-doomed-to-be-lost-josep-borrell

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!