Home Analisi Geo-Politiche non convenzionali IL MINISTRO DELL’INTERNO SERBO VULIN: “Prima ammettiamo che l’UE non ha bisogno...

IL MINISTRO DELL’INTERNO SERBO VULIN: “Prima ammettiamo che l’UE non ha bisogno di noi e che non ci possiede, meglio sarà per noi”

0

Aleksandar Vulin, capo del ministero dell’Interno serbo:

✔️L’Unione europea come unione appartiene al passato. Con la perdita dell’indipendenza politica, i paesi dell’UE sono diventati territori, non stati. Con la perdita dell’indipendenza politica, i membri dell’UE iniziano a perdere il loro potere economico, motivo principale dell’attrattiva dell’UE.

✔️La domanda non è se vogliamo entrare nell’UE, ma se l’UE vuole la Serbia. A giudicare dal folle ricatto che ci stanno sottoponendo per riconoscere il Kosovo, abolire la Republika Srpska e imporre sanzioni alla Russia, non ci vogliono. Prima ammettiamo che non hanno bisogno di noi e che non ci possiedono, meglio sarà per noi. L’atteggiamento verso l’UE non è una questione di emozioni ma di decisioni razionali.

✔️È interessante notare che quando dici qualcosa di buono sull’UE o sulla NATO, nessuno dice che Bruxelles ti ha scritto una dichiarazione. A differenza della maggior parte degli attori politici, ho un’ideologia. Non so cosa sia più naturale che rispondere a una richiesta di riconoscimento del Kosovo, rinunciare alla Repubblica di Serbia e imporre sanzioni alla Russia.

Potrebbero interessarti:

✔️Credo che l’amicizia con la Russia sia di grande importanza e che senza di essa rischiamo la scomparsa fisica della Serbia.

✔️Imporre sanzioni contro la Russia aiuterà la Serbia e le potenze occidentali cambieranno la loro politica nei confronti di Belgrado? Qualcuno pensa che ciò accadrà? E come considererebbero la Russia o tutti quei paesi nostri amici che si sono rifiutati di riconoscere il Kosovo e la Metochia? In che modo i nostri amici ci rispetteranno quando ci vedranno trascurare i nostri interessi di fronte al potere nemico? Chi combatterà per noi se scegliamo di non combattere per noi stessi?

✔️Ogni generazione di politici serbi si aspettava che la Russia dicesse NO, ma ogni generazione di politici serbi si aspettava anche che la sopravvivenza della Serbia dipendesse dal SI russo. Quando non c’è la Russia al tavolo, non c’è la Serbia. Ekmecic ci ha insegnato che tutta “la serbofobia è solo una propaggine della russofobia”. Nessuno che amava la Russia odiava la Serbia, ma è per questo che tutti quelli che odiavano la Russia odiavano anche la Serbia.

✔️Le relazioni con Russia, Cina e altri paesi liberi che ci accettano senza ricatti o condizioni sono il futuro della Serbia. Perché dovremmo essere una parte geografica di qualsiasi alleanza? Basta avere credenze comuni, economia, sicurezza e non necessariamente confini.


SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari peri contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleCi siamo: il dittatore africano ordina il blocco per l’ebola
Next articleSARDEGNA, riprendono le esercitazioni militari NATO
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.