Deep StateEight O’Clock in the MorningIntelPolitica

IL MONDO HA BISOGNO DI UNA PAX ROMANA RUSSO/CINESE?

Il fatto che Washington non abbia firmato e pubblicamente accettato la proposta russa di sicurezza reciproca non significa nulla. La questione è stata risolta. Putin ha vinto.
Lo sappiamo per un gran numero di motivi. Eccone alcuni:

– Il superfalco guerrafondaio Victoria Nuland, sottosegretario di Stato americano, ha segnalato la resa di Washington quando ha invitato la Cina a usare la sua influenza sulla Russia per salvare l’Ucraina da un’invasione russa. Così, Nuland ha dichiarato l’impotenza dell’America al mondo intero.

– Un isterico Biden ha detto al presidente ucraino, Zelensky, che la Russia stava per attaccare e Kiev sarebbe stata liquidata. Ciò è stato smentito da Zelensky, che ha detto: “Sono il presidente dell’Ucraina e risiedo qui e penso di conoscere meglio i dettagli”. https://nypost.com/2022/01/28/zelensky-rebukes-western-panic-over-russia-invasion-fear-after-biden-call/

L’affermazione di Biden secondo cui Kiev (la capitale dell’Ucraina) sta per essere attaccata è la prova che Washington e la NATO non credono che l’Ucraina, con il loro sostegno abbia alcuna possibilità di scoraggiare o respingere un attacco russo. In effetti, l’impotenza militare dell’Ucraina è di per sé una prova che non è necessario alcun attacco russo. Il Cremlino ha chiarito che non vuole l’Ucraina, ma che non permetterà che l’Ucraina diventi un membro della NATO e sia permeata di basi militari statunitensi.

La Russia potrebbe prendere l’Ucraina quando vuole, e nessuno sulla terra nè nessuna combinazione di “forze occidentali” – sanzioni a parte – può fare nulla al riguardo. Lo sappiamo per molte ragioni. 

Si considerino, ad esempio, le forze militari USA/NATO che Biden ha minacciato di schierare contro la Russia: 8.500 soldati statunitensi, 5.000 francesi, alcune centinaia di soldati britannici nei Paesi baltici e in Polonia, 1.000 soldati statunitensi in Romania, 1.000 soldati in Bulgaria. Questo numero esiguo di soldati, anche se schierati come un’unica forza, non può fermare un’avanzata russa neanche per 5 minuti. 

Ovviamente, Washington e la NATO non hanno la capacità di scoraggiare alcun attacco russo in nessuna parte dell’Europa, dell’est e dell’ovest. Ciò è stato reso ancora più evidente dall’annuncio del Pentagono che nessuna truppa statunitense sarebbe stata inviata in Ucraina; da due membri della NATO che hanno annunciato che non avrebbero inviato truppe se la NATO fosse stata coinvolta in Ucraina; dalla Germania, membro della NATO, che nega i privilegi di sorvolo al Regno Unito cioè ad un altro membro della NATO per effettuare consegne di armi all’Ucraina; nè il diniego della Bulgaria di ricevere i 1.000 soldati americani offerti.

Articoli correlati

Tutti i governi del mondo sanno che l’Ucraina non entrerà nella NATO. Sarebbe un atto suicida per l’Ucraina e per la NATO. Se le stronzate di Washington coinvolgeranno gli Stati Uniti, dovrebbe essere con le armi nucleari e sarebbe la fine stessa degli Stati Uniti.

Nessuno in Europa, è pronto a morire per proteggere i confini ucraini. Zelensky lo sa e, nonostante Washington, adotterà una posizione meno aggressiva nei confronti della Russia, rischia di essere rovesciato, con uno dei folli burattini neonazisti di Washington che verrà installato al suo posto. Ma anche questo burattino troverà la sua russofobia preclusa dalla sua impotenza militare.

La propaganda dell’“invasione russa” è tenuta in vita dai neoconservatori di Washington che dominano il governo di Biden e che sono considerati agenti israeliani che antepongono gli interessi di Israele a quelli americani. I neoconservatori sono determinati a ripagare Putin per aver bloccato il rovesciamento di Assad in Siria da parte di Washington e il bombardamento dell’Iran, guerre spinte dai neocon per rafforzare la posizione di Israele in Medio Oriente. I neoconservatori e i loro media continuano ad aumentare i timori di invasione quando è chiaro che non c’è bisogno di nessuna invasione.

Lo stesso Cremlino sta aiutando a mantenere vivo il clamore della “guerra di invasione-russa in qualsiasi momento” sottolineando che Washington e la NATO hanno rifiutato la proposta di sicurezza reciproca e che l’adesione alla NATO per l’Ucraina potrebbe significare una guerra europea.

La risposta del Cremlino al “fallimento” dei colloqui sulla sicurezza suggerisce una fiducia ingiustificata nei documenti firmati, un errore ricorrente dei diplomatici. Ciò che il successo dei colloqui sulla sicurezza ha chiarito a tutti è che la Russia ricorrerà alla guerra se l’Ucraina o la Georgia o qualsiasi ex provincia russa o sovietica diventeranno un membro della NATO e se si verificherà un ulteriore spostamento della NATO verso est. Anche le basi missilistiche statunitensi in Polonia e Romania devono essere rimosse. I russi hanno chiarito che questa non è una richiesta. È una condizione. Ogni governo della NATO sa che oltrepassare questa linea significa guerra, e ogni governo della NATO sa che nella guerra convenzionale nessuna possibile combinazione di forze convenzionali occidentali può resistere a un attacco russo.

Ogni paese della NATO sa che l’Occidente sarebbe umiliato e che il pericolo sarebbe che gli Stati Uniti umiliati ricorressero alle armi nucleari nel tentativo di salvare la faccia, e che sarebbe la fine del mondo occidentale. I paesi i cui confini sono indifesi non si suicidano per il bene dei confini dell’Ucraina.

Tutto ciò che il Cremlino deve fare è mantenere la sua ferma posizione incondizionata e, se Washington inizia un accumulo significativo di forze militari che minacciano il confine russo, ordinare uno stop pena la distruzione delle forze all’arrivo.

La Russia dovrebbe parlare con franchezza ai paesi confinanti e chiarire che la Russia coopererà con loro economicamente ma non ha né intenzione né desiderio di renderli parte della Federazione Russa e non permetterà loro di essere basi militari per gli Stati Uniti e la NATO sul loro confine. Anche gli idioti russofobi capiranno le conseguenze della sfida.

Washington ha chiarito che la pace non è al servizio della sua agenda. Pertanto, non può esserci pace in questo mondo in questo momento a meno che Russia e Cina non chiariscano che intendono imporre la pace con un pugno forte. Sono l’esitazione e l’indecisione di Russia e Cina che porteranno alla guerra. L’esitazione e l’indecisione si tradurranno in altre provocazioni a Washington fino a quando la tensione non esploderà.

[jetpack_subscription_form]

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!