Quantcast
Database Italia

Il Montenegro sconfigge il Deep State Socialista della NATO – La dittatura di Djukanovic finisce con le elezioni

Podgorica – Secondo i risultati preliminari, la vittoria alle elezioni parlamentari in Montenegro è stata conquistata dalle forze combinate dell’opposizione, che supera il Partito Democratico dei Socialisti al governo del presidente del Paese Milo Djukanovic e i suoi partner tradizionali e finanzieri di New York e Bruxelles .

La Commissione elettorale statale del Montenegro (SEC), sulla base del 98,55% dei voti elaborati, ha pubblicato i risultati preliminari della votazione. Si stima che la nuova maggioranza parlamentare in Montenegro sarà composta da tre coalizioni di opposizione: “Per il futuro del Montenegro”, “Il mondo è la nostra nazionalità” e “Bianco e nero”, secondo il Centro per il monitoraggio e la ricerca.

La coalizione per il futuro del Montenegro, che ha ottenuto il 32,54% dei voti, riceverà 27 seggi nel nuovo parlamento.

La coalizione “Peace is Our Nationality” ha il 12,55% dei voti e 10 mandati.

Altri 4 seggi deputati sono andati alla coalizione bianconera, sostenuta dal 5,57% degli elettori.

Pertanto, l’opposizione riceve 41 mandati su 81. Il Partito Democratico dei Socialisti del presidente Milo Djukanovic e la sua coalizione “Risolutamente per il Montenegro” hanno ricevuto il 35,12% dei voti, riferisce RTS.

Djukanovic ancora deve cedere, scenario esplosivo

Nonostante l’opposizione abbia annunciato la sua vittoria, l’attuale presidente del Paese ha annunciato la necessità di attendere il conteggio finale dei voti, che potrebbe far pendere la bilancia a suo favore. L’opposizione e l’attuale governo sono divisi da 1 vice mandato. Tuttavia, Zdravko Krivokapich, a capo della coalizione “Per il futuro del Montenegro”, ieri, commentando la sconfitta del partito di Milo Djukanovic, ha detto che “la libertà è arrivata in Montenegro”.

“Chi aspetta aspetterà. Dopo 31 anni di potere assoluto [Milo Djukanovic], questo doveva accadere. Chiunque vada contro Dio e San Basilio di Ostrog deve finire in questo modo “, ha detto Krivokapich.

L’elezione è stata alimentata da tre decenni di insoddisfazione per il governo di Milo Djukanovic, il cosiddetto plutocrate “socialista”, alleato di lunga data del sindacato criminale Clinton-Bush.

Gli attivisti avvertono che qualsiasi gioco di Djukanovic per mantenere il potere si tradurrà in una radicale mobilitazione in stile occupy nella capitale.

Storia

L’ultima goccia che ha mobilitato migliaia di persone al voto, nonostante i tentativi di frode elettorale di Djukanovic, sono stati i crimini contro la Chiesa ortodossa serba, la chiesa canonica in Montenegro. Djukanovic ha sostenuto, insieme al Vaticano e ai suoi capi della NATO, la crescita di una “Chiesa ortodossa montenegrina” autocefala, senza sostegno religioso o teologico. A sua volta, questo in forma astratta rappresenta la distruzione culturale ed economica di questa terra serba per mano della NATO, che ha imposto un referendum illegale che ha strappato il Montenegro dal resto della Serbia il 21 maggio 2006.

C’è stato un tentativo continuo e sistematico da parte dell’oligarchia filo-NATO guidata da Djukanovic di distruggere i legami storici ed esistenti tra la terra serba del Montenegro e la Serbia. La manovra della NATO ha effettivamente privato la Serbia dell’accesso al mare Adriatico, all’indomani della distruzione della Jugoslavia avviata dalla NATO negli anni ’90.

Leggi anche: Crisi del Montenegro – La miccia per l’avvio di un conflitto globale



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.