Home Analisi Geo-Politiche non convenzionali IL NUOVO ORDINE MONDIALE EMERGENTE (NON IL NWO GLOBALISTA): Arabia Saudita, Egitto...

IL NUOVO ORDINE MONDIALE EMERGENTE (NON IL NWO GLOBALISTA): Arabia Saudita, Egitto e Turchia potrebbero unirsi ai BRICS “molto presto”. Ad affermarlo il presidente del forum Anand

21
0
BRICS

Purnima Anand, presidente del Forum Internazionale dei BRICS, ha affermato che al 14° vertice BRICS è stata discussa la possibilità che Arabia Saudita, Egitto e Turchia si uniscano presto ai BRICS.

Secondo il presidente del BRICS International Forum Purnima Anand, Turchia, Egitto e Arabia Saudita potrebbero entrare “molto presto” nel club delle maggiori economie emergenti, che comprende anche Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa.

Secondo Anand, questo argomento è stato discusso da Cina, Russia e India al 14° Summit BRICS, che si è svolto virtualmente dal 23 al 24 giugno.

“Tutti questi paesi hanno mostrato interesse ad aderire e si stanno preparando a presentare domanda di adesione. Penso che questo sia un buon passo, perché l’espansione è sempre percepita positivamente; questo aumenterà chiaramente l’influenza dei BRICS nel mondo… Spero che l’adesione dei paesi ai BRICS avvenga molto rapidamente, perché ora tutti i rappresentanti del nucleo dell’associazione sono interessati all’allargamento. Quindi avverrà molto presto”, ha dichiarato Purnima Anand.

Secondo i rapporti, il presidente del BRICS International Forum è sicuro che Arabia Saudita, Egitto e Turchia si uniranno presto all’organizzazione perché hanno già “iniziato il processo”. Secondo quanto riferito, ha detto che non si sarebbero registrati tutti in una volta però.

I commenti di Anand sono coerenti con quelli fatti in precedenza sulla potenziale crescita dei BRICS da Li Kexin, capo del Dipartimento per gli Affari Economici Internazionali presso il Ministero degli Affari Esteri cinese.

Li Kexin ha dichiarato durante una conferenza stampa dopo il 14° vertice BRICS a Pechino che “ci sono diversi paesi attualmente ‘alla porta’, ad esempio Indonesia, Turchia, Arabia Saudita, Egitto e Argentina”.

Le nazioni BRICS concordano sul fatto che il blocco ha bisogno di nuovi membri pur mantenendo la sua identità distintiva, ha continuato.

“Credo che ci sia una comprensione condivisa che dobbiamo allargare, ottenere ‘nuovi volti'”, ha detto Li.

Ha sottolineato, tuttavia, che la crescita dei BRICS è “non creare un nuovo blocco”.

Siyabonga Cyprian Cwele, l’ambasciatore sudafricano in Cina, che ha parlato accanto a Li, ha sottolineato che i BRICS riguardano la partnership piuttosto che i “grandi muscoli”.

Leggi anche:

Il Global Times ha citato Sabino Vaca Narvaja, ambasciatore dell’Argentina in Cina, dicendo che “il meccanismo di cooperazione BRICS è di grande importanza per la costruzione di un mondo nuovo, più multipolare ed equilibrato”.

“Siamo interessati ad entrare a far parte dei BRICS perché è un meccanismo cooperativo composto interamente da economie emergenti. Non ci sono vincoli e tutta la cooperazione è reciprocamente vantaggiosa”, ha affermato Vaca.

Al loro 14° incontro a Pechino, in Cina, il gruppo di paesi BRICS ha deciso di lavorare insieme per migliorare e cambiare la governance globale preservando la pace e la sicurezza internazionali.

Esilio su Main Street: il suono del mondo unipolare che svanisce

Il Sudafrica assumerà la presidenza a rotazione dei BRICS nel 2019 dalla Cina, che attualmente ricopre la carica.

Iran, Algeria, Argentina, Egitto, Indonesia, Kazakistan, Senegal, Uzbekistan, Cambogia, Etiopia, Figi, Malesia e Thailandia sono stati tra gli altri 13 paesi in via di sviluppo i cui leader sono stati invitati da Pechino alla conferenza.

Il presidente cinese Xi Jinping ha esortato il mondo a “rifiutare l’egemonia, il bullismo e la divisione” nelle sue osservazioni di apertura al vertice.

L’Iran ha reso nota la sua ambizione di unirsi ai BRICS prima dell’incontro, citando la sua “posizione geografica unica e le sue capacità nei settori dell’energia, del transito e del commercio”, nonché il suo potenziale per fungere da “via d’oro per collegare” Oriente e Occidente.

“Se l’Iran e altri paesi potenti si uniscono al gruppo, può essere ancora più forte e sfidare le politiche occidentali”, ha aggiunto l’agenzia di stampa statale della Repubblica islamica (IRNA) iraniana.

Fonte

Previous articleEd è subito sera
Next articleElon Musk rivela: “su Twitter il 90% degli utenti sono Bot” è una psy-op di livello militare per fare il lavaggio del cervello alle masse
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.