Home Analisi Geo-Politiche non convenzionali Il nuovo ordine mondiale ridefinito. Una prospettiva russa

Il nuovo ordine mondiale ridefinito. Una prospettiva russa

159
0

Come definiamo la vittoria in questo conflitto? Le malelingue direbbero: “quale vittoria? hai perso”. No. In effetti, non abbiamo nemmeno iniziato. Saprai quando inizieremo. La portata dell’operazione è enorme. Alcuni sostengono che la denazificazione di un paese e di una popolazione così grandi non sia possibile. Sono già tutti indottrinati. La smilitarizzazione è un’altra questione. Stiamo bene lì. Quei cimiteri militari pieni fino all’orlo sono indicatori di successo ma anche promemoria della crudeltà della guerra.

Ma che dire della prima domanda? Le opinioni variano, dipende a chi stai chiedendo. La Russia prenderà l’intera costa e si fermerà vicino a Kiev. Altri dicono che Kiev, in quanto più grande centro economico e abitato, deve essere presa, o con un duplice attacco (dalla Bielorussia e Zaporozie lungo il Dnepr (che è la strada da percorrere per il secondo). Forse la via di mezzo è liberare territori temporaneamente occupati e poi preparare una nuova campagna per finirli. Tutte ipotesi. Nessuno può dirlo con certezza, ma solo un’Ucraina sconfitta garantisce la sicurezza della Russia. Per non parlare del caos geopolitico che ne deriverebbe.

Immagina che i confini della NATO siano relativamente protetti da enormi porzioni di quella che è nota come Ucraina. Se UA cade, la Russia sarà ai confini di Romania, Ungheria e Polonia, il cosiddetto ventre molle della NATO (Romania e, in misura minore, Ungheria). La lealtà della Romania e degli altri alla NATO non può essere garantita in quella situazione. Le “Tigri” baltiche non sono menzionate apposta.

Andiamo un po’ più in là. Cosa accadrà con l’Europa? L’Unione Europea, per essere più precisi… Il primo grande test partirà tra circa un mese, esattamente nello stesso momento in cui ci aspettavamo il completamento del dispiegamento dell’esercito russo in Ucraina. L’Europa continuerà ad aiutare? Sarebbe in grado? Così tante domande. Ma nell’ordine globale delle cose, questo è un periodo breve, anche se a noi sembra un’eternità.

Amici e Lettori di Database Italia, Abbiamo Bisogno del Vostro Sostegno

Quindi torniamo all’inizio. Cos’è la vittoria? Nient’altro che prendere l’intera Ucraina. E le persone? Non si può fare niente con loro. Saranno come le “Tigri” baltiche. Leali finché non arriva qualcun altro. Sono sempre stati così, anche accogliendo a braccia aperte il Terzo Reich. Ogni paese in Europa ha persone così. La Russia dovrà imparare a conviverci.

Ma per quanto riguarda il quadro più ampio? L’esistenza della NATO è in discussione. L’esistenza dell’UE è in discussione. È in gioco il predominio di una sola superpotenza. Quando vedi più in profondità questo conflitto, ti rendi conto di quali sono le domande aperte. La Cina per ora non può prendere la leadership mondiale. Ma con il crollo del dominio delle superpotenze, il quadro cambia drasticamente. Anche un superpotere non può affrontare da solo ogni contendente al trono.

Allora, cos’è la vittoria? Il Nuovo Ordine Mondiale. Il nostro NWO. Questa è una vittoria. La Russia ha cambiato la storia del mondo due volte nel 20° secolo. Non è così inimmaginabile che possa farlo di nuovo nel 21° secolo. Ma ci vorrà del tempo. La seconda guerra mondiale è durata 7 anni. La vittoria qui può essere ottenuta in un periodo più breve.

Previous articleIl ritiro della Russia da Kherson è tattico
Next articleDecine di miliardi di dollari trasferiti in Ucraina poi riciclati in criptovaluta FTX ai Democratici negli Stati Uniti
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments