Database Italia

Il pedofilo Jeffrey Epstein usò la sua amicizia con l’ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton, per intimidire una ragazza di 15 anni dopo una “efferata e prolungata violenza sessuale”

Documenti inquietanti del tribunale affermano che il pedofilo Jeffrey Epstein ha usato la sua amicizia con l’ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton, per intimidire una ragazza di 15 anni dopo una “violenta e prolungata violenza sessuale”.

I documenti affermano che la vittima, identificata solo come Jane Doe 15, ha incontrato Epstein all’inizio del 2004 dopo essere stata adescata dalla sua segretaria personale. 

L’adolescente, che è cresciuta in una famiglia povera nel Midwest, dice nel fascicolo che il finanziere, ha fatto più volte il nome di Clinton mentre la sottoponeva a pressioni psicologiche sul suo jet privato “Lolita Express”  affinché fosse soggiogata e restasse in silenzio dopo essere stata brutalmente violentata.

“Epstein ha chiarito a Jane Doe 15 quanto fosse potente. Ha tenuto a precisare che era vicino a Bill Clinton ”, si legge nella causa contro i beni di Epstein.

Sull’aereo privato Epstein disse all’adolescente che gli piaceva che le donne dormissero ai suoi piedi, il che “le fece pensare immediatamente agli schiavi”, ha detto nella deposizione. Il pedofilo ha portato la bambina nel suo ranch nel New Mexico, dove, sostiene l’accusatore, Epstein ha preso la sua “innocenza”.

I documenti del tribunale forniscono dettagli strazianti della violenza sessuale che Jane Doe 15 avrebbe subito nel complesso nel New Mexico. Durante le loro interazioni, Epstein ha ricordato ripetutamente all’adolescente i suoi stretti rapporti con alcune delle persone più potenti del mondo. La documentazione presenta anche una fotografia della presunta vittima quando aveva 15 anni.

Jane Doe 15 (riquadro) sostiene che il nome di Bill Clinton sia stato usato da Jeffrey Epstein per intimidirla. 
© Reuters, documenti del tribunale degli Stati Uniti

“Quando ho scelto un posto sul jet, Jeffrey mi ha detto che il suo buon amico, Bill Clinton, ha sempre scelto di sedersi lì” , aveva detto in precedenza Doe, che ora ha circa 30 anni, in una conferenza stampa.

Jane Doe, 31 anni, 15 che parla a una conferenza stampa a novembre 2019. © REUTERS / Lucy Nicholson

La causa sostiene che menzionare il nome di Clinton faceva parte del modo in cui “Epstein ha trasmesso a Jane Doe 15 quanto fosse potente e quanto potesse essere utile nell’aiutare Jane Doe 15 con i suoi obiettivi futuri, come pagare per il college”.

“Usando questo potere travolgente che aveva su Jane Doe 15, Epstein la sottopose ad una violenta e prolungata violenza sessuale”, si legge.

Con l’avvicinarsi delle elezioni presidenziali statunitensi del 2020, l’interesse per il collegamento di Clinton con Epstein ha raggiunto il culmine. Questa settimana è aumentata ancora di più dopo che le foto dell’ex presidente mentre riceveva un massaggio da una delle vittime di Epstein sono state portate alla luce poche ore prima che il 74enne si rivolgesse alla Convenzione Nazionale Democratica.

Clinton ha ammesso di aver viaggiato con Epstein in più occasioni, ma ha negato qualsiasi consapevolezza dei crimini del pedofilo condannato.

Epstein è stato trovato morto in una prigione di New York lo scorso agosto mentre era in attesa di processo con l’accusa di traffico sessuale. La sua morte è stata ufficialmente dichiarata un suicidio, anche se intense speculazioni hanno ridicolizzato tale circostanza. Jane Doe 15 ha chiarito i suoi sentimenti durante la sua conferenza stampa dell’anno scorso, quando si presentò indossando un braccialetto con la scritta: “Epstein non si è ucciso”.

Il braccialetto di Jane Doe 15 alla conferenza stampa di novembre 2019. 
© REUTERS / Lucy Nicholson

FONTE: RT



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.