Analisi Geo-Politiche non convenzionaliDeep StateEight O’Clock in the MorningIntel

Il Pentagono lancia bombe di verità per evitare la guerra con la Russia – Pentagono contro Deep State USA

Storie trapelate dal Pentagono hanno rivelato come i media mainstream riportano la condotta della Russia nella guerra in Ucraina, nel tentativo di contrastare la propaganda intesa a portare la NATO nel conflitto, scrive Joe Lauria.

Il Pentagono è impegnato in una battaglia con il Dipartimento di Stato americano e il Congresso per impedire un confronto militare diretto con la Russia, che potrebbe scatenare l’orrore più inimmaginabile della guerra.

Il presidente Joe Biden è preso nel mezzo della mischia. Finora si è schierato con il Dipartimento della Difesa, dicendo che non può esserci alcun tipo di no-fly zone della NATO sull’Ucraina che combatte contro gli aerei russi perché “si chiama Terza Guerra Mondiale, ok? Mettiamola subito in chiaro, ragazzi. Non combatteremo la terza guerra mondiale in Ucraina”.

“ Biden è stato chiaro sul fatto che le truppe statunitensi non combatteranno la Russia in Ucraina, e se stabilite una no-fly zone, certamente al fine di far rispettare tale no-fly zone, dovrete ingaggiare combattimenti aerei con i russi. E ancora, questo ci metterebbe in guerra con la Russia”, ha affermato il segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin all’inizio di questo mese. (Il piano dell’amministrazione è di far cadere il governo russo attraverso un’insurrezione di terra e una guerra economica, non militare diretta.)

Ma la pressione sulla Casa Bianca da parte di alcuni membri del Congresso e soprattutto della stampa è incessante per portare incautamente la NATO direttamente in guerra. Il segretario di Stato Antony Blinken, che inizialmente aveva affermato che la NATO aveva dato il “via libera” all’invio di aerei dalla Polonia all’Ucraina, ha dovuto fare marcia indietro e ora si oppone a qualsiasi no-fly zone che coinvolga la NATO. Il presidente della Camera Nancy Pelosi e il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer hanno anche sostenuto il piano dell’aviazione polacca, che è stato abbattuto dal Pentagono perché “potrebbe provocare una significativa reazione russa che potrebbe aumentare le prospettive di un’escalation militare con la NATO”, secondo il portavoce del Pentagono John Kirby. 

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, acclamato come un supereroe virtuale dai media occidentali, ha oscillato tra l’apertura a negoziare un accordo di pace con la Russia e la richiesta alla NATO, sempre venerdì, di “chiudere i cieli” sopra l’Ucraina. Per salvare il suo Paese sembra disposto a rischiare di mettere in pericolo il mondo intero. 

Nel frattempo, i media corporativi occidentali, che dipendono quasi esclusivamente da fonti ucraine, riferiscono che la Russia sta perdendo la guerra, con la sua offensiva militare “fermata” e frustrata ha deliberatamente preso di mira civili e raso al suolo città.

Biden ha accettato questa parte della storia, definendo il presidente russo Vladimir Putin un “criminale di guerra” e un “macellaio”. Ha anche affermato che la Russia sta pianificando un attacco chimico “falsa bandiera” per attaccare l’Ucraina.

BIDEN: “NATO INTERVERRÀ NEL CONFLITTO IN CASO DI UTILIZZO DI ARMI CHIMICHE” | LA FALSE FLAG DIETRO L’ANGOLO 

Ma martedì, il Pentagono ha fatto il passo coraggioso di far trapelare due storie ai giornalisti che contraddicono quelle storie. “La condotta della Russia nella brutale guerra racconta una storia diversa rispetto all’opinione ampiamente accettata secondo cui Vladimir Putin è intenzionato a demolire l’Ucraina e infliggere il massimo danno ai civili, e rivela l’atto di bilanciamento strategico del leader russo”, ha riferito Newsweek in un articolo intitolato “I bombardieri di Putin potrebbero devastare l’Ucraina, ma si sta trattenendo. Ecco perché.”

Il pezzo cita un analista senza nome della Defense Intelligence Agency (DIA) del Pentagono che afferma: “Il cuore di Kiev è stato appena toccato. E quasi tutti gli attacchi a lungo raggio sono stati mirati a obiettivi militari”.

Un ufficiale dell’aeronautica statunitense in pensione che ora lavora come analista per un appaltatore del Pentagono, ha aggiunto: “Dobbiamo capire la reale condotta della Russia. Se semplicemente ci convinciamo che la Russia sta bombardando indiscriminatamente, o che non sta infliggendo più danni perché il suo personale non è all’altezza del compito o perché è tecnicamente inetto, allora non stiamo assistendo al vero conflitto”.

L’articolo dice:

“Lo scorso fine settimana, in 24 giorni di conflitto, la Russia ha effettuato circa 1.400 sortite di attacco e lanciato quasi 1.000 missili (al contrario, gli Stati Uniti hanno effettuato più sortite e consegnato più armi nel primo giorno della guerra in Iraq del 2003). …

Una parte di questi attacchi ha danneggiato e distrutto strutture civili e ucciso e ferito civili innocenti, ma il livello di morte e distruzione è basso rispetto alla capacità della Russia.

“So che è difficile… ingoiare che la carneficina e la distruzione potrebbero essere molto peggiori di quello che sono”, dice l’analista della DIA. «Ma questo è ciò che dimostrano i fatti. Questo mi suggerisce, almeno, che Putin non sta attaccando intenzionalmente i civili, che forse è consapevole di aver bisogno di limitare i danni per lasciare spazio ai negoziati.’”

Un secondo ufficiale in pensione della US Air Force dice:

“Sono frustrato dalla narrativa attuale: che la Russia stia intenzionalmente prendendo di mira i civili, che stia demolendo le città e che a Putin non importi. Una visione così distorta impedisce di trovare una fine prima che si verifichi un vero disastro o che la guerra si diffonda nel resto d’Europa. So che le notizie continuano a ripetere che Putin prende di mira i civili, ma non ci sono prove che la Russia lo stia facendo intenzionalmente. In effetti, direi che il russo potrebbe uccidere migliaia di civili in più, se lo volesse”.

Queste fonti del Pentagono confermano ciò che Putin e il Ministero della Difesa russo hanno sempre affermato: che invece di essere “fermata”, la Russia sta eseguendo un metodico piano di guerra per circondare le città, aprire corridoi umanitari per i civili, lasciare infrastrutture civili come acqua, elettricità , telefonia e Internet intatti e cercando di evitare il maggior numero possibile di vittime civili.

Fino a queste fughe di notizie dal Pentagono era difficile confermare che la Russia stesse dicendo completamente la verità e che i media corporativi stessero pubblicando favole inventate dalla macchina pubblicitaria ucraina. 

Nessuna prova di sostanze chimiche

Il coraggio del Pentagono sarà messo alla prova se ci sarà un attacco con armi chimiche in Ucraina. Biden ha detto che la Russia pagherebbe un “prezzo severo”, ma in caso dovesse accadere l’autore resterebbe oscuro . Chiunque possa essere dietro un simile attacco, fomenterebbe le richieste di un’azione militare diretta nei media statunitensi, nel Congresso e forse all’interno del Dipartimento di Stato.

Il secondo articolo mainstream mina direttamente il drammatico avvertimento di Biden. Reuters ha riferito: “Gli Stati Uniti non hanno ancora visto alcuna indicazione concreta di un imminente attacco russo con armi chimiche o biologiche in Ucraina, ma stanno monitorando da vicino i flussi di intelligence per questo, ha affermato un alto funzionario della difesa statunitense”.

Reuters Ha citato il funzionario del Pentagono dicendo: “Non c’è alcuna indicazione che ci sia qualcosa di imminente al riguardo in questo momento”. Né il New York Times né il Washington Post hanno pubblicato l’articolo della Reuters, apparso nel più oscuro US News and World Report. 

Non lasciare mai che i fatti ostacolino una buona storia, anche se potrebbe portare alle conseguenze più devastanti della storia.

Joe Lauria è ex corrispondente delle Nazioni Unite per il Wall Street Journal, il Boston Globe e numerosi altri giornali, tra cui The Montreal Gazette e The Star of Johannesburg. Era un giornalista investigativo per il Sunday Times di Londra, un giornalista finanziario per Bloomberg News e ha iniziato il suo lavoro professionale come 19enne stringer per il New York Times.

[jetpack_subscription_form]

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!