Database Italia

“IL PORNO VA BENE PER I BAMBINI” – UNICEF CANCELLA RAPPORTO SHOCK PUBBLICATO SUL SUO SITO


L’UNICEF ha rimosso un controverso rapporto dal suo sito web e quando è riapparso pochi giorni dopo, risultava accuratamente modificato. Nel rapporto si affermava che i bambini non sono influenzati dalla visione di materiale sessualmente esplicito.

Il recente rapporto del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF) “Strumenti per l’assicurazione dell’età digitale e diritti dei bambini online” ha concluso che la pornografia potrebbe non essere sempre dannosa per i bambini. Il rapporto suggerisce che i bambini potrebbero essere in grado di accedere a materiale sessualmente esplicito in base alla loro età e maturità e che i bambini hanno il diritto umano di accedere alla pornografia online e attraverso l’educazione sessuale.

Poco dopo che il Friday Fax lo ha riportato la scorsa settimana, l’UNICEF ha rimosso il rapporto dal suo sito web, solo per ripubblicare un rapporto strategicamente modificato che cancella le dichiarazioni chiave citate nel Friday Fax, ma mantiene le stesse posizioni del rapporto originale.

Il portavoce dell’UNICEF Najwa Mekki ha dichiarato al Friday Fax: “La posizione dell’UNICEF è inequivocabile: nessun bambino dovrebbe essere esposto a contenuti dannosi online”. Ma Mekki non dice se l’UNICEF ritiene che la pornografia sia dannosa per i bambini.

L’UNICEF ha inoltre rifiutato di commentare le circostanze che hanno portato alla rimozione del rapporto dal suo sito web.

Christine Gleichert, vice amministratore per gli affari pubblici di USAID, ha dichiarato: “L’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale (USAID) prende molto sul serio le questioni della sicurezza di Internet e della salvaguardia dei bambini dai contenuti dannosi su Internet, inclusa la pornografia”. USAID è il più grande singolo contributore finanziario dell’UNICEF.

La risposta dell’UNICEF a USAID è stata “che è la posizione inequivocabile dell’organizzazione che nessun bambino dovrebbe essere esposto a contenuti dannosi online”, ancora una volta non chiarendo se la pornografia potrebbe essere dannosa per i bambini.

Il rapporto dell’UNICEF suggerisce che i bambini non vengono danneggiati dalla visione di materiale sessualmente esplicito. La conclusione si basa su un recente studio dell’UE che ha esaminato le abitudini online dei bambini e ha scoperto che alcuni bambini si sentivano felici dopo aver visto immagini sessualmente esplicite.

Il rapporto dell’UNICEF afferma addirittura che non tutti i contenuti sessualmente espliciti si qualificano come “pornografia”. Il rapporto propone una scala graduata per aiutare a classificare quale materiale pornografico sarebbe adatto a essere visualizzato da bambini di “diverse fasce d’età”.

Il rapporto dell’UNICEF propone che “le differenze nel livello di maturità e nelle capacità in evoluzione dei singoli bambini. . . entrerebbero in gioco ”quando si crea un“ sistema di classificazione in base all’età ”per regolamentare l’accesso dei minori a contenuti sessualmente espliciti.

Lo scopo della scala graduata, secondo il rapporto, è apparentemente quello di prevenire la violazione del diritto di accesso di un bambino a materiale benefico sessualmente esplicito come le informazioni sulla salute sessuale e riproduttiva, comprese le risorse per l’educazione LGBTQ.

Il rapporto dell’UNICEF ammette che alcune ricerche dimostrano che l’accesso alla pornografia in giovane età è collegato a determinati “risultati negativi”, ma che “le prove suggeriscono che l’esposizione dei bambini a un certo grado di rischio … li aiuta a costruire la resilienza”.

Il rapporto implica che determinare ciò che è dannoso per i bambini richiede un attento bilanciamento del loro diritto “di essere protetti online dallo sfruttamento e dall’abuso sessuale e dalla violenza” contro “i loro diritti alla privacy, alla libertà di espressione,. . . e l’accesso alle informazioni. “

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments