CoronavirusEventi Avversi V.C.PoliticaSocietà

IL PRIMO MINISTRO CECO PETR FIALA PONE FINE AGLI OBBLIGHI VACCINALI.

Il primo ministro ceco pone fine agli obblighi di vaccinazione

‘Non vogliamo allargare le fratture nella società’ ~Petr Fiala

Il governo ceco sta ponendo fine agli obblighi vaccinali contro il COVID per evitare “l’ispessimento delle fratture” nella società. La notizia è stata data dal premier Petr Fiala in conferenza stampa mercoledì.

“Questo non cambia la nostra posizione sulla vaccinazione. È ancora senza dubbio il modo migliore per combattere il COVID-19… tuttavia, non vogliamo allargare le fratture nella società”, ha affermato Fiala.

Massicce proteste hanno scosso il governo precedente, che ha ordinato vaccinazioni COVID-19 per il personale ospedaliero e delle case di cura, polizia, soldati e alcune altre professioni, chiunque abbia più di 60 anni.

“Il governo di Fiala ha anche ridotto i tempi di quarantena e isolamento, mentre da questa settimana ha lanciato test obbligatori sui dipendenti delle aziende”, si legge nel rapporto. “I ricoveri, che hanno raggiunto il picco nell’ultima ondata Delta a più di 7.000 all’inizio di dicembre, sono scesi a 1.635 martedì da 1.761 registrati lunedì”.

Tuttavia, le azioni della Repubblica Ceca non significano che le restrizioni siano terminate. Un emendamento alle misure nazionali sul coronavirus del precedente governo del partito ANO e dei socialdemocratici ha esteso il periodo per il quale la normativa è attiva fino ad agosto 2023. Queste aggiunte consentiranno al governo di emanare misure di quarantena e isolamento, o limitare la presenza nei locali da ballo.

Mercoledì, il primo ministro assediato Boris Johnson ha sbalordito le sue controparti occidentali quando ha  annunciato che obblighi vaccinali e restrizioni sul lavoro sarebbero presto state revocate, al più tardi a marzo.

“Le persone in Inghilterra non dovranno più indossare mascherine per il viso ovunque o lavorare da casa dalla prossima settimana”, ha affermato mercoledì il primo ministro Boris Johnson, aggiungendo che gli scienziati credevano che un’ondata della variante del coronavirus Omicron avesse raggiunto il picco a livello nazionale”, ha  riferito Reuters .

Sul tagliere anche: autoisolamento o “quarantene”, che scadranno a marzo, ma le misure potrebbero essere tagliate prima.

“Grazie alla straordinaria campagna di richiamo, insieme al modo in cui il pubblico ha risposto alle misure del Piano B, possiamo tornare al Piano A in Inghilterra e consentire la scadenza dei regolamenti del Piano B a partire dall’inizio di giovedì della prossima settimana”, ha detto Johnson al parlamento britannico.

“Johnson ha detto che la certificazione obbligatoria per il COVID-19 terminerà, anche se le aziende potrebbero scegliere di continuare con i test COVID se lo desiderano”, ha aggiunto Reuters.

L’attuale valutazione di Boris Johnson è che il crollo del numero di infezioni da Omicron della nazione e la stabilizzazione dei tassi ospedalieri indicano che il Regno Unito può “convivere in sicurezza con il Covid”.

Sembra che più nazioni stiano seguendo l’esempio e decidendo che il Covid non significa e non significherà certamente la fine della civiltà occidentale come la conosciamo. Con buona pace del WEF e di Klaus Schwab

__________

FONTE

[jetpack_subscription_form]
Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!