CoronavirusDeep StateEight O’Clock in the MorningEventi Avversi V.C.SaluteScienza e Tecnologia

Il programma AI del Dipartimento della Difesa USA rileva che il potenziamento anticorpo-dipendente (ADE) sta accelerando nei soggetti completamente vaccinati

Un programma del Dipartimento della Difesa basato sull’intelligenza artificiale denominato ” Progetto Salus “, gestito in collaborazione con il JAIC ( Centro congiunto di intelligenza artificiale ), ha analizzato i dati su 5,6 milioni di beneficiari di Medicare di età pari o superiore a 65 anni e ha scoperto che il potenziamento dipendente dagli anticorpi sta accelerando nei completamente vaccinati questa settimana. I risultati allarmanti mostrano che la stragrande maggioranza dei ricoveri per covid si verifica tra individui completamente vaccinati e che i risultati tra i completamente vaccinati stanno peggiorando ogni settimana che passa. Questo sembra adattarsi al modello del cosiddetto potenziamento anticorpo-dipendente (ADEAntibody-Dependent Enhancement) o, meno correttamente, potenziamento immunitario o potenziamento della malattia, è un fenomeno nel quale il legame tra un virus e gli anticorpi non neutralizzanti migliora il suo ingresso nelle cellule ospiti e talvolta anche la sua replicazione. L’intervento terapeutico (vaccini mRNA) sta peggiorando gli esiti di salute e portando a un numero eccessivo di ospedalizzazioni e decessi.

Leggi anche: LA CATASTROFE ALLE PORTE. STUDIO SUL THE JOURNAL OF INFECTION: RISCHIO ALTO DI ADE PER I VACCINATI

Questi dati, presentati qui, infrangono la narrativa ufficiale che afferma falsamente che l’America sta vivendo “una pandemia di non vaccinati”. I dati mostrano che la pandemia sembra effettivamente essere accelerata dai vaccini covid-19, mentre gli individui non vaccinati stanno avendo esiti di gran lunga migliori rispetto ai vaccinati.

Inoltre, secondo questi dati (mostrati di seguito), l’unica migliore strategia per evitare infezioni e ricoveri post-vaccino è l’immunità naturale derivata da una precedente infezione da covid.

L’analisi completa è intitolata “Efficacia dei vaccini mRNA COVID-19 contro la variante Delta tra i beneficiari 5.6M Medicare di età pari o superiore a 65 anni” ed è datata 28 settembre 2021. La presentazione di questi dati consiste in 17 diapositive, che sono disponibili sul sito Humetric .

Dal documento JAIC Project Salus:

In questa popolazione di oltre 65 anni vaccinata all’80%, si stima che il 60% dei ricoveri per COVID-19 si sia verificato in individui completamente vaccinati nella settimana terminata il 7 agosto.

Entro il 21 agosto, il 71% dei “casi” di covid-19 si verificava tra individui completamente vaccinati:

In questa popolazione di oltre 65 anni vaccinata all’80%, si stima che il 71% dei casi di COVID-19 si sia verificato in individui completamente vaccinati.

Questi dati rivelano che quando la variante Delta si avvicinava a un tasso di infezione del 97%, i “casi” e i ricoveri tra gli individui completamente vaccinati mostravano aumenti sorprendenti ogni settimana che passava.

Principali risultati dell’analisi DoD / JAIC / Progetto Salus / Humetrix

In tutte le diapositive, “VE” si riferisce all’efficacia del vaccino. “Breakthrough” indica un vaccino fallito, in cui a una persona completamente vaccinata viene diagnosticato il covid. Molte di queste persone richiedono il ricovero in ospedale e i trattamenti in terapia intensiva (vedere le diapositive sottostanti).

Alcuni dei risultati chiave dell’analisi del Progetto Salus includono:

  • Si conferma che l’efficacia dei vaccini mRNA diminuisce nel tempo.
  • Con ogni settimana che passa, quelli vaccinati con vaccini mRNA mostrano un aumento del rischio di fallimento del vaccino / infezioni da covid che richiedono il ricovero in ospedale. Dall’analisi: “Odds ratio in aumento a 2,5 a 6 mesi dalla vaccinazione”.
  • L’immunità naturale funziona: una precedente infezione da covid riduce notevolmente le probabilità che una persona vaccinata necessiti di un ricovero in ospedale a causa di un’infezione successiva.

Il fallimento del vaccino peggiora drammaticamente entro 5-6 mesi

Una diapositiva dell’analisi rivela che le cosiddette infezioni “rivoluzionarie” – i fallimenti del vaccino – aumentano con il tempo, mostrando un quasi raddoppiamento delle infezioni rivoluzionarie tra quelli vaccinati 5-6 mesi fa rispetto a quelli vaccinate solo 3-4 mesi fa.

Questi dati terminano il 21 agosto 2021 ma la tendenza non sembra essere appiattita. Poiché ogni settimana vengono aggiunti più dati a questa analisi, sembra quasi certo che i tassi di infezioni rivoluzionarie continueranno ad aumentare nel tempo negli individui vaccinati. Non sappiamo ancora cosa accadrà nei 9 mesi successivi alla vaccinazione, ma questi dati mostrano motivo di grave preoccupazione.

Il grafico seguente rivela che entrambi i vaccini Pfizer e Moderna mostrano lo stesso modello di peggioramento dei tassi di infezione nel tempo. Notare la tendenza al rialzo di tutte le barre in questo grafico, il che significa che entrambi i vaccini mRNA stanno producendo lo stesso aumento delle infezioni tra i completamente vaccinati:

Una volta che la variante Delta ha preso piede, il 71% dei casi di “svolta” COVID-19 si è verificato tra i completamente vaccinati

Come mostra il grafico seguente, il 71% dei “casi” di COVID-19 sono stati casi rivoluzionari (fallimenti vaccinali) una volta che la variante Delta ha raggiunto il 90% di diffusione tra gli infetti.

Comprendere che gli autori di questo documento affermano che coloro che sono stati sottoposti al siero non sono considerati “vaccinati” fino a due settimane dopo aver ricevuto le iniezioni , il che significa che infezioni, ricoveri e decessi avvenuti da 0 a 14 giorni vengono ignorati in questo set di dati.

In realtà, ciò significa che la percentuale di persone “completamente vaccinate” responsabili di infezioni, ricoveri e decessi è sostanzialmente superiore a quanto mostrato in questi dati. Se affermano un tasso del 71%, in realtà potrebbe essere più simile all’80% o addirittura al 90%, ma non lo sappiamo con certezza perché nascondono tutti i risultati negativi sulla salute per le prime due settimane dopo la somministrazione dei vaccini ( affermando che quelle persone sono “non vaccinate”, che è un deliberato inganno utilizzato per cercare di nascondere gli effetti dannosi dei vaccini).

I gruppi etnici più colpiti: nativi americani, ispanici e neri

Infine, un’orribile diapositiva nel set di dati rivela che uno dei più alti fattori di rischio per essere ricoverati in ospedale dopo essere stati vaccinati è semplicemente essere di origine nativa americana. Secondo i dati in questa diapositiva, i nativi americani affrontano circa il 50% in più di probabilità di essere ricoverati in ospedale dopo essere stati vaccinati, rispetto ad altri gruppi etnici come i bianchi.

Gli ispanici affrontano un rischio leggermente inferiore che sembra essere circa il 40% più alto di probabilità. I neri affrontano quote superiori di circa il 25%.

Perché questo è il caso? Le proprietà di guadagno di funzione che sono state progettate nell’arma biologica SARS-CoV-2 – tramite Fauci, Daszak e NIH – prendono di mira i recettori ACE2 che esistono a densità più elevate nei sistemi di organi mirati di molti gruppi minoritari come i nativi americani, gli ispanici e Neri. Ciò ha portato molti osservatori a concludere che la proteina spike covid – che viene generata nei corpi di coloro che assumono vaccini mRNA – è un’arma biologica specifica per razza progettata per ottenere lo spopolamento di gruppi di minoranza. Louis Farrakhan, leader della Nation of Islam, si è impegnato in molti sforzi per portare questo all’attenzione dei suoi seguaci, per esempio. Questi dati forniti dal documento DoD/JAIC/Progetto Salus qui mostrato sembrano supportare la plausibilità di tali teorie .

Altri fattori che aumentano notevolmente le probabilità di una persona di essere ricoverata in ospedale dopo aver ricevuto le vaccinazioni includono insufficienza renale (ESRD), obesità patologica, malattia epatica cronica o chemioterapia.

L’immunità naturale offre una protezione documentata contro futuri ricoveri ospedalieri

Infine, i dati presentati in questo documento mostrano che l’immunità naturale – elencata come “precedente al covid-19” riduce sostanzialmente il rischio di ricovero in ospedale dopo aver ricevuto i vaccini per il covid-19. (Vedi la diapositiva sopra.)

Ciò significa che il modo migliore per garantire l’esito più sicuro di un vaccino contro il covid è sperimentare un’infezione da covid . Questo riduce drasticamente il rischio di esiti negativi sulla salute.

Poi di nuovo, se qualcuno ha già avuto il presunto covid, perché avrebbe bisogno di un vaccino in primo luogo? Semmai, questi dati mostrano che chiunque scelga di ricevere i vaccini covid-19 sta facendo la scelta sbagliata se desidera evitare infezioni, ricoveri o decessi.

L’immunità naturale, ancora una volta, si rivela come lo stato più efficace che riduce gli esiti negativi.

Conclusione

In conclusione, questi dati del DoD / JAIC frantumano assolutamente la falsa narrativa delle autorità che stanno ancora tentando di convincere il pubblico a pensare che gli ospedali siano pieni di persone non vaccinate. In realtà, la stragrande maggioranza dei ricoveri e dei decessi avviene tra coloro che sono stati completamente vaccinati, secondo i 5,6 milioni di persone studiate in questo particolare set di dati (Medicare).

È importante sottolineare che i risultati sulla salute post-vaccino stanno peggiorando nel tempo, il che significa che i vaccini sembrano danneggiare gradualmente il sistema immunitario nei mesi successivi, rendendo gli individui vaccinati molto più vulnerabili alle infezioni successive. Questa è la definizione stessa di ADE (Antibody Dependent Enhancement), di cui siamo stati avvertiti. Ora, sembra che l’ADE non sia più solo una teoria, ma piuttosto un fenomeno confermato riflesso nei dati ufficiali di Medicare.

FONTE

Il modo migliore per assicurarti di vedere i nostri articoli è iscriverti alla mailing list sul  sito Web, riceverai una notifica via email ogni qualvolta pubblicheremo un articolo. Se ti è piaciuto questo pezzo, per favore considera di condividerlo, seguirci sul tuo Social preferito tra Facebook , Twitter , Instagram, MeWe, Gab, Linkedin (basta cercare “Database Italia”) o su Telegram (Il nostro preferito) oppure sostenendoci con una donazione seguendo le modalità indicate nella pagina “Donazioni”   Tutti, hanno il mio permesso per ripubblicare, utilizzare o tradurre qualsiasi parte dei nostri lavori (citazione gradita). Davide Donateo – Fondatore e direttore di Database Italia.

Articoli correlati

Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite debit card o carta di credito.

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

ABBONATI! Con un piccolo contributo di 3 € al mese potrai leggere tutti gli articoli senza fastidiose pubblicità.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!