CoronavirusEconomia

Il Regno Unito Sceglie di uscire dal Programma Di Vaccinazione COVID-19 Dell’UE

LONDRA / BRUXELLES – Secondo alcune fonti ben informate, il governo del Regno Unito ha respinto la possibilità di aderire al programma di vaccinazione contro il coronavirus dell’Unione europea a causa delle preoccupazioni relative a “costosi ritardi”. L’UE sta pianificando di spendere circa 2 miliardi di euro (1,8 miliardi di sterline) per l’acquisto anticipato di vaccini che sono in fase di sperimentazione per conto dei 27 Stati membri.

Sono in corso negoziati con Bruxelles, ma si ritiene che Alok Sharma, il segretario commerciale, abbia rinunciato all’opportunità, secondo The Daily Telegraph. La Commissione europea dovrebbe essere informata venerdì. La decisione di non partecipare potrebbe provocare una reazione tra i parlamentari dell’opposizione, che credono che i ministri siano riluttanti a collaborare con l’UE dopo la Brexit.

Fonti governative hanno riferito al giornale (FRN) che i funzionari temono che l’adesione al programma possa ritardare il lancio di un vaccino di un massimo di sei mesi mentre si svolgono colloqui sulla distribuzione. Hanno inoltre sollevato dubbi sul fatto che i paesi che hanno aderito sarebbero soggetti a un limite al numero di dosi assegnate a ciascuno Stato membro.

“I termini non sono giusti per noi. Il regime dell’UE non consentirebbe al Regno Unito di fare qualcosa di più di quanto non sia possibile fare attualmente “, ha affermato una fonte.

Un’altra fonte ha affermato che la decisione “non danneggerebbe gli sforzi” intrapresi dalla Task force sui vaccini del governo, che sta coordinando gli sforzi per la ricerca e la produzione di un vaccino sicuro.

I funzionari hanno anche detto al giornale che i benefici del programma dell’UE sono “limitati” poiché la maggior parte delle aziende farmaceutiche offrono al Regno Unito prezzi simili ad altri paesi nonostante il blocco affermi che il “potere di acquisto collettivo” consentirà potenziali economie di scala.

Il Regno Unito ha già ottenuto un accordo bilaterale con AstraZeneca in collaborazione con l’Università di Oxford, ma si teme che alcuni vaccini iniziali potrebbero non essere efficaci e il Regno Unito si riserva il diritto di essere coinvolto in tutti i progetti nel bilancio 2020 dell’UE.

L’alleanza tra Oxford e AstraZeneca – che, se avrà successo, significherà che il Regno Unito diventerà il primo destinatario del vaccino – ha iniziato la seconda fase degli studi sull’uomo a maggio. Boris Johnson è stato criticato per l’incapacità di aderire al programma di approvvigionamento di ventilatori e DPI dell’UE a marzo, accusato da Downing Street di “un problema di comunicazione iniziale”.

Fonte: Articolo tradotto da Fortruss News

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Dario

C’è poco da commentare, i fatti parlano ….in Italia non siamo abituati ai fatti se non quelli che aumentano le tasse la benzina le sigarette gli alcolici l’IVA ecc, per il resto…. chiacchiere chiacchiere chiacchiere

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!