Quantcast
Database Italia

Il ritorno degli “adulti” di Obama nell’amministrazione di Joe Biden rischia di essere la rovina per l’America

L’establishment statunitense, e il mondo, hanno trascorso gli ultimi quattro anni cercando di adattarsi alle politiche dirompenti di un presidente “infantile”. Ora tornerà il gruppo dirigente “adulto” dei Democratici. Attenti, gente.

A coloro che assistono al dramma che si svolge a Washington, DC sullo stallo da parte del presidente eletto dai Media Joe Biden nel formare una squadra di transizione, i paralleli sono stranamente familiari: un’elezione aspramente contestata tra una figura politica dell’establishment e una DC sfacciata ” outsider “, un risultato controverso che ritarda l’attuazione della transizione tra le amministrazioni e un’atmosfera apertamente condiscendente in cui il team entrante si è presentato come un ritorno alla leadership” adulta “. 

Quella volta era il dicembre 2000, quando una squadra repubblicana guidata dal presidente eletto George W. Bush era pronta a installare un gabinetto composto da spie veterane, diplomatici e responsabili della sicurezza nazionale che avevano affilato i denti durante le amministrazioni di Ronald Reagan e George HW Bush. Con Colin Powell come segretario di stato, Donald Rumsfeld come segretario alla difesa, George Tenet come direttore dell’intelligence centrale e Condoleezza Rice come consigliere per la sicurezza nazionale, la squadra di politica estera e di sicurezza nazionale di cui Dubya si circondava quando si presumeva che la presidenza fosse altrettanto esperta.

Eppure, entro due anni dall’assunzione delle proprie responsabilità, questa squadra di “adulti ” aveva presieduto il peggior attacco terroristico nella storia americana e l’inizio di due guerre (in Afghanistan e in Iraq) che avrebbero cambiato per sempre sia la mappa geopolitica del mondo che il ruolo dell’America come leader mondiale.

Vent’anni dopo, i ruoli si sono invertiti, con un team esperto di veterani “adulti” provenienti dagli otto anni di mandato del presidente Barack Obama che si preparava a far passare gli Stati Uniti dai quattro tumultuosi anni della presidenza di Donald J. Trump. Sebbene Biden non abbia finalizzato la sua squadra di politica estera e sicurezza nazionale, c’è un consenso tra osservatori politici esperti su chi potrebbero essere i principali contendenti per le posizioni di politica di sicurezza estera e nazionale dei “quattro grandi” nella sua amministrazione. 

Sebbene non ci siano dubbi sull’esperienza e le credenziali professionali di questi potenziali candidati, hanno tutti una cosa in comune: la propensione all’intervento militare da parte degli Stati Uniti. Per chiunque sperasse che un’amministrazione Biden potesse completare il compito iniziato dal presidente Trump di condurre l’America fuori dalle ” guerre eterne ” iniziate dagli ” adulti ” dell’amministrazione di George W. Bush, queste scelte rappresentano un campanello d’allarme sul fatto che questo non sarà il risultato probabile. 

Inoltre, un potenziale gabinetto Biden completerebbe più che probabilmente la predilezione esistente da parte del presidente eletto per l’intervento militare, indicando una politica di sicurezza estera e nazionale che non solo sostiene i conflitti esistenti in Afghanistan, Iraq, Siria e altrove, ma aumenta la probabilità di ulteriori disavventure militari. Il team di Biden cercherà quasi certamente di infilare l’aggressiva filosofia “L’America è tornata” del presidente eletto in una realtà geopolitica che non è incline ad accettare un ruolo del genere.

Quindi chi è probabile che ricopra quale ruolo?

segretario di Stato

La preferita qui è Susan Rice, che ha servito sia come consigliere per la sicurezza nazionale che come ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite sotto Barack Obama. Biden la conosce molto bene e hanno un ottimo rapporto di lavoro. Con una storia di promozione dell’intervento degli Stati Uniti in Siria e Libia, Rice molto probabilmente sosterrebbe qualsiasi suggerimento politico riguardante un reimpegno da parte degli Stati Uniti in Siria nel tentativo di contenere e / o rovesciare Bashar al-Assad, e sarebbe reticente a ritirare le forze statunitensi dall’Afghanistan o dall’Iraq. 

Molto probabilmente cercherebbe anche politiche “conflittuali” rigide progettate per “ridurre” l’influenza russa in Europa e nel Medio Oriente, così come le affermazioni della Cina riguardo al Mar Cinese Meridionale. La Rice cercherà di rafforzare gli aspetti militari della NATO per posizionare meglio quell’organizzazione contro la Russia in Europa e la Cina nel Pacifico.

Una nomination alla Rice potrebbe entrare in conflitto con un Senato controllato dai repubblicani, dove una fonte vicina all’attuale leader della maggioranza del Senato, Mitch McConnellha osservato che un ” Senato repubblicano lavorerebbe con Biden sui candidati centristi ” ma si opporrebbe ai “progressisti radicali” quelli che sono controversi tra i conservatori. 

Sebbene la Rice non sia una “progressista radicale”, i repubblicani continuano a condannare le sue azioni mentre prestava servizio come ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite in risposta all’attacco terroristico del 2012 al consolato degli Stati Uniti a Bengasi, in Libia, in cui persero la vita quattro americani – incluso l’ambasciatore degli Stati Uniti in Libia. Questa controversia le ha impedito di diventare Segretario di Stato durante il secondo mandato di Obama, e ci si può aspettare un’udienza molto controversa al Senato se fosse nominata.

segretario della Difesa

Una donna ugualmente qualificata, ma molto meno controversa, è la probabile candidata per questa posizione. Michele Flournoy, se nominato e confermato, diventerebbe la prima segretaria alla difesa donna nella storia degli Usa. Dato il suo ampio curriculum, che include diversi incarichi precedenti in posizioni politiche di alto livello nel Dipartimento della Difesa durante le amministrazioni Clinton e Obama, fornirebbe una mano esperta nella gestione del Pentagono. 

Flournoy una volta disse al New York Times che “la guerra potrebbe avere molti gusti diversi in futuro. “Nei suoi precedenti incarichi al Pentagono, ha assunto una posizione dura contro Russia e Cina, ha incoraggiato l’intervento militare in Libia e Siria e ha sostenuto le operazioni militari in Afghanistan. La sua propensione a cercare soluzioni militari per sfidare le questioni di politica estera rafforzerebbe le inclinazioni simili di Biden. Con Flournoy alla guida del Pentagono, l’America può aspettarsi di sperimentare un menu completo di “aromi” di guerra.

Direttore della CIA

Mentre le due posizioni di cui sopra rappresentano i presunti capi della politica estera e di difesa degli Stati Uniti, la realtà è che gli Stati Uniti sono diventati sempre più dipendenti dalle capacità di azione segreta della Central Intelligence Agency quando si tratta di influenzare i risultati diplomatici e militari. Mentre i notiziari hanno in alcune occasioni sollevato il velo di segretezza che circonda le attività segrete della CIA, consentendo agli americani e al mondo una piccola misura di comprensione della loro portata, scala ed efficacia, la realtà è che la stragrande maggioranza del lavoro della CIA rimane riservato e rivelato solo decenni dopo il fatto.

In qualità di anziano democratico nella commissione per le relazioni estere del Senato, e in seguito come vice presidente, Biden ha una profonda familiarità con queste attività segrete e con il potenziale della CIA di influenzare la politica di sicurezza nazionale e estera americana. Uno dei nomi di cui si parla per il ruolo di regista è Michael Morell. È un ufficiale della CIA in pensione, dopo aver scalato i ranghi nel corso di una carriera di 33 anni, finendo nel 2013 dopo aver servito due volte come direttore ad interim sotto il presidente Obama. 

Morell senza dubbio gestirà l’agenzia in modo professionale. È un uomo della CIA, filtrato nelle arti oscure. La comprensione di come questa esperienza potrebbe manifestarsi in un’amministrazione Biden è stata fornita attraverso i commenti che Morell ha fatto sulla Siria mentre appariva su PBS nel 2016. ” Ciò di cui hanno bisogno è che russi e iraniani paghino un piccolo prezzo “, ha detto. “ Quando eravamo in Iraq, gli iraniani davano armi alla milizia sciita, che stava uccidendo i soldati americani, giusto? Gli iraniani ci facevano pagare un prezzo. Dobbiamo far pagare un prezzo agli iraniani in Siria. Dobbiamo far pagare un prezzo ai russi “. 

Con “pagare un prezzo”, Morell intendeva “uccidere”. Russi e iraniani, ha detto, dovrebbero essere uccisi “di nascosto, quindi non ne parli al mondo, non ti alzi al Pentagono e dici” l’abbiamo fatto “. Ma assicurati che lo sappiano a Mosca e Teheran “.

Consigliere per la sicurezza nazionale

Se stato, difesa e CIA sono i tre principali strumenti a disposizione di Biden nella conduzione della politica di sicurezza estera e nazionale, la persona responsabile di far riunire questi tre giocatori – insieme a una miriade di altri dipartimenti e agenzie – come un’unica squadra spetta al consigliere per la sicurezza nazionale. Qui, Biden sembra propendere per un’altra mano esperta, Antony Blinken

Il curriculum di Blinken include periodi al Dipartimento di Stato e al Consiglio di sicurezza nazionale durante l’amministrazione Obama. Come gli altri potenziali candidati, Blinken possiede il tipo di esperienza necessaria per partire alla grande. Come qualcuno che conosce ed è ben noto a tutti i principali attori politici che potrebbero popolare un’amministrazione Biden, incluso lo stesso presidente eletto, Blinken sarebbe in grado di coordinare la formulazione e l’attuazione delle politiche in modo trasparente.

Qui, tuttavia, sta il problema: Blinken servirebbe da facilitatore di posizioni politiche interventiste sulle quali è intrinsecamente incline a concordare. Come gli altri potenziali candidati di Biden, Blinken ha sostenuto gli interventi di Obama in Siria e Libia, due eventi che fungono da cartina di tornasole per accertare potenziali scenari interventisti in futuro. 

Mentre un consigliere per la sicurezza nazionale dovrebbe isolare la presidenza dalle proposte politiche più mirate e intransigenti avanzate dallo stato e dalla difesa e fornire un equilibrio quando si tratta di considerare le proposte di azione segreta della CIA, Blinken funzionerebbe più come una superstrada delle opzioni politiche interventiste tra queste entità e un presidente il cui background può essere definito come non aver mai visto un’opportunità di intervento statunitense che non gli piaceva.

Allo stato attuale delle cose, non si può prevedere con assoluta certezza la composizione di un gabinetto Biden; è probabile che uno o più dei potenziali candidati qui elencati cadano nel dimenticatoio, il loro cammino bloccato dall’imprevedibilità di una conferma del Senato per mano di un partito repubblicano ostile. 

Ma la predilezione per l’intervento militare e l’azione segreta definirà qualsiasi gabinetto guidato da Biden, indipendentemente da chi ci sarà seduto. Alla fine, la probabilità che questa iterazione della leadership ” adulta ” finisca per coinvolgere l’America in interventi eccessivi che interrompono ulteriormente l’equilibrio geopolitico globale a sfavore degli Stati Uniti mentre costano alla sua gente sangue e averi.

Ti andrebbe di contribuire?

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.

Diventa un sostenitore!



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ti è piaciuto questo articolo?

Continua a seguirci sui nostri social per restare sempre aggiornato!