Home Economia IL RITORNO (PREVISTO) DELLA STAGFLAZIONE E LA FINE DELL’EURO

IL RITORNO (PREVISTO) DELLA STAGFLAZIONE E LA FINE DELL’EURO

12
0

IL RITORNO (PREVISTO) DELLA STAGFLAZIONE E LA FINE DELL’EURO. Qualche settimana fa, in una delle pillole di economia (QUI), dissi che presto sarebbe suonato l’allarme stagflazione e così è stato.

Nessuna profezia. La stagflazione era semplicemente nell’aria, nonostante le smentite della Lagarde, che invece, continua a lanciare l’ennesimo allarme sulle criptovalute (QUI). L’inflazione c’era ma non si vedeva (o perlomeno molti facevano finta di non vederla). Ora l’inflazione c’è e la vedono anche i ciechi (o dovrebbero)!

IL RITORNO (PREVISTO) DELLA STAGFLAZIONE E LA FINE DELL’EURO
IL RITORNO (PREVISTO) DELLA STAGFLAZIONE E LA FINE DELL’EURO. Christine Lagarde, Presidente della BCE

Le politiche deflazioniste più l’impennata di prezzi delle materie prime, innescata dai soliti gruppi di pressione sulla scacchiera internazionale, avrebbero prima o poi fatto deflagrare la temuta stagflazione, cioè, la compresenza di decrescita economica e inflazione, mostro apparso già negli anni Settanta.

La dichiarazione (ovvia) è stata rilasciata da Jürgen Michels della Bayern LB (Bayerische Landesbank), la banca pubblica con sede a Monaco di Baviera, di proprietà del 75% dello Stato Libero di Baviera e del 25% di proprietà della Sparkassenverband Bayern (l’Associazione delle Casse di Risparmio Bavaresi).

IL RITORNO (PREVISTO) DELLA STAGFLAZIONE E LA FINE DELL’EURO
IL RITORNO (PREVISTO) DELLA STAGFLAZIONE E LA FINE DELL’EURO. Jürgen Michels_BayernLB

Handelsblatt (QUI) tuona: WDH/BayernLB: Stagflation ist da – steigende Preise bei geringem Wachstum, cioè:

WDH/BayernLB: la stagflazione è arrivata: prezzi in aumento e crescita ridotta

31.05.2022 – 16:21 MONACO La BayernLB afferma che l’economia dell’eurozona è entrata nella fase di stagflazione temuta da economisti e politici: aumento dei prezzi e stagnazione della produzione economica. I tassi di inflazione sono elevati, ma l’economia non cresce più, ha dichiarato martedì a Monaco il capo economista della BayernLB Jürgen Michels. L’ultima crescita significativa è stata registrata nel terzo trimestre del 2021.

“Da allora abbiamo oscillato intorno allo zero e probabilmente continueremo a farlo per gran parte di quest’anno”. Il termine “stagflazione” risale agli anni ’70 e si riferisce alla combinazione di alta inflazione e debolezza dell’attività economica innescata dagli shock dei prezzi del petrolio dell’epoca. Il presidente della Banca Centrale Europea (BCE), Christine Lagarde, aveva smentito i timori di stagflazione all’inizio di maggio.

Michels, tuttavia, era più pessimista al riguardo. Dopo la pandemia di Corona, la guerra in Ucraina e i conflitti dell’Occidente con la Cina, il capo economista della BayernLB vede un punto di svolta in cui sarà molto più difficile per l’Europa e la Germania mantenere la prosperità o crearne di nuova.

La BCE sembra aver fallito, ormai, su ogni piano. Non ha mai sostenuto la crescita economica e ora non riesce nemmeno più a contenere l’inflazione e a stabilizzare il sistema finanziario.

Non ci sorprenderemmo più di tanto, se a distanza di poco tempo, qualche altro istituto bancario (tedesco) facesse “coming out”, dichiarando il proprio stato di insolvenza e innescando, così, un inarrestabile (e atteso) effetto domino, in grado di sgretolare ineluttabilmente la moneta unica e la stessa UE.

Il nuovo sistema finanziario internazionale, caratterizzato da un ritorno alle valute nazionali, potrebbe essere già realtà.

Previous articleAntiche città avanzate scoperte in Amazzonia
Next articleIL PROTO CODICE RATZINGER
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.