Database Italia

Il segretario generale delle Nazioni Unite chiede una”governance globale” più incisiva

“Dobbiamo assolutamente riunirci per reinventare il mondo che condividiamo”, afferma Antonio Guterres.

NEW YORK – Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres chiede un livello “multilaterale” di governance più “aggressiva” che “funzioni come strumento di governance globale laddove necessario”.

“Il problema è che il multilateralismo di oggi manca di scala, ambizione e denti”, ha detto Guterres durante una conferenza stampa giovedì durante il lancio della “risposta globale delle Nazioni Unite al COVID-19”

“E alcuni degli strumenti di cui disponiamo dimostrano di avere denti, ma allo stesso tempo mostrano poco o nessun appetito nè voglia di mordere, come recentemente è stato il caso delle difficoltà incontrate dal Consiglio di sicurezza.”

Nel mondo interdipendente di oggi, “gli interessi nazionali non sono facilmente separati dal bene globale”, ha detto Guterres.

Inoltre, lo sconvolgimento economico e sociale causato dalla pandemia di coronavirus “ha messo a nudo disuguaglianze sistemiche e gravi” in tutto il mondo e ha sottolineato la sua fragilità di fronte alla “crisi climatica”, la minaccia della guerra nucleare e “l’illegalità nel cyberspazio”, ha avvertito. 

Di fronte a tali problemi, “i leader mondiali devono essere umili e riconoscere l’importanza vitale dell’unità e della solidarietà”, ha affermato.

“Dobbiamo reinventare il modo in cui le nazioni cooperano”, ha affermato Guterres. 

“Abbiamo bisogno di una rete multilaterale , che riunisca il sistema delle Nazioni Unite, le organizzazioni regionali, le istituzioni finanziarie internazionali e altri”, ha affermato.  

“E abbiamo bisogno di un multilateralismo efficace che possa funzionare come strumento di governance globale laddove è necessario.”

Lo stesso messaggio lo aveva ribadito in una conferenza stampa virtuale il 26 giugno in occasione del 75 ° anniversario dell’adozione della Carta delle Nazioni Unite a San Francisco.

Per emulare coloro che afferrarono la Carta come l’opportunità di “piantare qualcosa di nuovo” dopo la depressione e le guerre mondiali, il multilateralismo deve cambiare, ha detto.

“Dobbiamo reimmaginare il multilateralismo, dargli i denti per funzionare come previsto dai fondatori e garantire che una governance globale efficace sia una realtà quando diventa necessaria”, ha affermato Guterres.

“Dobbiamo anche portare tutti gli altri al tavolo in un multilateralismo inclusivo e in rete, poiché i governi sono solo una parte delle realtà politiche di oggi”, ha aggiunto.

“La società civile, le città, il settore privato e i giovani sono voci essenziali nel plasmare il mondo che vogliamo”.

Alle “fragilità” del globo di cui ha parlato giovedì, Guterres ha aggiunto ulteriori problemi: diffidenza crescente nei confronti dei governi nazionali, “disuguaglianza, discriminazione, corruzione e mancanza di opportunità in tutto il mondo – rimostranze che devono ancora essere affrontate, anche con un rinnovato contratto sociale.”

C’è anche la possibilità di un’altra pandemia di “un nuovo virus trasmesso facilmente come il COVID-19 ma mortale come l’Ebola”, ha avvertito.

E c’è “la piaga della disinformazione” da combattere.

Guterres non vede l’ora di discutere di queste questioni in occasione dell’assemblea generale annuale delle Nazioni Unite a settembre “in qualsiasi forma si reputi necessaria”, ha detto giovedì.

“Dobbiamo assolutamente riunirci per reinventare il mondo che condividiamo.”

Non è la prima volta che Guterres, ex presidente dell’Internazionale socialista dal 1999 al 2005, usa la pandemia da coronavirus per spingere il “governo globale” in una forma o nell’altra.

Ha proposto a marzo di inserire il 10 percento del PIL mondiale in un fondo amministrato a livello internazionale e un “pacchetto di stimolo coordinato” per rispondere alle conseguenze economiche e sociali della pandemia.

“Se i paesi dovessero accettare il piano, le Nazioni Unite o qualche analoga agenzia di coordinamento otterrebbero l’equivalente di circa 8,7 trilioni di dollari, un importo senza precedenti che sarebbe 2.900 volte superiore al budget annuale delle Nazioni Unite di 3 miliardi di dollari”.

Il piano avrebbe anche “posto in essere efficacemente un’agenzia globale, presumibilmente la stessa ONU, incaricata di sostenere le economie del mondo durante la crisi del coronavirus”.

Tuttavia, il fondo internazionale proposto da Guterres si inserisce perfettamente nell’iniziativa “Great Reset” lanciata dal World Economic Forum, insieme al Principe Carlo d’Inghilterra e al Fondo monetario internazionale (FMI), ha scritto Jeanne Smits di LifeSite il mese scorso .

Guterres sostiene pienamente il “Grande Ripristino”, di cui le élite globaliste mondiali discuteranno nel gennaio 2021 a Davos, in Svizzera, insieme ai partecipanti online di tutto il mondo.

L’iniziativa ha l’obiettivo di “ricostruire” il sistema economico e sociale mondiale al fine di renderlo più “sostenibile”.

In effetti, le Nazioni Unite hanno fatto un “grande passo” verso il governo globale con la loro proposta del 2015: “Trasformare il mondo: agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile”, ha sottolineato E. Jeffrey Ludwig due anni fa.

Ha osservato la somiglianza tra la definizione di “sviluppo sostenibile” della Commissione mondiale delle Nazioni Unite per l’ambiente e lo sviluppo che “soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare i propri bisogni” e “l’assioma marxista secondo il quale la società dovrebbe essere organizzato attorno all’idea di ” ciascuno secondo le sue capacità a ciascuno secondo i suoi bisogni” “. 

Pertanto, “Il marxismo è implicito nella sostenibilità, ma è sfumato con adattamenti e obiettivi apparentemente scientifici legati all’ambientalismo”, ha osservato Ludwig.

“I one-worlders degli anni ’50 e dei primi anni ’60 sono ora al posto di guida delle Nazioni Unite e hanno fatto la loro mossa. La sovrapposizione del discorso marxista su “soddisfare le esigenze” è passata al centro della scena. Le Nazioni Unite si sono assegnate un lasso di tempo per andare avanti nel loro piano per l’egemonia planetaria “, ha avvertito.

Guterres sta inoltre spingendo in modo aggressivo un diritto globale all’aborto nel contesto della pandemia di coronavirus. 

Il Centro per la famiglia e i diritti umani (C-Fam) ha riferito in aprile che l’ appello di Guterres a  marzo per $ 2 miliardi per aiutare i paesi in via di sviluppo ad affrontare il nuovo coronavirus evidenzia ripetutamente “la salute e i diritti sessuali e riproduttivi” come un’area prioritaria della sicurezza alimentare e politica sanitaria. 

Inoltre, “in contraddizione con i governatori degli Stati Uniti che vogliono concentrare tutto il personale medico sull’emergenza del coronavirus, i funzionari e il personale dell’Organizzazione mondiale della sanità stanno promuovendo l’aborto come un” servizio essenziale “”, ha affermato C-Fam.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.